.Smart City / Mobilità, Mobilità

L’auto volante potrebbe essere presto una realtà

di

 

Si chiama AeroMobil, la vettura ideata dall’ingegnere Stefan Klein e sulla quale ha lavorato per vent’anni, sarà presentata al Pioneers Festival in Austria il 29 ottobre prossimo. Ha una forma del tutto simile alle normali automobili ma è fornita di ali ritraibili dall’arcata di circa 8 metri.

Il suo telaio è in acciaio e la carrozzeria fibra di carbonio, del peso di circa 450 chilogrammi vuota.  Raggiunge i 160 km orari su strada e i 200 chilometri in volo , con un’autonomia di 700 km in aria e 875 km a terra con un solo pieno di benzina. Per fare rifornimento basta andare in qualsiasi comune distributore di benzina. Può percorrere la tratta Roma-Milano in tre ore. Per ora è solo un prototipo ma Klein spera di poter avviare una produzione di massa quanto prima.

 

Chi invece si dice pronto a immettere sul mercato entro il 2016 la sua auto volante è la compagnia americana Terrafugia che attualmente sta lavorando su due modelli. Il primo è Transition , un piccolissimo aereo con ali ripegabili, capace sia di muoversi su strada sia di spiccare il volo. È dotato di un paracadute, una ruota di scorta e due airbag, uno per il pilota e uno per il passeggero. Il velivolo è pensato e ideato per viaggiatori facoltosi, disposti a spendere intorno ai 200 mila dollari per provare l’ebrezza di viaggiare da una parte all’altra del globo in piena autonomia.

Il secondo modello, chiamato TF-X, è pensato per ospitare quattro passeggeri e si può comodamente parcheggiare nel garage di casa. Ha un’autonomia di 800 km, può decollare in verticale e atterrare automaticamente in caso di avaria o di condizioni climatiche sfavorevoli.  TF-X dovrebbe essere sul mercato già a partire dal 2021 ed avere un costo in linea con le auto tradizionali.

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati