skip to Main Content

Una spruzzata di acido nitrico protegge dal Covid? Report Economist

Acido Nitrico Covid

Ecco perché, secondo alcuni ricercatori, acidificare l’aria degli ambienti chiusi potrebbe ridurre la diffusione del Covid-19 (e non compromettere la salute). Tutti i dettagli nell’articolo dell’Economist

 

In Cina, uno dei segni della diffusione di una malattia respiratoria è l’aumento delle vendite di aceto. La medicina popolare dice che quando lo si fa bollire, i fumi ricchi di acido acetico liberano l’aria da qualsiasi malattia che sta portando la tosse. E potrebbe esserci un fondo di verità in questa credenza, perché un modo sicuro per rendere innocui i virus trasportati dall’aria, come il SARS-CoV-2, è rendere più acide le goccioline di liquido che li trasportano.

Tamar Kohn della Scuola Politecnica Federale di Losanna e Thomas Peter della sua controparte di Zurigo ritengono però che ciò possa essere fatto bene solo da un acido più forte di quello acetico-nitrico. In uno studio appena pubblicato su Environmental Science and Technology osservano che, una volta all’interno di una goccia, l’acido nitrico crea condizioni che i virus trovano difficili da sopportare – scrive The Economist.

Kohn, Peter e i loro collaboratori hanno sperimentato vari virus sospesi in liquidi simili a quelli di cui sono fatti gli aerosol naturali che trasportano i virus, in particolare il fluido polmonare e il muco nasale, per vedere quanto acidi dovessero essere per inattivare le diverse specie virali. Sulla base di precedenti esperimenti sulla diffusione di composti in tali goccioline, hanno anche calcolato la facilità con cui l’acido nitrico vi entrerebbe.

Il passo logico successivo sarebbe stato quello di studiare l’effetto sui virus trasportati da aerosol di aria ricca di acido nitrico. Tuttavia, le norme di biosicurezza glielo impedivano, quindi hanno utilizzato un modello computerizzato basato sui risultati raccolti.

Per i virus influenzali, ha suggerito il modello, la normale aria degli ambienti è già abbastanza dannosa. I virus influenzali vengono inattivati in pochi minuti. Quello del Covid-19, tuttavia, è un osso duro. Nell’aria di una stanza normale può rimanere attivo per giorni. Ma non è invulnerabile. Le gocce diventano trappole mortali in meno di un minuto se l’acidità dell’aria viene aumentata a sufficienza. Questo suggerisce un’idea interessante. Il modello indica che iniettare acido nitrico nell’aria di un edificio, attraverso il sistema di ventilazione, potrebbe ridurre di 1.000 volte le possibilità di infezione per le persone.

Ciò implica che le persone respirino un acido forte. Ma questo non dovrebbe essere dannoso. La concentrazione necessaria per distruggere il SARS-CoV-2 è meno di un decimo del livello di sicurezza legale per i luoghi di lavoro in America e in gran parte d’Europa.

Resta da vedere se, anche con questa rassicurazione, le persone sarebbero effettivamente disposte ad accettare aria acida in cambio di protezione virale. Tuttavia, una chiara conseguenza di questo lavoro è che vale la pena di prendere in considerazione l’idea di indossare una mascherina in edifici come musei e biblioteche, che sono pieni di oggetti per i quali l’acido è dannoso, e quindi hanno l’aria trattata per ridurne, piuttosto che aumentarne, l’acidità.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore