skip to Main Content

Tutte le capriole della Cina sul Covid

Narrativa Covid Cina

Da “nemico dell’umanità” a “semplice influenza”, ecco come è cambiata la narrativa della Cina sul Covid. L’articolo di El Pais

 

La Cina –  scrive El Pais – ha bruscamente invertito la rotta sulla sua strategia per il Covid-19 e, di conseguenza, sulla narrazione della malattia che nel 2020 ha fatto precipitare il mondo nella più grande crisi dalla Seconda Guerra Mondiale. A undici mesi dallo scoppio della variante omicron diffusa all’interno dei suoi confini, e nel bel mezzo della peggiore ondata di infezioni fino ad oggi, la nazione più popolosa del mondo si è lasciata alle spalle il discorso in cui criticava l’Occidente – e in particolare gli Stati Uniti – per avere “la percezione sbagliata che questo ceppo sia poco più di un’influenza” e, con un’inversione di rotta, assicura che il virus “non è più così pericoloso” e che “sono i cittadini [e non lo Stato] a doversi assumere la responsabilità della propria salute”. A tre settimane da questa inversione di rotta, il presidente Xi Jinping, che ha assunto personalmente la guida della “battaglia popolare contro il virus”, non ha ancora rilasciato una dichiarazione pubblica sul ripensamento.

Pechino si è ritirata, sostenendo che la sua lotta contro la pandemia è “in una nuova fase”, contraddicendo le argomentazioni secondo cui, da marzo, gran parte dei suoi 1,4 miliardi di persone hanno visto la loro vita dominata da confinamenti, test PCR e il controllo assoluto della loro routine quotidiana. La severità con cui sono state applicate le misure antivirali ha permesso alla Cina di registrare un basso numero di infezioni e di decessi nei primi due anni della pandemia (ufficialmente sono morte solo 5.241 persone), ma il rilevamento dei primi casi di omicron nel gennaio 2022 ha messo a rischio questo scudo contro il coronavirus.

E mentre in primavera il governo ha risposto con forza al progressivo aumento delle infezioni, i media di Stato hanno rafforzato il discorso secondo cui la strategia “zero covid” era “la più grande prova della superiorità del sistema cinese”, a scapito di quello occidentale. L’archivio del quotidiano nazionalista Global Times riporta frasi come “abbandonare la lotta contro il covid-19 e lasciare che si diffonda liberamente sarebbe un tradimento di tutta l’umanità” e che “la falsità che l’omicron sia poco più di un’influenza è una bufala per indebolire l’accettazione della strategia covid-zero tra i cinesi”.

Ora, gli analisti vicini al governo, tra cui l’ex direttore del Global Times, il controverso Hu Xijin, sono passati dal difendere strenuamente le dure misure a minimizzare i rischi del virus e persino a postare sui social media su come stanno affrontando la malattia. Zhong Nanshan, stimato epidemiologo e voce pubblica di spicco durante i primi giorni della pandemia, ha suggerito la scorsa settimana che l’omicron dovrebbe essere chiamato “coronavirus freddo”. L’inversione di tendenza è particolarmente sorprendente se si considera che a maggio, quando il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Tedros Adhanom Gebreyesus, aveva affermato che una politica di zero covirus non era sostenibile con una variante così contagiosa, le sue osservazioni erano state immediatamente censurate.

Giorni prima, Xi Jinping aveva avvertito che un allentamento delle misure sarebbe stato devastante e avrebbe portato “inevitabilmente” a “un gran numero di gravi malattie e morti” e aveva invitato a “lottare risolutamente contro coloro che distorcono, contestano o mettono in discussione le politiche di prevenzione”. La legittimità che il leader cinese si è guadagnato come “comandante in capo” della “battaglia contro il virus” – a marzo la stampa ufficiale ha affermato che è stato lui stesso a ideare la strategia zero covid – gli è valsa a ottobre un terzo mandato come segretario generale del Partito Comunista, un’impresa senza precedenti tra i suoi predecessori e che gli conferisce un potere senza precedenti dai tempi di Mao Zedong.

“Lanciando una guerra popolare a tutto campo per fermare la diffusione del virus, abbiamo protetto al massimo la salute e la sicurezza della popolazione e abbiamo ottenuto risultati estremamente incoraggianti sia nella risposta all’epidemia che nello sviluppo economico e sociale”, ha dichiarato Xi al 20° Congresso del Partito.

L’ultima volta che il presidente cinese è stato citato come comandante della lotta contro il Covid è stato il 10 novembre, quando si è impegnato ad attuare “incessantemente” la strategia “zero Covid”, riducendo al minimo il suo impatto sull’economia e sulla società. Sebbene il giorno successivo Pechino abbia emanato 20 linee guida per “ottimizzare” i protocolli, i governi locali hanno continuato a farsi giustizia da soli quando si trattava di imporre contenimenti, temendo che un eccessivo allentamento avrebbe portato a un aumento ancora maggiore e più rapido dei contagi. Questi controlli serrati hanno scatenato le più grandi proteste sociali dell’era Xi, che secondo gli analisti hanno accelerato la chiusura della politica zero Covid.

Sebbene i funzionari cinesi e gli esperti sanitari sostengano che il cambiamento si basa sul fatto che il virus è meno letale e che la Cina è ora pronta per i riadattamenti, gli epidemiologi stranieri affermano che il governo ha sprecato risorse e tempo invece di stroncare il problema sul nascere, poiché i milioni di dollari spesi per le campagne di test quotidiane o per la costruzione di centri di confinamento avrebbero dovuto essere spesi per vaccinare gli anziani o migliorare la capacità delle unità di terapia intensiva. “La realtà ha dimostrato pienamente che la nostra politica contro la pandemia è corretta, scientifica ed efficace. Ha ottenuto l’appoggio del popolo e può superare la prova della storia”, si leggeva in un lungo resoconto sulla prima pagina del Quotidiano del Popolo, il principale giornale del partito, il 15, che concludeva che la politica di Xi è stata “completamente corretta” per tutto il tempo.

Il leader cinese, da parte sua, continua a rimanere in silenzio. Il 7 dicembre, il giorno in cui il governo ha annunciato l’inaspettata scomparsa della strategia “zero covid”, Xi si è recato in Arabia Saudita per una visita di Stato, suggerendo di voler evitare di essere collegato alla brusca riapertura e alle sue conseguenze: Airfinity, una società britannica che analizza i dati sanitari, stima che nelle prossime settimane ci saranno più di un milione di infezioni al giorno in Cina e più di 5.000 morti al giorno.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore