Salute e ricerca

Riuscirà la mossa di Biden sui brevetti dei vaccini? Fatti e problemi

di

efficacia vaccini biden Covid

Biden vorrebbe una sospensione dei brevetti sui vaccini anti-Covid, ma gli ostacoli sono troppi. L’approfondimento di Mario Seminerio, curatore del blog Phastidio.net

Ha suscitato scalpore ed emozione, la decisione dell’Amministrazione Biden di dare la propria disponibilità a discutere in sede di WTO, l’agonizzante Organizzazione mondiale del commercio, per giungere a una sospensione dei brevetti sui vaccini anti-Covid, in modo da accelerare la produzione e giungere a una efficace immunizzazione planetaria. Tema molto sensibile, per definizione, con argomenti a favore e contro, e numerosi ostacoli da superare.

Intanto, gli americani hanno dato disponibilità a discutere, in sede WTO, per capire se e in che modo sia possibile sospendere le coperture brevettuali, e se serva davvero questo per dare una spinta decisiva alla campagna vaccinale mondiale. Le risposte sono tutto fuorché scontate e i tempi per giungervi non paiono brevi, visto che in sede WTO serve consenso unanime per progredire.

LE OBIEZIONI DEI PRODUTTORI

Le obiezioni dell’industria farmaceutica sono note, ma le riepiloghiamo. La principale è che, in questo modo, si disincentiva l’innovazione. Di deroga temporanea in deroga temporanea, i piani finanziari alla base degli investimenti in ricerca e sviluppo avrebbero un duro colpo in termini di incertezza, e questo manderebbe a monte la pianificazione.

Le aziende potrebbero minacciare di spostarsi in paesi che promettono di difendere in ogni sede i loro brevetti: non si inventa nulla, dopo tutto, e questa dinamica è equivalente alla concorrenza fiscale. Che oggi pare passata di moda, almeno a Washington, ma le mode sono per definizione effimere.

Altra obiezione che potrebbe avere orecchie sensibili, per motivi geopolitici, è che i vaccini a RNA messaggero sono un filone di ricerca molto promettente, destinato ad applicazioni che vanno molto oltre l’attuale pandemia, e che la sospensione dei brevetti fornirebbe (ad esempio) a cinesi e russi il modo per accedere gratuitamente a questo know how.

La replica dei sostenitori della sospensione temporanea dei brevetti è che il contributo diretto e indiretto di soldi pubblici allo sviluppo di queste linee di ricerca è determinante e di conseguenza, tirando le somme, il settore privato non “possiede” realmente l’innovazione. Questa argomentazione apre la strada alla successiva, secondo la quale gli stati devono porsi alla guida dell’innovazione attraverso la distribuzione di capitale di ricerca.

IL PIANIFICATORE CENTRALE DEI FARMACI

Tutto molto bello se non fosse che la ricerca non è mai neutra, che obiettivi di profitto sono ineliminabili e che la creazione di una pianificazione centrale pubblica dei fondi di ricerca finirebbe a sbarrare molte strade, oltre a costringere a percorrerne altre le cui motivazioni stanno solo nella mente del pianificatore e nella sua funzione di utilità. Non mi pare casuale che i fondi pubblici siano arrivati copiosi ma nell’”ultimo miglio” della ricerca, o quasi.

A ciò si deve aggiungere che i singoli stati, ammesso di avere risorse fiscali sufficienti per guidare la ricerca, potrebbero non essere entusiasti all’idea che i soldi delle loro tasse producano “esternalità” di questo tipo.

La controreplica è altrettanto intuitiva: Joe Biden ha deciso di fare questo passo perché consapevole che una pandemia ha per definizione delle esternalità pesanti, e che avere il virus attivo, e mutante, in ampie parti del pianeta mette a rischio l’economia dei paesi sviluppati. Quindi, almeno in questo caso, l’interesse a tenere in casa i brevetti potrebbe attenuarsi.

Mario Seminerio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati