Salute e ricerca

Oxford farà un cocktail dei vaccini Astrazeneca e Pfizer

di

astrazeneca pfizer novartis

L’Università di Oxford è pronta a iniziare una sperimentazione che combina i vaccini Covid-19 di Astrazeneca e Pfizer. L’articolo di Bloomberg

L’Università di Oxford è pronta a iniziare una sperimentazione che combina i vaccini Covid-19 di AstraZeneca e Pfizer che potrebbe consentire una maggiore flessibilità a fronte di forniture scarse a livello globale – riporta Bloomberg.

L’università inizierà a reclutare 820 partecipanti di età superiore ai 50 anni in otto siti del Regno Unito questa settimana. I vaccini AstraZeneca e Pfizer saranno dati in ordini diversi e con due intervalli di dosaggio, quattro e 12 settimane di distanza.

La sperimentazione permetterà ai ricercatori di vedere se due iniezioni di vaccini diversi producono risultati migliori o peggiori di due dosi dello stesso prodotto. Lo studio potrebbe essere la chiave per alleggerire la pressione sui singoli produttori di vaccini per consegnare i vaccini se incontrano difficoltà di produzione.

I ritardi nei rifornimenti di AstraZeneca e di altri produttori di farmaci hanno provocato tensioni con l’Unione Europea, spingendo l’UE a introdurre controlli sulle esportazioni per aiutare a sostenere i propri vaccini. Se i vaccini possono essere combinati, allora i paesi potrebbero essere più aperti ad aiutarsi l’un l’altro con le forniture in eccesso.

L’arruolamento dovrebbe essere completato questo mese, con i dati iniziali previsti intorno a giugno, secondo Matthew Snape, il ricercatore di Oxford che conduce la sperimentazione. Il governo britannico ha contribuito allo studio con 7 milioni di sterline (9,6 milioni di dollari).

“È una grande combinazione di scienza e politica”, ha detto Piton in una conferenza stampa mercoledì.

Mescolare i vaccini per creare una risposta immunitaria rafforzata è comune per le inoculazioni che mirano a malattie come l’epatite A e B. Combinare i vaccini può aumentare la risposta immunitaria perché il secondo vaccino non sarà limitato da qualsiasi immunità che il corpo ha costruito con la piattaforma  consegnata dal primo vaccino.

Entrambi i vaccini di AstraZeneca e Pfizer mirano alla proteina spike che il virus usa per entrare nelle cellule. Il vaccino della casa farmaceutica britannica è portato da un adenovirus indebolito di scimpanzé, mentre il vaccino della società statunitense utilizza materiale genetico chiamato RNA messaggero.

Gli organizzatori dello studio dicono che la loro è la prima prova di combinazione a livello globale, anche se la Russia ne inizierà  una la prossima settimana mescolando il vaccino AstraZeneca con il suo Sputnik V in Azerbaigian e negli Emirati Arabi Uniti.

Lo studio esaminerà gli effetti collaterali e la risposta immunitaria che le combinazioni producono, ma non la loro efficacia. Questo è stato testato in grandi studi richiesti per l’autorizzazione e misurato dal tasso di infezione.

Lo studio sarà il primo a testare il vaccino Pfizer, che è normalmente dato in due dosi a 21 giorni di distanza, con un intervallo di 12 settimane, ha detto Piton in un’intervista. L’azienda statunitense e il partner tedesco BioNTech SE hanno condotto studi clinici con iniezioni date a tre settimane di distanza, ma i funzionari sanitari del Regno Unito hanno esteso l’intervallo per consentire a più persone di ottenere rapidamente una prima dose.

 

Articoli correlati