skip to Main Content

L’Ue comprerà i vaccini contro il vaiolo?

Hervcov

Ecco cosa ha svelato il Financial Times sull’acquisto da parte dei Paesi Ue di vaccini contro il vaiolo dalla danese Bavarian Nordic

 

Secondo persone che hanno familiarità con la questione, scrive il Financial Times, i funzionari dell’Unione europea stanno lavorando a un potenziale accordo di approvvigionamento centralizzato per i vaccini antivaiolosi da utilizzare contro il crescente numero di infezioni da vaiolo delle scimmie in Europa, mentre le nazioni fanno a gara per assicurarsi gli ordini per il numero relativamente limitato di dosi disponibili.

Il vaiolo delle scimmie causa tipicamente febbre e lesioni cutanee, ma di solito guarisce da solo, senza trattamento. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), il vaccino contro il vaiolo è efficace fino all’85% nel prevenire un’infezione da vaiolo delle scimmie, a causa delle somiglianze tra gli agenti patogeni.

Il vaiolo è stato eradicato più di quattro decenni fa e le scorte di vaccino sono state mantenute per prevenire una possibile ricomparsa. Le autorità sanitarie mondiali in Europa e altrove si stanno preparando a utilizzare il vaccino nei contatti con i casi di vaiolo delle scimmie per arginarne la diffusione.

“La Commissione europea sta sicuramente valutando cosa si può fare a livello centrale”, ha dichiarato martedì in un’intervista Andrea Ammon, direttore del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

L’acquisto centralizzato è “una delle opzioni prese in considerazione, ma naturalmente i Paesi stanno anche valutando cosa si può fare a livello bilaterale”, ha aggiunto.

All’agenzia è stato chiesto di calcolare il numero di dosi di vaccino necessarie. Ammon, che ha detto che il volume di vaccino antivaioloso disponibile in Europa non era noto, non ha voluto fare ipotesi sul probabile volume richiesto, ma ha aggiunto: “Sicuramente non è a livello di popolazione come per il Covid”.

Non c’è certezza che l’affare vada in porto, hanno fatto notare le persone a conoscenza delle discussioni, anche se i colloqui proseguono e si sta valutando anche il numero potenziale di dosi da procurare.

Il produttore farmaceutico danese Bavarian Nordic ha dichiarato di essere stato contattato dall’Ue per i vaccini da utilizzare in tutto il blocco, ma non ci sono state trattative. Paul Chaplin, amministratore delegato, ha dichiarato in un’intervista che l’azienda ha tenuto almeno un incontro con l’Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (Hera) dell’Ue.

Chaplin ha dichiarato che 1,4 milioni di dosi del vaccino, noto come Imvanex in Europa e Jynneos negli Stati Uniti, erano disponibili in magazzino in Danimarca.

Il vaiolo delle scimmie è endemico nell’Africa occidentale e centrale, ma quest’anno l’Oms ha registrato la più grande epidemia al di fuori del continente. A martedì, aveva registrato 131 casi, per lo più in Europa e Nord America. Altri 92 sono stati classificati come probabili, con cluster identificati in più di una dozzina di Paesi.

Bavarian Nordic è l’unico produttore del vaccino. Chaplin ha dichiarato che sarà in grado di fornire “migliaia di dosi immediatamente”.

Ha detto inoltre che il gruppo sta parlando con “molti” Paesi dell’Ue e che sta discutendo anche con organizzazioni sanitarie come i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) e l’Oms.

Chaplin ha rifiutato di commentare i dettagli delle discussioni dell’azienda con i governi e i prezzi, citando la riservatezza commerciale. Bavarian Nordic ha dichiarato la settimana scorsa che un paese europeo, non rivelato, ha firmato un ordine. Anche gli Stati Uniti hanno recentemente siglato un accordo con il gruppo. Le azioni dell’azienda hanno guadagnato il 49% da quando, questo mese, è stato dichiarato il primo caso di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito.

La Commissione Ue, in risposta alle domande del Financial Times, ha dichiarato lunedì che l’Hera è in stretto contatto con gli Stati membri, l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) e gli esperti internazionali per garantire l’accesso agli strumenti per contrastare le epidemie.

“L’Hera è pronta a lavorare sull’approvvigionamento e ad affrontare le sfide legate alla disponibilità e alla distribuzione delle contromisure mediche e ad aumentare la capacità di stoccaggio per evitare carenze e strozzature nell’impiego”, ha aggiunto.

L’Ue ha adottato un approccio simile per l’approvvigionamento dei vaccini anti Covid-19. I sostenitori di questo sforzo hanno affermato che ha permesso ai Paesi meno potenti o ricchi di avere accesso agli stessi strumenti di quelli più ricchi e potenti all’interno del blocco.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore