skip to Main Content

Inquinamento Atmosferico

Lo sapete che in Europa la qualità dell’aria migliora da anni? Report

Negli ultimi venti anni i livelli di inquinamento atmosferico in Europa sono migliorati. Tuttavia, il 98% degli europei vive in aree che superano i livelli raccomandati dall'Oms. Tra questi, anche una parte di italiani. L'articolo del Guardian

 

Negli ultimi venti anni i livelli di inquinamento atmosferico sono migliorati in Europa, secondo una ricerca, scrive il Guardian.

Tuttavia, nonostante questi miglioramenti, la maggior parte della popolazione europea vive in aree che superano i livelli raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Circa il 98% degli europei vive in aree che, secondo l’Oms, presentano livelli insalubri di piccole particelle note come PM2,5, l’80% per quelle più grandi note come PM10 e l’86% per il biossido di azoto.

LO STUDIO

Lo studio, condotto dall’Istituto di Barcellona per la salute globale (ISGlobal), ha esaminato i livelli di inquinamento in oltre 1.400 regioni di 35 Paesi europei, che rappresentano 543 milioni di persone.

“Sono necessari sforzi mirati per affrontare i livelli di PM2,5 e di ozono e i relativi giorni di inquinamento composto, soprattutto nel contesto del rapido aumento delle minacce derivanti dal cambiamento climatico in Europa”, ha dichiarato Zhao-Yue Chen, ricercatore dell’ISGlobal e autore principale dello studio.

I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Communications, mostrano che i livelli complessivi di particolato sospeso (PM2,5 e PM10) e di biossido di azoto (NO2) sono diminuiti nella maggior parte dell’Europa.

Il PM10 ha registrato un calo annuale del 2,72%, il PM2,5 del 2,45% e il NO2 dell’1,72%.

I DECESSI (EVITABILI) PER INQUINAMENTO

Le minuscole particelle definite PM2,5 e PM10 sono abbastanza piccole da insinuarsi in profondità nei polmoni e sono state collegate a un’ampia gamma di problemi di salute, tra cui malattie cardiache, cancro e nascite premature. Secondo le stime, sono collegate alla morte precoce di oltre 400.000 persone in Europa ogni anno.

Secondo gli esperti, più di 200.000 di queste potrebbero essere evitate se l’aria in Europa rispettasse le linee guida dell’Oms.

LE CAUSE

L’inquinamento da particolato deriva dalla combustione di combustibili solidi e liquidi, soprattutto attraverso la produzione di energia elettrica, il riscaldamento domestico e il traffico automobilistico. Può anche formarsi nell’aria a causa di reazioni chimiche tra altri inquinanti.

“La nostra stima coerente dell’esposizione della popolazione agli eventi di inquinamento atmosferico composto fornisce una solida base per la ricerca futura e lo sviluppo di politiche per affrontare la gestione della qualità dell’aria e le preoccupazioni per la salute pubblica in tutta Europa”, ha dichiarato Carlos Pérez García-Pando, uno degli autori dello studio.

ANCHE PARTE DELL’ITALIA È TRA LE ZONE PIÙ INQUINATE

Molte città europee hanno implementato zone a basse emissioni per i veicoli, riducendo l’inquinamento da particolato, e alcuni Paesi, tra cui la Polonia, hanno ridotto la dipendenza dalle stufe a carbone. Le direttive Ue sulle emissioni industriali hanno aiutato le imprese a ridurre l’inquinamento.

Tuttavia, i punti caldi rimangono. Durante il periodo di studio, i livelli di PM2,5 e PM10 sono stati più alti nell’Italia settentrionale e nell’Europa orientale. Livelli elevati di biossido di azoto (NO2) sono stati registrati nell’Italia settentrionale e in alcune aree dell’Europa occidentale, come il sud del Regno Unito, il Belgio e i Paesi Bassi. Elevati livelli di protossido di azoto possono contribuire allo sviluppo dell’asma e potenzialmente aumentare la suscettibilità alle infezioni respiratorie.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top