Sanità

Lavorare anche se malati? Perché sono in disaccordo con Carlo Conti e Stefano Bonaccini

di

francobollo

Il conduttore Carlo Conti che lavora da casa, benché malato, non è un eroe. E nemmeno Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna. Sono solo pessimi esempi. Ecco perché. Il Senno di Po

Carlo Conti che lavora da casa, benché malato, non è un eroe. E nemmeno Bonaccini. Sono solo pessimi esempi.

Il “Senno di Po”, l’audio-blog di Ruggero Po per Start:

 

“Ho fatto il tampone di controllo, purtroppo ancora positivo. Vista la forte tosse persistente, poi, sono stato visitato e ho fatto ulteriori accertamenti. Mi hanno diagnosticato una polmonite bilaterale ad uno stadio iniziale. Al momento, i medici ritengono che possa essere adeguatamente curato da casa, senza dover essere ricoverato”.

Così Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna, in un post su Facebook.

“Dobbiamo contrastare il Covid e la sua avanzata fino a quando non ci sarà il vaccino per tutti. Ma temo serviranno ancora diversi mesi e dunque non ci sono scorciatoie” scrive il presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni in un altro post su Facebook in cui invita i cittadini alla responsabilità. “Il mio appello – sottolinea – ve lo faccio quindi da presidente, ma anche da persona che ora sta curandosi. Per il bene che vogliamo a noi stessi e agli altri. Perché regga la nostra sanità, fatta da donne e uomini capaci di tenere insieme grande professionalità e grande umanità, e a nessuno siano precluse le cure di cui ha bisogno. Vi garantisco che io farò la mia parte fino in fondo, anche da qui, anche così”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati