Sanità

La variante Covid del Sudafrica può influenzare l’efficacia del vaccino? Report Ft

di

sars-cov-2 variante Sudafrica Covid aria aperta superfici Covid coronavirus virus Wuhan Virus

La nuova variante del coronavirus legata all’aumento dei casi di Covid-19 in Sudafrica non solo è più contagiosa delle forme precedenti del virus, ma potrebbe rendere alcuni vaccini meno efficaci secondo gli scienziati sentiti dal Financial Times

 

La nuova variante del coronavirus legata all’aumento dei casi di Covid-19 in Sudafrica non solo è più contagiosa delle forme precedenti del virus, ma potrebbe rendere alcuni vaccini meno efficaci – scrive il Financial Times.

Gli scienziati in corsa per capire il nuovo ceppo hanno detto che si aspettano che l’attuale insieme di vaccini approvati funzioni, ma sono preoccupati che una specifica mutazione, identificata anche in una nuova variante in Brasile, possa influenzare il modo in cui il virus risponde.

“In questo momento, pensiamo che un vaccino potrebbe essere un po’ meno efficace”, ha detto al Financial Times il professor Tulio de Oliveira, dell’Università di KwaZulu-Natal, che sta guidando lo sforzo scientifico del Sudafrica per capire il ceppo 501Y.V2. “Ma tra tutte le varietà di vaccini che stanno arrivando sul mercato, abbiamo ancora una forte convinzione che alcuni di essi saranno molto efficaci”.

La mutazione in questione, chiamata E484K, cambia il “dominio di legame del recettore” – una parte fondamentale della proteina di picco che il virus usa per entrare nelle cellule umane. Questo è anche un importante sito in cui gli anticorpi neutralizzanti indotti dall’infezione o dalla vaccinazione si legano al virus.

Un team del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle ha valutato la capacità degli anticorpi presi da persone precedentemente infettate con Sars-Cov-2 di neutralizzare vari nuovi ceppi di coronavirus.
Il loro studio, pubblicato martedì, ma non sottoposto a peer-review, ha rilevato che “i lignaggi emergenti in Sud Africa e in Brasile portatori della mutazione E484K hanno ridotto notevolmente la suscettibilità alla neutralizzazione da parte degli anticorpi sierici di alcuni individui”. Tuttavia, l’effetto è stato molto più forte in alcune persone rispetto ad altre, hanno riferito.
Il team del Prof. de Oliveira in Sud Africa è giunto a conclusioni simili. “Questa scoperta sulla neutralizzazione degli anticorpi è stata evidenziata in modo molto forte nel nostro articolo”, ha detto. “C’è un motivo per essere preoccupati”.

Il Prof de Oliveira ha aggiunto che il suo team ha trascorso “gli ultimi 15 giorni, lavorando giorno e notte, con i migliori laboratori del Sudafrica” e che presto rilascerà “forti risultati preliminari”.
La variante 501Y.V2 è emersa in agosto nella Nelson Mandela Bay in Sudafrica, nel Capo orientale, prima di diffondersi in altre province, mentre la seconda ondata di infezioni da Covid-19 del Paese si è accelerata nelle ultime settimane. Su un totale di 1,1 milioni di casi confermati in Sudafrica, circa 100.000 sono stati negli ultimi sette giorni.

Le varianti del Coronavirus stanno emergendo in tutto il mondo mentre Sars-Cov-2 passa tra decine di milioni di persone. In media, il virus accumula circa due mutazioni al mese, ma può cambiare più rapidamente in alcune circostanze – per esempio all’interno di un individuo che ha un sistema immunitario soppresso e rimane infetto per molte settimane.
I ceppi sudafricani e brasiliani condividono diverse mutazioni con la variante B.1.1.7 a diffusione rapida nel Regno Unito, che ha fatto la sua prima apparizione nota nel Kent alla fine di settembre. Ma B.1.1.1.7 non ha la mutazione E484K.
Per questo motivo, “la maggior parte degli scienziati con una visione di queste varianti sono più preoccupati per quella sudafricana che per quella del Kent”, ha detto Francois Balloux, direttore dell’University College London Genetics Institute.

Matt Hancock, il segretario alla sanità del Regno Unito, ha espresso preoccupazione per la variante sudafricana in diverse occasioni dicendo lunedì che era “incredibilmente preoccupato”.
Il professor de Oliveira ha descritto i commenti del signor Hancock, che sono stati percepiti da alcuni in Sudafrica come un tentativo di sviare l’attenzione dal Regno Unito, come “molto sfortunati”.

“Stiamo davvero facendo del nostro meglio per vedere se questa politicizzazione può diminuire”, ha detto. “Stiamo lavorando a stretto contatto con gli scienziati britannici. Ci scambiamo dati e conoscenze quasi quotidianamente sul fronte scientifico. Il nostro lavoro come comunità scientifica globale è quello di cercare di allentare questo tipo di tensione”.

Il Regno Unito e il Sudafrica – a differenza della maggior parte degli altri Paesi – hanno condotto un ampio sequenziamento genomico durante tutta la pandemia, consentendo ai funzionari sanitari di tracciare rapidamente le mutazioni. Questo potrebbe significare che altre varianti più infettive si stanno già diffondendo in altri paesi senza essere individuate.
Finora, nessuna nuova variante di Sars-Cov-2 è nota per causare una malattia più grave del virus originale emerso in Cina alla fine del 2019, ma i tassi di trasmissione più rapidi hanno aumentato la pressione sugli ospedali e sui sistemi sanitari.

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati