skip to Main Content

Grande Barriera Corallina

La Grande barriera corallina è sempre più bianca. Report Guardian

Nella Grande barriera corallina è in corso il quinto sbiancamento di massa in otto anni. Segno che il cambiamento climatico sta esercitando una pressione enorme e che gli sforzi intrapresi non sono sufficienti. L'articolo del Guardian

 

La Grande barriera corallina è in preda a un evento di sbiancamento di massa dei coralli causato dal riscaldamento globale – il quinto in soli otto anni – ha confermato l’autorità governativa del parco marino.

L’autorità, insieme agli scienziati dell’Australian Institute of Marine Science, ha completato i rilievi aerei di 300 scogliere su due terzi della barriera, e altri ne verranno effettuati, scrive il Guardian.

“Queste indagini confermano che un evento di sbiancamento dei coralli diffuso, spesso definito di massa, si sta verificando in tutta la Grande barriera corallina”, ha dichiarato l’autorità in un aggiornamento.

LE CAUSE DELLO SBIANCAMENTO DEI CORALLI

Ricercatori e scienziati hanno dichiarato al Guardian Australia di essere rimasti sconvolti dallo sbiancamento, in particolare nella sezione meridionale della barriera, dove coralli vecchi di centinaia di anni sono stati gravemente sbiancati.

Il dottor Roger Beeden, scienziato capo dell’Autorità del Parco marino della Grande barriera corallina, ha dichiarato: “Ora abbiamo uno sbiancamento dei coralli diffuso, spesso definito di massa, in tutta la barriera corallina esaminata”.

Ha detto che lo sbiancamento è stato causato dal riscaldamento globale e dal modello climatico El Niño. Sono in corso indagini in acqua per capire la gravità della situazione. In passato la barriera corallina ha mostrato capacità di recupero.

La Grande barriera corallina – il più grande sistema corallino del mondo – è lunga circa 2.300 km, copre un’area più grande dell’Italia ed è composta da circa 3.000 singole barriere.

Lo sbiancamento di massa della Grande barriera corallina è stato osservato per la prima volta nel 1998 e si è ripetuto nel 2002, 2016, 2017, 2020, 2022 e ora nel 2024.

TEMPERATURE RECORD

Le temperature degli oceani di tutto il mondo sono state le più alte mai registrate da quasi un anno e il programma Coral Reef Watch del governo statunitense ha dichiarato che il pianeta è sull’orlo di un quarto evento globale di sbiancamento di massa dei coralli, con barriere coralline nell’Atlantico, nel Pacifico e potenzialmente nell’Oceano Indiano tutte sbiancate.

Anche la barriera corallina più meridionale del mondo, a Lord Howe Island, al largo della costa australiana del Nuovo Galles del Sud, è colpita dallo sbiancamento.

A luglio, il comitato del Patrimonio mondiale valuterà se la barriera debba essere inserita in una lista di siti “in pericolo”, dopo le preoccupazioni per l’impatto dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento e dei sedimenti che finiscono nelle acque della barriera.

Gli scienziati hanno avvertito fin dagli anni ’90 che, con il riscaldamento globale, le barriere coralline del mondo sarebbero state tra i primi ecosistemi a risentirne. Quando i coralli si sbiancano a causa delle temperature oceaniche superiori alla media, espellono le alghe che vivono al loro interno e che conferiscono loro gran parte dei nutrienti e del colore.

Se le temperature si abbassano, i coralli possono sopravvivere, ma secondo gli scienziati tendono a essere più suscettibili alle malattie e faticano a riprodursi. In casi estremi di stress da calore, i coralli possono morire.

Il dottor Neal Cantin, ricercatore senior dell’Aims, ha dichiarato: “Ora dobbiamo combinare la copertura spaziale acquisita dall’aria con le indagini in acqua per valutare la gravità dello sbiancamento dei coralli negli habitat della barriera corallina più profonda nelle diverse regioni del Parco Marino”.

LO STRESS DA CALORE NON RISPARMIA NESSUNA AREA

Secondo i dati di Coral Reef Watch, lo stress da calore sui coralli nella regione meridionale e centrale della barriera corallina è stato il più alto mai registrato e il secondo più alto nelle aree settentrionali.

Diana Kleine, responsabile del progetto Coral Watch dell’Università del Queensland, è stata a Heron Island, al largo di Gladstone, nella parte meridionale della barriera. “È devastante. Incredibile. L’acqua era troppo calda”. Heron è sfuggita allo sbiancamento diverse volte, ma quest’anno è stata colpita così duramente”, ha detto. Coral Watch ha osservato coralli massicci di 4 metri di larghezza che impiegano centinaia di anni per crescere sbiancati di bianco osseo.

Lyle Vail, co-direttore della stazione di ricerca del Museo australiano di Lizard Island, nel nord della barriera corallina, ha dichiarato che i coralli hanno iniziato a mostrare lo stress da caldo all’inizio di febbraio. “È devastante. Quasi tutti i coralli sensibili al calore nelle acque basse sono sbiancati”. Vail ha aggiunto che un piccolo numero di coralli è morto.

LE AZIONI DEL GOVERNO AUSTRALIANO

Il ministro dell’Ambiente, Tanya Plibersek, ha dichiarato: “Sappiamo che la più grande minaccia per le barriere coralline di tutto il mondo è il cambiamento climatico. La Grande barriera corallina non fa eccezione. È essenziale fare tutto il possibile per proteggere questo luogo straordinario per i nostri figli e nipoti.

“Sappiamo che gli australiani, in particolare le comunità locali e le imprese lungo la barriera, saranno preoccupati da questa notizia. La salute della barriera corallina è vitale per le 64.000 persone che dipendono da essa per il lavoro, e per le piante e gli animali che la chiamano casa”.

L’autrice ha sottolineato l’obiettivo legislativo del governo di raggiungere l’azzeramento delle emissioni di gas serra entro il 2050, un obiettivo migliorato per il 2030 e un investimento di 1,2 miliardi di dollari per aiutare la barriera corallina ad adattarsi ai cambiamenti climatici e migliorare la qualità dell’acqua.

LA CORSA CONTRO IL TEMPO PER INTERVENIRE SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Richard Leck, responsabile del WWF-Australia per gli oceani, ha dichiarato che c’è particolare preoccupazione per le aree meridionali della barriera corallina che non hanno subito gravi sbiancamenti dal 2016.

“A meno che non si verifichi un calo significativo delle temperature nelle prossime settimane, il rischio di una significativa mortalità dei coralli è alto”, ha dichiarato. “Cinque eventi di sbiancamento di massa in otto anni dimostrano che il cambiamento climatico sta esercitando una pressione enorme sulla barriera corallina”.

Leck ha detto che la Confederazione deve aumentare drasticamente le sue ambizioni sulla riduzione delle emissioni di gas serra e che il Queensland deve fare di più per ridurre i tassi di deforestazione.

La dottoressa Lissa Schindler, responsabile della campagna per la barriera corallina presso l’Australian Marine Conservation Society, ha dichiarato: “Questo è un enorme campanello d’allarme per l’Australia e per la comunità globale: dobbiamo fare molto di più per affrontare il cambiamento climatico, che è alla base delle ondate di calore marine che portano allo sbiancamento dei coralli”.

“L’attuale obiettivo dell’Australia di ridurre l’inquinamento da carbonio del 43% entro il 2030 è coerente con un percorso di riscaldamento di 2°C, che equivale alla perdita del 99% delle barriere coralline del mondo”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top