skip to Main Content

L’immunità ibrida (forse) ci salverà dal Covid

Immunità Ibrida

L’Iss afferma che l’immunità ibrida, cioè ottenuta con la vaccinazione e l’infezione, è la massima protezione sia contro l’infezione che la malattia severa da Covid e secondo uno studio pubblicato su Nature riduce fino al 40% la probabilità di trasmettere il virus. Tutti i dettagli

 

L’immunità ibrida, ovvero quella ottenuta con la vaccinazione e l’infezione, rappresenta la massima protezione contro l’infezione da SARS-CoV-2 e la malattia Covid-19 severa, e riduce la capacità di contagiare gli altri. Lo affermano l’Istituto superiore di sanità (Iss) e uno studio recentemente pubblicato su Nature Medicine.

IL RAPPORTO DELL’ISS

La conclusione dell’Iss che l’immunità ibrida sia la migliore contro il virus e la malattia da esso provocata è il risultato che è emerso da un rapporto in cui si calcola il rischio di infezione e di malattia severa tenendo conto di fattori come vaccinazioni e diagnosi precedenti e il tempo trascorso dall’infezione o dall’ultima dose di vaccino.

I dati analizzati nel rapporto sono relativi a ottobre 2022, quando la variante predominante era Omicron BA.5.

I RISULTATI DEL RAPPORTO

Dall’analisi sono emersi diversi risultati. Primo tra tutti, il rischio complessivo di infezione e di malattia severa è influenzato sia dallo stato vaccinale che da infezioni pregresse. In particolare, il rischio di malattia severa è 80 volte maggiore in chi non è vaccinato e non ha avuto diagnosi rispetto a chi è vaccinato e ha una diagnosi recente.

Si è osservato anche che a parità di fascia di età e di condizione di pregressa infezione, in tutte le classi di età sopra i 12 anni, la vaccinazione è associata a una riduzione del rischio di malattia Covid-19 severa. Se ad esempio, afferma il rapporto, un over 80 ha avuto una diagnosi recente, il rischio di una nuova malattia severa è 100 su 100mila se non è vaccinato, 49 su 100mila se ha una dose da più di sei mesi e 42 su 100mila se ha una dose da meno di sei mesi.

Inoltre, è stata notata una perdita dell’effetto protettivo contro l’infezione per SARS-CoV-2 con il passare del tempo, sia per l’infezione pregressa che per la vaccinazione. Viene confermata, infine, anche una diminuzione dell’effetto protettivo dell’infezione pregressa e della vaccinazione contro la malattia severa, sebbene tale perdita sia meno evidente che contro l’infezione.

LO STUDIO NELLE CARCERI CALIFORNIANE

Anche uno studio condotto dai ricercatori della University of California San Francisco e apparso all’inizio di gennaio su Nature Medicine conferma sia che l’immunità ibrida protegge contro la malattia grave sia che riduce la capacità di contagiare gli altri.

L’obiettivo era comprendere il contributo dato dalla vaccinazione, comprese le dosi di richiamo, e dall’immunità naturale soprattutto nelle popolazioni ad alto rischio con un’intensa trasmissione, come le carceri.

I RISULTATI

Analizzando i dati di sorveglianza dal dicembre 2021 al maggio 2022 di 35 prigioni statali della California con una popolazione prevalentemente maschile, gli autori hanno stimato che le persone positive al Covid-19 non vaccinate avevano un rischio del 36% di trasmettere l’infezione ai contatti stretti, rispetto a un rischio del 28% tra i soggetti infetti ma vaccinati.

Dallo studio emerge poi che nei casi di vaccinazione, sola infezione o combinazione di vaccinazione e infezione il rischio di trasmissione dell’infezione si è rispettivamente ridotto del 22%, 23% e 40%. Nelle persone che avevano ricevuto una dose di richiamo più recente l’infettività tra i casi vaccinati si riduceva ulteriormente.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore