skip to Main Content

Diritto Disconnessione Australia

Il sacrosanto “diritto alla disconnessione” visto dall’Australia. Report Nyt

Mail e chiamate fuori dall'orario di lavoro? Presto, in Australia, le aziende che penalizzano i dipendenti che non rispondono potrebbero incorrere in sanzioni. L'articolo del New York Times

 

Quando è tardi e il capo è in linea, i lavoratori australiani – già tra i più riposati e più soddisfatti al mondo – potranno presto premere il tasto “rifiuta” e scegliere di andare in spiaggia, scrive il New York Times.

LA LEGGE PER IL DIRITTO ALLA DISCONNESSIONE IN AUSTRALIA

Il Senato australiano ha approvato una legge che dà ai lavoratori il diritto di ignorare chiamate e messaggi al di fuori dell’orario di lavoro senza temere ripercussioni. La legge tornerà ora alla Camera dei Rappresentanti per l’approvazione finale.

Il nuovo disegno di legge, che dovrebbe passare facilmente alla Camera, consentirebbe ai lavoratori australiani di rifiutare comunicazioni professionali “irragionevoli” al di fuori della giornata lavorativa. I luoghi di lavoro che puniscono i dipendenti per non aver risposto a tali richieste potrebbero essere multati.

“Una persona che non viene pagata 24 ore al giorno non dovrebbe essere penalizzata se non è online e disponibile 24 ore al giorno”, ha dichiarato il primo ministro Anthony Albanese in una conferenza stampa mercoledì.

La disposizione è un emendamento dell’ultimo minuto a un pacchetto di modifiche legali proposte per rafforzare i diritti dei lavoratori. La legislazione, che include anche tutele per i lavoratori temporanei che cercano di diventare più permanenti e nuovi standard per i gig worker, come i fattorini, è stata molto discussa.

UN PROBLEMA MOLTO DIFFUSO

L’Australia segue le orme di nazioni europee come la Francia, che nel 2017 ha introdotto il diritto dei lavoratori di disconnettersi dai datori di lavoro quando sono fuori servizio, una mossa successivamente emulata da Germania, Italia e Belgio. Anche il Parlamento europeo ha chiesto una legge in tutta l’Unione europea che alleggerisca la pressione sui lavoratori per rispondere alle comunicazioni fuori orario.

“Il mondo è connesso, ma questo ha creato un problema”, ha dichiarato martedì Tony Burke, ministro per l’Occupazione e i rapporti di lavoro, in un’intervista all’emittente pubblica australiana.

“Se si fa un lavoro in cui si viene pagati solo per le ore esatte in cui si lavora, alcune persone si trovano costantemente nella situazione di essere nei guai se non controllano la posta elettronica”, ha aggiunto Burke. È ragionevole che i datori di lavoro contattino i loro lavoratori per i turni e per altre questioni, ha detto, ma i lavoratori non dovrebbero essere obbligati a rispondere a questi messaggi durante le ore non retribuite.

I sindacati e altri gruppi industriali sostengono da tempo che i dipendenti hanno il diritto di disconnettersi, ma la questione ha acquisito maggiore importanza durante la pandemia, quando il passaggio generalizzato al lavoro a distanza ha portato a un’ulteriore sfumatura dei confini tra vita domestica e vita lavorativa.

I CONTRARI ALLA DISCONNESSIONE

I critici della nuova norma, tra cui gruppi di imprese e legislatori dell’opposizione, l’hanno definita affrettata e un’esagerazione da parte del governo, esprimendo il timore che possa rendere più difficile per le imprese svolgere il proprio lavoro.

“Questa legislazione creerà costi significativi per le imprese e si tradurrà in meno posti di lavoro e meno opportunità”, ha dichiarato Bran Black, amministratore delegato del Business Council of Australia.

“Nessuna delle misure è stata concepita per migliorare la produttività, l’occupazione, la crescita e gli investimenti, che sono gli ingredienti di un’economia di successo”, ha dichiarato Michaelia Cash, senatrice dell’opposizione di destra del Partito Liberale la quale ha aggiunto: “I lavoratori hanno già tutele legali contro orari di lavoro irragionevoli”.

Altri hanno criticato il meccanismo della legislazione, che attribuisce ai lavoratori l’onere di tutelare i propri diritti piuttosto che obbligare i datori di lavoro a non contattare i dipendenti in orari irragionevoli.

Ordini simili, ha detto Kevin Jones, un esperto australiano di sicurezza sul lavoro, “sono di solito utilizzati da qualcuno che si rende conto che il rapporto con il proprio datore di lavoro è ormai così compromesso che non è più funzionale e che può benissimo andarsene”.

L’IMPORTANZA DELL’EQUILIBRIO LAVORO-VITA PRIVATA IN AUSTRALIA

Gli australiani godono già di una serie di benefici standardizzati, tra cui 20 giorni di ferie annuali retribuite, congedi per malattia obbligatori e retribuiti, un congedo di “lunga durata” di sei settimane per coloro che sono rimasti presso un datore di lavoro per almeno sette anni, 18 settimane di congedo di maternità retribuito e un salario minimo nazionale di circa 15 dollari l’ora.

Secondo un indice della piattaforma globale per l’occupazione Remote, il Paese è al quarto posto nel mondo per “equilibrio tra lavoro e vita privata”, dopo Nuova Zelanda, Spagna e Francia. Gli Stati Uniti, con un salario minimo federale di 7,25 dollari, sono al 53° posto.

“L’equilibrio tra lavoro e vita privata è un indicatore culturale per gli australiani”, ha detto Jones. “Andiamo in spiaggia, ci diamo da fare e abbiamo del tempo libero”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top