skip to Main Content

E’ urgente investire sulla salute mentale di bambini e ragazzi. Report Guardian

Salute Mentale Bambini

I bambini britannici, scrive il Guardian, stanno diventando sempre più infelici, ansiosi, depressi e con maggiori probabilità di autolesionismo, disturbi alimentari o pensieri suicidi. Ecco i dati che dimostrano l’importanza di investire nelle strutture che si occupano di salute mentale

 

I bambini britannici stanno diventando sempre più infelici, ansiosi, depressi e con maggiori probabilità di autolesionismo, disturbi alimentari o pensieri suicidi. Affrontare questa preoccupante realtà è una sfida non solo per il governo e il servizio sanitario nazionale, ma per la società nel suo complesso. Le prove del continuo deterioramento del benessere dei giovani sono dettagliate, considerevoli e schiaccianti.

La Children’s Society ha rilevato che i livelli di felicità tra i bambini e i giovani sono diminuiti al punto che il 7% dei ragazzi tra i 10 e i 15 anni nel Regno Unito è insoddisfatto della propria vita. Essi identificano la scuola, l’aspetto fisico e gli amici come i principali fattori di insoddisfazione. Gli esperti citano anche altre ragioni per cui un numero crescente di ragazzi in età scolare è infelice: il bullismo, i problemi a casa, le violenze sessuali e i danni inflitti dai social media, solo per citarne alcuni – scrive The Guardian.

La preoccupazione per il fenomeno era cresciuta per anni prima che il Covid colpisse nel marzo 2020, e la pandemia ha peggiorato terribilmente una situazione già di per sé negativa. L’ultima indagine dell’NHS Digital sulla salute mentale dei bambini e dei giovani in Inghilterra, pubblicata lo scorso settembre e basata sui dati raccolti a febbraio e marzo 2021, ha fornito una prova evidente del forte calo. Prima della pandemia, i minori di 18 anni in contatto con i servizi erano 534.000, cifra che è salita a 650.000.

I tassi di probabili disturbi mentali tra i bambini di età compresa tra i 6 e i 16 anni sono aumentati dall’11,6%, ovvero uno su nove, nel 2017 al 17,4%, ovvero uno su sei, secondo quanto rilevato dall’agenzia di ricerca statistica del servizio sanitario. Nella stessa fascia d’età, il 39,2% ha registrato un peggioramento della propria salute mentale, mentre solo il 21,8% ha riferito un miglioramento. Tra i giovani di età compresa tra i 17 e i 23 anni il quadro era ancora più marcato: il 52,5% ha dichiarato che la propria salute mentale era diminuita e solo il 15,2% che era migliorata. Anche la percentuale di persone con possibili problemi alimentari è aumentata in entrambi i gruppi di età.

Secondo il Centre for Mental Health thinktank, circa 1,5 milioni di giovani al di sotto dei 18 anni avranno bisogno di un aiuto nuovo o supplementare per la loro salute mentale come conseguenza diretta del Covid. È probabile che i 420.314 giovani in cura ogni mese presso le strutture del Servizio sanitario nazionale facciano parte di questa cifra, ma anche se lo fossero tutti, ne resterebbero ancora quasi 1,1 milioni da aiutare.

I servizi di salute mentale per bambini e adolescenti (CAMHS), tuttavia, non sono in grado di aiutare tutti coloro che cercano assistenza. Molti aspiranti pazienti vengono rifiutati perché non abbastanza malati, nonostante il loro disagio, la loro vulnerabilità e il loro comportamento preoccupante: un razionamento a porte chiuse per cercare di ridurre l’enorme pressione sul sistema. Coloro che sono ritenuti idonei possono restare in attesa fino a 81 giorni. Data la mancanza di capacità, che possibilità ha questa ondata di nuovi casi indotta dal Covid di ottenere le cure di cui hanno bisogno?

Ci sono alcuni segnali di speranza. I fondi destinati ai servizi per la salute mentale dei bambini sono in aumento. L’NHS England sta facendo buoni progressi nell’utilizzo di nuovi team di supporto per fornire aiuto nelle scuole e negli istituti per problemi come l’ansia e la depressione. Claire Murdoch, direttore nazionale del NHS per la salute mentale, si impegna con passione a migliorare la situazione.

Lo scorso dicembre, la commissione parlamentare per la salute ha rilevato che “il numero di giovani che ricevono cure è passato da appena il 25% a circa il 40% di quelli con una condizione diagnosticabile prima della pandemia”. Ma, hanno aggiunto i deputati, “non è accettabile che più della metà dei giovani non riceva il supporto per la salute mentale di cui ha bisogno” – un’osservazione schiacciante.

Il Servizio sanitario nazionale è sempre più caratterizzato da lacune nell’assistenza, ovvero dallo scollamento tra i bisogni e la capacità di soddisfarli rapidamente, come dimostrano le lunghe attese per gli interventi chirurgici elettivi, gli appuntamenti con i medici di base, le cure al pronto soccorso e l’arrivo delle ambulanze. Il CAMHS è un altro caso emblematico.

La sua capacità di offrire cure rapide, di alta qualità e adeguate a tutti coloro che ne hanno bisogno è ostacolata dalla mancanza, da lungo tempo, di tutto ciò che è necessario per gestire un servizio reattivo: personale, team basati sulla comunità per tenere le persone lontane dall’ospedale e letti per coloro che sono abbastanza malati da aver bisogno di un periodo di degenza.

Alla luce di ciò e dell’impatto devastante del Covid sulla nostra salute mentale collettiva, sarebbe ingenuo aspettarsi che il Servizio sanitario nazionale sia in grado di curare le numerose giovani vittime della pandemia meglio e più rapidamente di quanto possa fare ora.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore