Advertisement skip to Main Content

Sanità Intelligenza Artificiale

E-health, l’intelligenza artificiale al servizio della sanità

Engineering ha sviluppato un’assistente virtuale-umano che attraverso l’intelligenza artificiale (AI) aiuta i cittadini a orientarsi nell’offerta dei servizi sanitari della Regione Toscana. Ecco come funziona

 

L’intelligenza artificiale (IA) ha il potenziale per rivoluzionare la sanità, dalla sala operatoria alla semplice prenotazione di una visita medica. La stessa Organizzazione mondiale della sanità (Oms) parla di “healthcare boundaries”, ovvero limiti del settore sanitario che proprio l’innovazione in tutte le sue forme potrebbe permettere di superare.

Ed Engineering, società italiana specializzata nella consulenza informatica in particolare per i settori pubblica amministrazione, utility, telco e industria, dopo aver già dimostrato il ruolo che può avere l’IA nella vita sociale e politica, ha lanciato ora un progetto e-health con la Regione Toscana.

IL PROGETTO DI ENGINEERING PER LA REGIONE TOSCANA

Sara, questo il nome della guida multicanale, web e conversazionale sviluppata da Engineering, aiuterà – attraverso l’IA – i cittadini a orientarsi e ad accedere all’offerta dei servizi sanitari territoriali della Regione Toscana.

COME FUNZIONA SARA

La guida, disponibile tramite il portale salute.toscana.it, accompagnerà cittadini e pazienti attraverso i servizi digitali della sanità toscana attraverso un Assistente Virtuale – Umano, che grazie all’intelligenza artificiale riesce a interagire con gli utenti rispondendo alle richieste digitate sulla tastiera e anche ai quesiti posti a voce.

Quando un cittadino fa una richiesta, Sara analizza il testo o l’audio in input utilizzando algoritmi di apprendimento automatico per comprendere il significato e l’intento dell’utente. Successivamente, utilizza la base di conoscenza e algoritmi di classificazione di tutti i servizi offerti dalla sanità territoriale della Regione Toscana per generare una risposta adeguata e fornire le informazioni richieste.

Queste, tra l’altro, diventano sempre più precise grazie all’adattamento continuo alle interazioni con i cittadini e al supporto di supervisione da parte di un team di professionisti.

Oltre al servizio di avatar conversazionale, è comunque presente anche un motore di ricerca semplice attraverso cui accedere ai servizi di proprio interesse e sia il portale salute.toscana.it che l’assistente Sara sono accessibili da computer, smartphone e tablet.

UN PUNTO UNICO DI ACCOGLIENZA DIGITALE

Engineering ha inoltre realizzato la prima versione del primo Punto unico di Accoglienza (PUA) digitale dei servizi al cittadino in sanità a livello regionale in Italia utilizzando metodologie e tecniche di Human Centered Design, oltre che tecnologie di IA applicate alle interfacce conversazionali.

Questo strumento permetterà di migliorare la qualità e semplificare l’esperienza digitale del cittadino, che finora è stata frammentati in diversi punti di contatto distribuiti su canali fisici e digitali (web, app, telefono, totem e sportelli fisici).

LA SARA DEL FUTURO

Ma quello che oggi Sara può fare è solo l’inizio. Secondo Engineering, infatti, in un futuro nemmeno troppo lontano potrebbe prestare anche maggiore assistenza, magari prenotando una visita o un esame diagnostico, oppure aiutando a fissare o spostare un controllo di screening programmato, a scegliere o revocare il medico e pediatria o a indicare lo sportello Cup o la farmacia più vicina.

Inoltre, Sara non si limiterà a rispondere solo in italiano ma diventerà anche poliglotta.

Back To Top