Sanità

Pfizer e BioNTech, la gara sui vaccini anti Covid-19

di

vaccini pfizer biontech

L’approfondimento del Wall Street Journal sui vaccini anti Covid

L’amministratore delegato della società tedesca che collabora con Pfizer nel suo sforzo di vaccinazione contro il coronavirus ha dichiarato che i due stanno correndo per aumentare la produzione per soddisfare le esigenze del mondo.

Le due aziende stanno ora correndo per aumentare le loro capacità produttive, ha detto Ugur Sahin, CEO di BioNTech. Entrambe le società hanno dichiarato di essere sicure di essere in grado di fornire tutte le dosi prestabilite ai governi, compresi gli Stati Uniti e l’Unione Europea.

BioNTech e Pfizer si sono impegnate a fornire oltre 450 milioni di dosi quest’anno e l’anno prossimo, a condizione che le prove in fase avanzata dimostrino che il vaccino è sicuro ed efficace, e i governi diano il via libera al suo utilizzo – scrive il WSJ.

Il governo degli Stati Uniti ha effettuato un ordine iniziale di 100 milioni di dosi, con l’opzione di acquistare 500 milioni di dosi aggiuntive. L’UE ha ordinato 200 milioni di dosi con un’opzione per altri 100 milioni. Il governo del Giappone ha ordinato 120 milioni di dosi, mentre la Gran Bretagna ne ha ordinate 30 milioni.

Tutti gli ordini sono soggetti ad approvazione normativa, e finora è stato reso noto solo il prezzo dell’accordo con gli Stati Uniti, 1,95 miliardi di dollari.

BioNTech e Pfizer avevano precedentemente fissato l’obiettivo di produrre fino a 100 milioni di vaccini a livello globale entro la fine di quest’anno. Quel lotto iniziale sarebbe stato sufficiente solo per 50 milioni di persone, però, perché il vaccino, noto come BNT162, consiste di due vaccini, una cosiddetta vaccinazione primaria e un booster. Le due aziende non hanno rivelato quante dosi hanno già fatto.

Dopo che queste dosi promesse saranno consegnate, “allora entreremo in una lotta per fornirle” più ampiamente, ha detto il dottor Sahin. “Ci sono quantità gigantesche di dosi di vaccino che devono essere fornite alla gente, e questo è un compito enorme che richiederà tempo“.

Il dottor Sahin ha detto che le due aziende stanno aumentando la produzione e costruendo una rete logistica globale per continuare a fornire dosi oltre a quelle già vendute. La società tedesca ha detto a settembre di aver acquistato un grande impianto di produzione nella città tedesca di Marburg da Novartis L’impianto, ha detto il dottor Sahin, dovrebbe aumentare la capacità produttiva del vaccino Covid-19 fino a 750 milioni di dosi all’anno entro la fine del 2021.

Anche Pfizer ha aumentato la produzione per mesi, ordinando nuove attrezzature e acquistando materie prime. Ha in programma di produrre le dosi destinate agli Stati Uniti in uno stabilimento a Kalamazoo, Michigan, e sta utilizzando uno stabilimento a Puurs, in Belgio, per la maggior parte del resto del mondo.

Le prove finali del vaccino Pfizer-BioNTech potrebbero iniziare a fornire dati nel corso di questo mese coi regolatori chiamati a decidere se autorizzarne l’uso in caso di emergenza.

Credo che abbiamo un ottimo candidato per il vaccino, ma ora dobbiamo lavorare insieme per espandere un’infrastruttura di fornitura che renda il vaccino disponibile a livello globale, in modo che tutti coloro che vogliono un vaccino possano ottenere un vaccino“, ha detto il dottor Sahin.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati