skip to Main Content

Come e quando si richiuderà il buco nell’ozono

Buco Ozono

Secondo un nuovo rapporto realizzato dalle Nazioni Unite, lo strato di ozono che avvolge la Terra si sta rigenerando dopo che a metà degli anni ’80 la sua riduzione era diventata nota come “buco nell’ozono”. Fatti, numeri e previsioni nell’articolo del Wall Street Journal

 

Le sostanze chimiche presenti nell’aria che distruggono l’ozono stanno diminuendo per la prima volta, contribuendo a riparare lo strato atmosferico che protegge gli esseri umani dai raggi ultravioletti dannosi del sole, secondo un nuovo rapporto di un gruppo di scienziati sostenuto dalle Nazioni Unite.

In un rapporto pubblicato lunedì dal Programma Ambientale delle Nazioni Unite e dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale, scrive il Wsj, i ricercatori hanno riscontrato un significativo ispessimento dello strato di ozono, una regione dell’atmosfera che si trova tra le 9 e le 18 miglia di altezza e che assorbe i raggi ultravioletti impedendo loro di raggiungere la superficie terrestre.

Questo strato è fragile da decenni a causa delle sostanze chimiche utilizzate come refrigeranti e propellenti che distruggono l’ozono, un composto formato da tre atomi di ossigeno. Quando queste sostanze chimiche di lunga durata si mescolano con le temperature fredde e le condizioni meteorologiche sopra l’Antartide, la reazione crea ogni primavera un buco nell’ozono sopra la regione, che varia in dimensioni e profondità ogni anno.

Alla fine degli anni ’90, quando i gas che impoveriscono l’ozono avevano raggiunto il loro picco, lo strato di ozono era sceso del 4% al di sotto dei livelli precedenti al 1980. Il nuovo rapporto afferma che il recupero sta continuando, ma richiederà ancora molti anni.

L’ispessimento dello strato di ozono significa una maggiore protezione per gli esseri umani e le altre forme di vita.

Secondo gli studi sulla salute, un eccesso di raggi UV può portare al cancro della pelle, alla cataratta e a un’alterata funzione del sistema immunitario, oltre a danneggiare la crescita delle colture e del fitoplancton oceanico.

Il rapporto ha rilevato che il cloro, dannoso per l’ozono, è diminuito dell’11,5% nella stratosfera tra il picco del 1993 e il 2020, mentre il bromo è diminuito del 14,5% nella stratosfera tra il picco del 1999 e il 2020.

Gli scienziati autori dello studio affermano che i loro risultati sono una buona notizia per il pianeta.

“Questa è la misura di base del successo”, ha dichiarato il dottor David Fahey, direttore del laboratorio di scienze chimiche della National Oceanic and Atmospheric Administration a Boulder, Colo, e co-presidente del gruppo di lavoro che ha redatto lo studio. “La quantità di tutti i principali gas che danneggiano l’ozono e le loro emissioni hanno raggiunto il picco massimo e ora stanno scendendo”.

Le sostanze chimiche che danneggiano l’ozono, chiamate clorofluorocarburi o CFC, sono state vietate nel 1987 dal Protocollo di Montreal, un trattato internazionale firmato da tutti gli Stati membri dell’ONU. L’emendamento di Kigali, firmato nel 2016, ha vietato un gruppo di sostanze chimiche conosciute come idrofluorocarburi o HFC, che sono stati utilizzati per molti anni come sostituti dei CFC, ma non danneggiano lo strato di ozono.

La valutazione scientifica pubblicata lunedì afferma che gli HFC sono anche un gas serra che riscalda il pianeta e stima che il divieto degli HFC ha eliminato l’uso di sostanze chimiche che altrimenti avrebbero provocato un riscaldamento di 0,5 gradi Celsius entro il 2100.

Nel 2018, gli scienziati hanno rilevato un’impennata del 25% di una sostanza chimica vietata che impoverisce l’ozono, il triclorofluorometano, o CFC-11. Hanno individuato il problema nelle fabbriche della Cina nord-orientale che emettevano CFC-11 nella produzione di schiuma isolante. Dopo le pressioni esercitate dalla comunità internazionale e dal governo cinese, le emissioni sono ora diminuite, ha dichiarato Paul Newman, scienziato capo per le scienze della terra presso il Goddard Space Flight Center della NASA e co-presidente del gruppo di valutazione scientifica delle Nazioni Unite.

“Abbiamo individuato che queste emissioni stavano aumentando e ora sono diminuite”, ha detto Newman. “Le azioni intraprese dal governo cinese e da altri governi hanno avuto un impatto positivo. Hanno controllato queste emissioni impreviste e questo è un buon messaggio”.

Lo strato di ozono è vulnerabile anche ad altre minacce. Gli incendi australiani del 2019 e del 2020 hanno inviato particelle di fumi umidi nella stratosfera, dove hanno innescato reazioni chimiche che hanno intaccato lo strato di ozono, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Science. Sebbene la riduzione dell’ozono sia stata temporanea, i ricercatori hanno affermato che i grandi incendi potrebbero rappresentare una minaccia persistente per i livelli di ozono globale.

Nonostante le minacce degli incendi e delle emissioni delle fabbriche cinesi, si prevede che lo strato di ozono tornerà ai livelli del 1980 – prima della comparsa del buco nell’ozono – entro il 2066 circa nell’Antartico, entro il 2045 nell’Artico ed entro il 2040 nel resto del mondo, si legge nel rapporto.

Un’analoga valutazione scientifica del 2018 ha mostrato un miglioramento dello strato di ozono nelle regioni delle medie latitudini dell’emisfero settentrionale. Nella valutazione del 2022, pubblicata lunedì, si rilevano segnali positivi di ripresa dello strato di ozono anche ai tropici e alle medie latitudini dell’emisfero meridionale, secondo Newman.

Ogni settembre, lo strato di ozono si assottiglia formando un buco di ozono sopra l’Antartide. Forme di cloro e bromo presenti nell’atmosfera, che derivano da vari refrigeranti industriali, solventi e propellenti rilasciati dagli anni ’60 agli anni ’80, si attaccano alle nubi polari di alta quota ogni inverno australe. Secondo la NASA, queste sostanze chimiche iniziano a distruggere lo strato di ozono al sorgere del sole alla fine dell’inverno antartico.

Il buco nell’ozono, che appare nell’emisfero meridionale ogni anno nella primavera australe, ha smesso di crescere dal 2000 al 2010. Nonostante il buco nell’ozono in Antartide sia molto esteso nel 2020 e nel 2021, le misurazioni a lungo termine mostrano un declino nel tempo che indica una continua ripresa, si legge nel rapporto.

Gli scienziati misurano le dimensioni e lo spessore del buco nell’ozono utilizzando palloni meteorologici appositamente progettati e lanciati dall’Antartide e da diverse altre località del mondo, oltre a quattro satelliti in orbita gestiti dalla NASA e dalla NOAA.

Il gruppo di esperti dell’ONU ha avvertito che i tentativi di raffreddare la Terra iniettando particelle che riflettono la luce solare nell’atmosfera superiore potrebbero danneggiare lo strato di ozono, anche se ha sottolineato che sono necessarie ulteriori ricerche su queste cosiddette proposte di geoingegneria e sui loro effetti indesiderati.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore