Advertisement
skip to Main Content

Perché il presidente dell’Ucraina minimizza la minaccia della Russia. Report Economist

Zelensky Biden

Cosa pensa l’Ucraina del rischio di invasione russa. L’articolo dell’Economist

Sangue potrebbe essere presto versato in Ucraina, ma sarà vero o falso? Il 31 gennaio le autorità hanno arrestato un gruppo che, a loro dire, stava pianificando di organizzare rivolte nelle città ucraine. La trama avrebbe coinvolto migliaia di manifestanti antigovernativi pagati, bombe fumogene e litri di sangue finto per le telecamere, con medici sulla scena per simulare il primo soccorso. L’obiettivo, ha spiegato Ihor Klymenko, capo della polizia ucraina, era quello di scuotere il paese con immagini virali di disordini e brutalità della polizia.

Eppure, due giorni prima, il governo dell’Ucraina ha respinto le fughe di notizie dei funzionari dell’intelligence americana secondo cui la Russia stava trasportando forniture di sangue alle sue truppe al confine ucraino per curare potenziali vittime di guerra. “Lo scopo di tali informazioni è quello di diffondere il panico e la paura nella nostra società”, ha scritto il vice ministro della difesa, Hanna Maliar, in un post su Facebook. Una spaccatura retorica e analitica si è aperta tra l’Ucraina e l’America. Mentre gli americani avvertono di un’imminente invasione russa, Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina, pensa che la minaccia più grave possa venire dall’interno – scrive The Economist.

Il sig. Zelensky rifiuta la valutazione riferita al telefono da Joe Biden, il presidente americano, che un’invasione russa dell’Ucraina è “certa” e che Kyiv, la capitale, potrebbe essere “saccheggiata” (l’America ha negato il rapporto). Ha rimproverato i leader stranieri per la loro retorica terribile e ha suggerito che la minaccia militare della Russia non è una novità. “Sono il presidente dell’Ucraina, sono di base qui, e penso di conoscere i dettagli più a fondo di qualsiasi altro presidente”, ha detto il presidente Zelensky.

Molti diplomatici stranieri esprimono frustrazione con il presidente Zelensky, che vedono come inesperto e dal carattere permaloso. Notano che egli richiede consegne urgenti di armi dall’Occidente mentre evita la prospettiva di una guerra in piena regola per la quale quelle armi sarebbero necessarie. Gran parte dell’establishment di politica estera di Washington questa settimana è andato a Kiev, per mostrare sostegno ma anche per bypassare il governo e spiegare il rischio di invasione direttamente alla gente del posto. Boris Johnson, il primo ministro britannico, ha visitato Kiev il 1° febbraio e ha fatto notare che la Russia sta conducendo “la più grande dimostrazione di ostilità verso l’Ucraina in tutta la nostra vita”.

Petro Poroshenko, che ha perso il potere a favore di Zelensky nel 2019, sostiene che ciò che Putin vuole e ciò che fa sono cose diverse. “In definitiva, le sue decisioni [sulla guerra] dipenderanno dalla forza dell’Ucraina, dalla sua unità nazionale e dalla solidarietà dell’Occidente. Andrà solo fino a dove gli sarà permesso di andare. Il mio messaggio è: ‘Non fidatevi di Putin e non abbiate paura di Putin’. La forza e la determinazione sono l’unico linguaggio che funziona”, ha detto in un’intervista.

Per otto anni l’Ucraina è stata in guerra con i separatisti sostenuti dalla Russia nella sua regione orientale del Donbas. La prospettiva di un’escalation russa è una minaccia perenne. Non ha bisogno di verificarsi per ferire il morale dell’Ucraina e scoraggiare gli investimenti. Molti ucraini, che hanno un atteggiamento stoico nei confronti della situazione, apprezzano la calma del presidente Zelensky. Il ministero degli Esteri ha rimproverato l’America e la Gran Bretagna per aver evacuato il personale dalle loro ambasciate a Kiev, definendola “eccessiva prudenza”.

Alcuni ucraini diffidano delle spie americane, che pensano che l’Ucraina sia una pedina in una lotta più ampia con la Russia. Il costante stillicidio di fughe di notizie americane sembra loro servire i piani americani per la sicurezza dell’Europa, piuttosto che aiutare l’Ucraina. Ma i difensori del presidente Zelensky ritengono che la spaccatura sia sopravvalutata. Dicono che sta semplicemente rimanendo positivo in pubblico mentre pianifica privatamente per una crisi, come potrebbe fare qualsiasi leader. Dopo tutto, l’America e i suoi alleati stanno ancora inviando aiuti all’Ucraina, condividendo l’intelligence e premendo la Russia a fare marcia indietro.

L’America vede le forze armate dell’Ucraina come sovrastate, rendendo possibile un’occupazione russa. Ma gli ucraini hanno fiducia nel paese che hanno costruito dal 2014. Se la Russia dovesse invadere e stabilire un regime fantoccio, dovrebbe affrontare non solo un’insurrezione ma – altrettanto frustrante – una burocrazia non cooperativa. Il paese ha epurato la sua forza di polizia dagli ufficiali filorussi; i nuovi candidati devono spiegare a una commissione come risponderebbero agli ordini illegali. Anche per gli ucraini corrotti in cima alle reti clientelari, un’occupazione russa non è allettante. Nel Donbas, ha significato il collasso economico. In Crimea, le élite locali devono competere per il bottino con potenti funzionari inviati da Mosca. I funzionari ucraini possono a volte essere disonesti, ma questo non significa che la loro lealtà sia in vendita alla Russia, dichiara un imprenditore della difesa a Kiev.

Tuttavia, anche se l’Ucraina è più resistente di quanto pensino gli americani, il presidente Zelensky è in difficoltà. Se arriva un’invasione in piena regola, la sua decisione di minimizzare il rischio potrebbe costargli la fiducia del pubblico. Nei negoziati a Monaco la prossima settimana con Russia, Francia e Germania, dovrà affrontare la pressione per implementare i protocolli di Minsk, un accordo imposto dalla Russia sotto la minaccia delle armi nel 2015 che in effetti dà alle regioni filorusse dell’Ucraina un veto sulla politica estera. Il 31 gennaio il capo del consiglio di sicurezza nazionale dell’Ucraina ha detto che il paese non attuerà i protocolli, e l’Occidente dovrebbe smettere di spingerlo a farlo. L’opposizione Platform For Life, un partito favorevole alla Russia, aspetta che Zelensky inciampi. Così come il suo predecessore, Poroshenko, un oligarca che il governo di Zelensky ha accusato di alto tradimento – un altro motivo di delusione occidentale.

Ma gli ucraini capiscono la differenza tra un presidente imperfetto e il sistema che guida. Le dichiarazioni del presidente Zelensky sono “irritanti per noi, può essere irritante per l’Occidente”, dice Oleksiy Haran, uno scienziato politico all’Accademia di Kyiv-Mohyla. “Ma questo è ciò che è la maledetta democrazia”. Se arriva la guerra, è la democrazia dell’Ucraina, per quanto disordinata, che sarà in gioco.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore