skip to Main Content

Così Xi ha ribadito il dominio della Cina su Hong Kong. Report Guardian

Hong Kong

Il presidente cinese Xi Jinping ha assicurato che la democrazia è in ottima salute a Hong Kong, nonostante la stretta repressiva. L’approfondimento del Guardian

Xi Jinping ha ricordato il dominio della Cina su Hong Kong in occasione delle celebrazioni per il 25° anniversario del passaggio della città dalla Gran Bretagna, insistendo sul fatto che la democrazia è fiorente nonostante la repressione politica che ha messo a tacere il dissenso.

Dopo aver giurato in una cerimonia solenne venerdì mattina con il nuovo capo dell’esecutivo, John Lee, il presidente cinese ha esposto la sua visione della città e dei suoi amministratori.

Nel suo primo viaggio al di fuori della Cina continentale dall’inizio della pandemia, ha giurato che “un Paese, due sistemi” – un modello di governance in base al quale è stato promesso che Hong Kong avrebbe mantenuto una certa autonomia e libertà per 50 anni – sarebbe rimasto in vigore.

“Per questo tipo di buon sistema, non c’è motivo di cambiarlo, deve essere mantenuto a lungo termine”, ha detto Xi, riferendosi a “un Paese, due sistemi”, mentre i critici si chiedevano se l’autonomia di alto livello promessa alla città fosse ancora intatta – scrive il Guardian.

“Dopo molte agitazioni, la gente ha imparato una lezione dolorosa: Hong Kong non può essere disordinata, non può permettersi di esserlo”, ha detto. “La stabilità è stata ripristinata”.

Negli ultimi tre anni si è assistito a una riduzione senza precedenti delle libertà a Hong Kong a causa della legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino, che ha visto l’incarcerazione di numerosi attivisti pro-democrazia, giornalisti e politici dell’opposizione.

In quello che è stato descritto come un “discorso importante” dai media statali cinesi, Xi ha invitato i residenti di Hong Kong a contribuire alla “grande rinascita della razza cinese” e ha ribadito che Pechino ha sempre agito “per il bene di Hong Kong”.

In un discorso separato, il nuovo capo dell’esecutivo Lee, anch’egli ex ministro della Sicurezza, ha citato le principali proteste del movimento pro-democrazia come sfide che la città ha superato, mentre Xi ha affermato che l’introduzione della legislazione sulla sicurezza nazionale e il rinnovato sistema elettorale “solo per patrioti” hanno salvaguardato i diritti democratici della popolazione di Hong Kong.

Durante le cerimonie di giuramento, tutti i funzionari, compreso Xi, hanno indossato maschere e sono rimasti in piedi ad almeno un metro di distanza l’uno dall’altro. Non si sono stretti la mano. Xi tornerà nella Cina continentale venerdì pomeriggio, dopo aver soggiornato per meno di 24 ore.

Prima dell’inizio della cerimonia altamente coreografica, il primo ministro britannico Boris Johnson e il segretario di Stato americano Antony Blinken hanno dichiarato che Pechino non ha rispettato l’accordo “un Paese, due sistemi” concordato nell’ambito dell’accordo che ha posto fine al dominio coloniale britannico nel 1997.

Johnson ha promesso di non “rinunciare” a Hong Kong: “È uno stato di cose che minaccia sia i diritti e le libertà degli hongkonghesi sia il continuo progresso e la prosperità del loro Paese”.

Blinken ha detto che venerdì avrebbe dovuto essere la tappa intermedia di 50 anni di autonomia promessa nell’ambito di un Paese, due sistemi, “ma è ora evidente che le autorità di Hong Kong e Pechino non considerano più la partecipazione democratica, le libertà fondamentali e l’indipendenza dei media come parte di questa visione”.

“Le autorità hanno imprigionato l’opposizione… hanno fatto irruzione nelle organizzazioni dei media indipendenti… hanno indebolito le istituzioni democratiche e ritardato le elezioni”, ha dichiarato Blinken. “Hanno fatto tutto questo nel tentativo di privare i cittadini di Hongkong di ciò che è stato loro promesso”.
Blinken ha aggiunto che una severa legge sulla sicurezza imposta da Pechino a Hong Kong nel 2020 ha portato a una “erosione dell’autonomia”: “Siamo solidali con i cittadini di Hong Kong e rafforziamo le loro richieste di ripristino delle libertà promesse”.

Gli eventi per celebrare l’anniversario del passaggio di consegne sono iniziati con una breve cerimonia di alzabandiera presso il centro congressi ed esposizioni di Hong Kong, un luogo circondato da enormi barricate della polizia. In passato, gli attivisti di Hong Kong si erano radunati fuori dalla cerimonia, ma quest’anno la polizia di sicurezza nazionale li aveva avvertiti di non protestare.

La sicurezza è stata stretta in tutta la città. L’unità di risposta antiterrorismo della polizia di Hong Kong è stata dispiegata a Wan Chai, accompagnata da veicoli blindati.

Gli agenti hanno anche pattugliato l’area e condotto controlli a campione sui veicoli. Il personale dei media ha dovuto consegnare l’ombrello prima di accedere agli eventi, oltre a dover perquisire e ispezionare i propri effetti personali. L’oggetto è un simbolo del movimento pro-democrazia dal 2014.

Nel frattempo, la polizia ha intimato ai membri della Lega dei socialdemocratici, un gruppo di attivisti, di non organizzare alcuna protesta il 1° luglio, dopo averli interrogati e aver perquisito le loro case.

L’ex presidente della Lega, Avery Ng, ha dichiarato al Guardian di aver visto una squadra di poliziotti in borghese fuori dal suo edificio, paragonando la situazione agli arresti domiciliari. “Ovviamente, questo è molto simile a ciò che accade sulla terraferma, in giorni significativi si viene ‘invitati’ a tacere, o forse ‘invitati’ a fare un viaggio”, ha detto Ng.

Un controllo senza precedenti è stato applicato anche ai giornalisti che coprivano gli eventi del 1° luglio. Solo i media selezionati dal governo potevano partecipare fisicamente agli eventi. L’Associazione dei giornalisti di Hong Kong ha dichiarato che circa 10 operatori dei media di varie testate, tra cui il South China Morning Post, sono stati esclusi dagli eventi per “motivi di sicurezza”.

Durante la cerimonia di inaugurazione, sia Xi che Lee hanno sottolineato la necessità che Hong Kong attragga capitali stranieri.

Giovedì Xi ha detto a una folla selezionata a Hong Kong che la regione è “risorta dalle ceneri”.
“Il mio cuore e quello del governo centrale sono stati con i nostri compatrioti di Hong Kong”, ha detto, secondo la traduzione del South China Morning Post. Negli ultimi anni, Hong Kong ha affrontato una dopo l’altra diverse sfide difficili e le ha vinte”.

“Dopo il vento e la pioggia, Hong Kong è risorta dalle ceneri e ha mostrato una forte vitalità”.
Lee si è impegnato a unire la città per “un nuovo capitolo”, promettendo allo stesso tempo un approccio ancora più aggressivo per contrastare “i timori e le malelingue” dei critici.

In vista degli eventi di venerdì, Boris Johnson ha dichiarato che cercherà di continuare a far rispettare alla Cina gli impegni assunti nell’ambito del modello “un Paese, due sistemi”, in modo che Hong Kong sia “nuovamente gestita dal popolo di Hong Kong, per il popolo di Hong Kong”. Ha dichiarato che il percorso di immigrazione della Gran Bretagna per i titolari di passaporti britannici (d’oltremare) l’anno scorso ha attirato 120.000 domande.

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha fatto eco ai commenti di Johnson e ha dichiarato: “Le autorità hanno soffocato l’opposizione, criminalizzato il dissenso e cacciato chiunque potesse dire la verità al potere.
“L’impegno storico del Regno Unito nei confronti di Hong Kong e del suo popolo non viene meno. Per questo motivo continuiamo a contestare alla Cina la violazione degli impegni giuridicamente vincolanti assunti con la Dichiarazione congiunta.

“Abbiamo richiamato la loro condotta sulla scena mondiale e ci siamo uniti ai nostri partner del G7 nel condannare la costante erosione dei diritti politici e civili e dell’autonomia di Hong Kong”.

L’Australia ha anche criticato la Cina per aver limitato i diritti e le libertà dei cittadini di Hong Kong. “L’Australia rimane profondamente preoccupata per la continua erosione dei diritti, delle libertà e dell’autonomia di Hong Kong, a due anni dall’imposizione della legge sulla sicurezza nazionale”, ha dichiarato il ministro degli Esteri Penny Wong.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore