Mondo

Il nuovo trio di potere in America? Biden, Harris e McConnell

di

biden

Dalla sua posizione di leader della maggioranza repubblicana uscente del Senato, McConnell sarà l’ago della bilancia del potere americano dopo l’elezione di Biden

Durante la presidenza di Barack Obama, la propensione di Joe Biden a siglare accordi con Mitch McConnell era diventata una fonte di irritazione per i liberali. Ora sarà la chiave per ottenere qualcosa di concreto – scrive Politico.

“Alcuni democratici direbbero: ‘Joe vuole sempre fare un accordo’. . E io penso: ‘Diavolo, sì, è il suo lavoro'”. Il senatore Joe Manchin (Dem.) ha detto in un’intervista giovedì. “Perché non dovrebbe voler fare un accordo?”. Sicuramente Biden avrebbe preferito un Senato guidato da Chuck Schumer che potesse rapidamente confermare i suoi candidati e aiutare un ambizioso programma legislativo insieme alla Presidente Nancy Pelosi. Sulla carta, il Senato Repubblicano di McConnell sembra un pessimo spartito per una Casa Bianca Democratica sotto Biden, visto lo sforzo di McConnell di silurare le priorità del precedente Presidente Democratico.

E forse la cosa più importante è che Biden e McConnell hanno un rapporto reale – forgiato negli anni come colleghi del Senato e combattenti. McConnell è stato l’unico repubblicano del Senato a partecipare al funerale del figlio di Biden, Beau, nel 2015, e si è tenuto lontano dagli attacchi del GOP contro l’altro figlio di Biden, Hunter.

“Hanno già negoziato grandi cose in passato. Hanno attraversato alcune dure e anche aspre battaglie per le conferme giudiziarie”, ha detto il senatore Chris Coons (D-Del.), uno stretto alleato di Biden, in un’intervista. “Ma credo che siano riusciti a rimanere amici o ad avere un rapporto di lavoro e professionale anche nei momenti più difficili”.

McConnell e Biden potrebbero avere motivo di trovare un terreno comune. Sotto la guida di Trump, McConnell è già riuscito nel suo obiettivo di lunga data di rimodellare la magistratura; presto il suo ruolo passerà al più potente repubblicano di Washington, che deve anche difendere una maggioranza sottilissima. E Biden è stato eletto non in base all’agenda più liberale, ma in parte alla sua capacità di lavorare con l’altra parte, prevedendo “vedrete un’epifania tra molti dei miei amici repubblicani” se Trump dovesse perdere.

“Ho fatto campagna elettorale come democratico, ma governerò come presidente americano”, ha detto mercoledì Biden ai giornalisti. “La presidenza in sé non è un’istituzione di parte”.

I funzionari democratici stanno già riconoscendo che le loro ambizioni legislative sono molto più piccole di una settimana fa, ma pensano che ci sia spazio per un accordo su cose come un pacchetto di aiuti per il coronavirus, le infrastrutture, l’istruzione superiore e la banda larga in aree rurali. I repubblicani sono per lo più d’accordo. Entrambi i vecchi tori del Senato prima del loro periodo ai più alti livelli della politica americana, McConnell e Biden dovranno riaccendere il loro vecchio dare e ricevere quasi immediatamente. L’intero gabinetto di Biden sarà a caccia di un’eventuale votazione di McConnell, e le sue nomine saranno sicuramente più centriste che se Schumer fosse a capo del Senato.

Non c’è speranza che icone liberali come Bernie Sanders ed Elizabeth Warren vincano la conferma di Gabinetto – anche se la realtà può anche evitare lotte intrapartitiche tra democratici che cercano di formare un’amministrazione Biden.

“Mitch McConnell costringerà Joe Biden a negoziare con lui ogni singolo segretario di gabinetto, ogni singolo giudice della corte distrettuale, ogni singolo procuratore degli Stati Uniti”, ha detto il senatore Chris Murphy (D-Conn.). “La mia ipotesi è che avremo una crisi costituzionale abbastanza immediata”.

Ma Manchin ha sostenuto che “questo Paese non vuole parafulmini” nel Gabinetto e che Biden e McConnell potrebbero effettivamente accordarsi su un gruppo di candidati non ideologici che non si trasformerebbero in risse a tutto campo tra le due parti.

Le cose non sono certo tutte lisce tra McConnell e Biden. Biden ha sparato a McConnell a settembre per l’incapacità del Congresso di approvare un nuovo progetto di legge sul coronavirus, avvertendo che “gli Stati sono in guai seri, e per citare il mio buon amico Mitch McConnell, ha detto: ‘Lasciate che gli Stati vadano in bancarotta'”. McConnell ha detto all’inizio di quest’anno che Biden avrebbe dovuto rilasciare altri documenti per affrontare l’accusa di cattiva condotta sessuale nei suoi confronti da parte dell’ex assistente Tara Reade.

Eppure sotto il cecchino c’è un rapporto profondo – anche di amicizia – che potrebbe sfidare le previsioni di stallo assoluto del Campidoglio.

Mercoledì McConnell ha definito Biden il suo “vecchio amico”. E ha reso pubblico omaggio a Biden durante un discorso del 2016, poco prima che il vicepresidente lasciasse l’incarico, definendolo un “partner fidato”. Nel 2011, Biden è apparso al McConnell Center in Kentucky, osservando che il pubblico vuole “vedere se un repubblicano e un democratico si piacciono davvero. Beh, sono qui per dirvi che è così”.

“È una lunga relazione, e si capiscono a vicenda”, ha detto un senatore repubblicano che conosce entrambi gli uomini. McConnell e Biden si sono rifiutati di commentare questa storia. E le sfuriate di Trump su Twitter contro il conteggio dei voti hanno per lo più impedito ai repubblicani di parlare di come avrebbero lavorato con un presidente Biden. Il GOP è ancora diffidente nello sfidare Trump.

“I Repubblicani del Senato sono in una posizione molto forte per guidare i prossimi due anni per il Paese, indipendentemente dal risultato. La mia speranza è che il presidente Trump vinca”, ha detto il senatore John Barrasso del Wyoming, il leader n. 3 del GOP. “Il nostro ruolo sarà significativo”.

Tra i vari accordi che i liberali detestavano, McConnell e Biden hanno negoziato l’accordo “fiscal cliff” per aumentare le tasse e tagliare la spesa nel 2012.

Kumar ha anche affermato che lo stile di negoziazione di Biden era superiore a quello di Obama.

“Biden gestisce le trattative come una questione molto pratica. Dobbiamo trovare un accordo”. Dovete fidarvi di me quando vi dico cosa posso e non posso fare”, ha detto Kumar, che ora aiuta a guidare l’ufficio nazionale delle imposte della PricewaterhouseCoopers. “Questo è stato un contrasto piuttosto netto con il modo in cui Biden e Obama hanno gestito le trattative”.

Chuck Hagel, che è stato segretario della Difesa di Obama e al fianco di Biden come senatore del GOP, ha espresso ottimismo sulla prospettiva di una cooperazione bipartisan.

Biden sarà “personalmente coinvolto. Lo stile di Obama era diverso”, ha detto Hagel. “Obama non capiva veramente il Congresso, il Senato, come Joe”.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati