skip to Main Content

Come saranno trasportati e stoccati i vaccini anti Covid

Terza Dose

Che cosa farà la Banca Mondiale per la vaccinazione anti Covid. L’approfondimento di Le Monde

La Banca Mondiale, che ha approvato un pacchetto di 12 miliardi di dollari per aiutare i Paesi in via di sviluppo, mira a permettere la vaccinazione di un miliardo di persone, dice l’economista David Malpass in un’intervista a “Le Monde”.

Con l’impatto devastante della pandemia di Covid-19 sulla salute pubblica, le società e le economie potrebbero spingere 150 milioni di persone nella povertà estrema entro la fine del 2021. I paesi potranno riprendersi solo quando le persone saranno in grado di riprendere la loro vita con fiducia. Per proteggere vite e mezzi di sussistenza, dobbiamo garantire che i vaccini siano consegnati non appena disponibili. Si tratta di una sfida immensa, soprattutto per i paesi in via di sviluppo.

Pfizer-BioNTech e Moderna hanno annunciato l’imminente arrivo di un vaccino e a breve saranno completate ulteriori sperimentazioni. Quindi la questione non è più se un vaccino sarà disponibile, ma quando e come renderlo disponibile a tutti. È fondamentale che i paesi a basso e medio reddito abbiano un accesso equo ai vaccini, a beneficio soprattutto di coloro che ne hanno più bisogno. Il successo dell’immunizzazione richiederà anche il rafforzamento dei sistemi sanitari e della capacità logistica.

È qui che il Gruppo della Banca Mondiale ha un ruolo fondamentale da svolgere. In ottobre abbiamo approvato 12 miliardi di dollari (10 miliardi di euro) per aiutare i paesi in via di sviluppo a procurarsi e distribuire vaccini, test e trattamenti. L’International Finance Corporation (IFC), il nostro braccio del settore privato, sta mobilitando 4 miliardi di dollari per i produttori di vaccini e prodotti correlati. I nostri esperti in sanità pubblica, acquisti, trasporti e logistica sono al lavoro in tutto il mondo.

MIGLIORAMENTO DEL TRASPORTO E DELLO STOCCAGGIO

Il nostro obiettivo è di rendere possibile la vaccinazione di un miliardo di persone. Oltre all’acquisto di vaccini, la loro diffusione capillare richiede un’attenta pianificazione, personale qualificato e infrastrutture sanitarie affidabili. A questo proposito, tre aspetti sono essenziali.

In primo luogo, la logistica. I governi dovranno migliorare il trasporto e lo stoccaggio per garantire la conservazione del vaccino. Alcuni avranno bisogno di aiuto per raggiungere aree remote, aumentare la capacità di stoccaggio, stabilire una catena del freddo e rafforzare le strutture sanitarie. Ci ispireremo ai paesi dell’Africa occidentale e centrale, che hanno consegnato con successo un vaccino contro l’Ebola che richiede una conservazione a -60°C (condizioni paragonabili a quelle del vaccino di BioNTech-Pfizer) utilizzando blocchi di ghiaccio secco consegnati in motocicletta in villaggi remoti.

In secondo luogo, la vaccinazione stessa. Oggi, la maggior parte dei paesi vaccina solo i neonati. Dovranno dare priorità a: assistenti, anziani o persone a rischio, insegnanti, forze dell’ordine, negozianti, ecc. Allo stesso tempo, i paesi dovranno ripristinare gli altri servizi sanitari che sono stati interrotti.

Sarà necessario garantire che i vaccini siano distribuiti e inoculati in modo efficace, compresa la seconda dose richiesta per la maggior parte dei vaccini. L’innovazione tecnologica può contribuire a questo. In Pakistan, la Banca ha sostenuto la lotta contro la polio con strumenti digitali per localizzare le infezioni, guidare i vaccinatori e monitorare i progressi dell’immunizzazione. Tali strumenti possono contribuire a prevenire i rischi di furto, uso improprio o frode.

TEST, VACCINI E TRATTAMENTI

In terzo luogo, l’accettazione pubblica. Gli Stati possono trovarsi di fronte a un diffuso scetticismo sulla sicurezza dei vaccini sviluppati a velocità record. Le recenti epidemie di Ebola hanno sottolineato l’importanza di costruire la fiducia nelle vaccinazioni. Nella Repubblica Democratica del Congo ciò ha comportato il reclutamento di personale locale, il coinvolgimento di leader religiosi e comunitari e la comunicazione nelle lingue locali per contrastare la disinformazione.

Il nostro obiettivo nei prossimi 100 giorni sarà quello di aiutare almeno 100 paesi a preparare i test, i trattamenti e i vaccini Covid. Lavoriamo in stretto coordinamento con la Gavi Vaccine Alliance, il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF), l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) e il Fondo Globale, fornendo supporto finanziario e tecnico. Inizieremo aiutando i Paesi a valutare la loro preparazione, a quantificare le loro esigenze e a rafforzare i loro sistemi sanitari.

La IFC ha recentemente investito nel laboratorio indiano BioE e prevede di aiutare altri paesi a sviluppare la produzione locale quando i vaccini saranno disponibili. Le soluzioni innovative includono la conversione dei canali di distribuzione alimentare per la consegna dei vaccini e l’utilizzo di catene a blocchi per tracciare la consegna.

SFORZI SANITARI PIÙ AMPI

L’impegno del Gruppo della Banca Mondiale per l’immunizzazione fa parte della sua continua risposta di emergenza alla pandemia. I nostri progetti in 112 Paesi stanno contribuendo a salvare vite umane e a rafforzare i sistemi sanitari. Abbiamo aiutato lo Yemen e l’Etiopia a migliorare le strutture e ad acquistare attrezzature mediche.

In Afghanistan, il nostro sostegno ha rafforzato i laboratori diagnostici. Abbiamo aiutato l’Egitto a lanciare una campagna nazionale di prevenzione e a mantenere i servizi medici di routine. Abbiamo anche aiutato l’Argentina, l’Ecuador, l’Indonesia, Haiti, il Senegal, la Somalia e l’Ucraina a procurarsi attrezzature mediche.

La sfida che si presenta nella distribuzione dei vaccini Covid dimostra la necessità di sistemi sanitari forti e inclusivi in ogni paese. Dobbiamo avere una visione d’insieme e costruire la resilienza, poiché in futuro sorgeranno nuove crisi. L’urgenza delle vaccinazioni può anche sostenere sforzi sanitari più ampi, come in Afghanistan e Nigeria, dove le strutture di vaccinazione hanno rafforzato l’assistenza primaria migliorando la logistica e la gestione della catena del freddo.

Sono convinto che possiamo costruire una coalizione internazionale unica per affrontare una sfida che ci riguarda tutti, ricchi e poveri, in ogni Paese. La mia speranza è che questo momento sia un vero punto di svolta che ci porti a riconoscere che la salute di tutti dipende dalla salute di tutti.

(estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore