skip to Main Content

L’Ungheria? Testa di ponte della Cina in Europa, dice Le Monde

Ungheria Polonia Sputnik

Il 2020 ha segnato una brusca accelerazione dei piani della Cina in Ungheria. L’approfondimento di Le Monde

Un progetto privato ungherese – scrive Le Monde – mira a costruire quest’anno, al confine ucraino, un nuovo terminal ferroviario per i treni provenienti dalla Cina. E entro il 2024, il primo campus di una grande università cinese in Europa potrebbe nascere a Budapest.

Le scavatrici sono impegnate a livellare il terreno disperatamente ghiacciato ai margini della pianura ungherese. Se tutto va bene, entro la fine del 2021, il sito di 125 ettari, situato a una decina di chilometri dal confine ucraino, dovrebbe ospitare quello che i suoi progettisti hanno già definito “il più grande e moderno terminal ferroviario d’Europa”. Nel 2022, i primi treni dalla Cina dovrebbero scaricare i loro container a Fenyeslitke, che diventerà una nuova porta ferroviaria verso l’Unione Europea (UE). Dopo aver attraversato la Russia e l’Ucraina su vagoni a scartamento russo, saranno trasferiti su treni a scartamento europeo e poi partiranno per tutta la parte meridionale del Vecchio Continente.

«Saremo in grado di accogliere fino a quattro treni contemporaneamente, questo terminal sarà molto più grande di quelli esistenti in Polonia e Bielorussia», afferma Janos Talosi, CEO della società East-West Gate, che vuole competere con l’asse attuale che passa per la Germania. «La nostra posizione geografica gli permetterà di essere la porta occidentale delle “nuove strade della seta”, le merci dalla Cina potranno arrivare in sedici giorni», aggiunge, facendo tuttavia attenzione a dire che «è un progetto privato che non dipende direttamente» del grande piano di Xi Jinping che consiste nell’agevolare le esportazioni cinesi attraverso nuove infrastrutture finanziate da Pechino, un po’ ovunque tra l’Asia e l’Europa. Ma se il sig. Talosi è molto cauto quando si tratta di parlare di geopolitica, l’investimento di una sessantina di milioni di euro, e proveniente per l’80 % da un miliardario russo-ungherese, Ruslan Rahimkulov, approfitterà della posizione molto pro-Pechino di Viktor Orban, il primo ministro ultranazionalista al potere a Budapest.

Come East-West Gate, negli ultimi mesi si sono moltiplicati gli annunci di investimenti cinesi o favorevoli agli interessi cinesi nella patria dell’Europa centrale. Se da diversi anni la Cina cerca di mettere piede nella regione, con più o meno successo a seconda degli Stati, il 2020 ha segnato una brusca accelerazione dei suoi piani in Ungheria. Con la Serbia, che non fa parte dell’UE, la nazione di Viktor Orban è il paese d’Europa più aperto a Pechino, un modo per il dirigente ungherese di controbilanciare un’Unione europea che non smette di fustigare, anche se si guarda bene dal lasciarla. «Se ci sono altri paesi come l’Italia o la Grecia che possono essere sensibili alla Cina, nessuno gli dedica un amore incondizionato come l’Ungheria», sottolinea Agnes Szunomar, professoressa di economia specializzata della Cina all’università Corvinus di Budapest.

CARTA BIANCA

Qui, il vaccino cinese Covid potrebbe essere autorizzato nei prossimi giorni, senza aspettare il parere delle autorità europee, Huawei ha carta bianca per implementare il 5G, Lenovo (il primo produttore mondiale di PC) per aprire il suo primo stabilimento in Europa, e il progetto East-West Gate potrebbe rendere l’Ungheria il primo gateway europeo per le merci cinesi. Soprattutto perché è in corso anche il controverso progetto ferroviario tra Budapest e Belgrado. Questa linea dovrebbe permettere al porto del Pireo, in Grecia, acquistato nel 2016 da capitali cinesi, di essere collegato più rapidamente a Budpaest, attraverso i Balcani, e lì al resto dell’Europa. Annunciato nel 2013, il progetto, del valore di 3 miliardi di euro, sarà finanziato all’85% da prestiti cinesi. Già iniziati dal lato serbo, i lavori si sono protratti a lungo dal lato ungherese, ma Viktor Orban ha fatto votare nel maggio 2020 una legge che prevede di imporre un segreto di dieci anni su tutti i dettagli di questo mercato, che andrà in particolare a beneficio delle imprese di BTP del suo compagno di classe e prima fortuna ungherese, Lorinc Meszaros. Da allora, queste hanno iniziato i loro primi studi.

La nuova linea, prevista l’apertura nel 2025, deve permettere all’«Ungheria di diventare un centro logistico per l’Europa», afferma il ministero dell’Economia. Le critiche indicano che il prestito cinese non è particolarmente vantaggioso. La linea eviterà inoltre le due grandi città del sud dell’Ungheria e non supererà i 200 km/h, il che limiterà il suo interesse per il traffico passeggeri. Non si vede bene il vantaggio economico per la parte ungherese di spendere così tanto per un’infrastruttura di cui non si ha troppo bisogno» afferma Agnes Szunomar. «Sembra soprattutto politico, l’Ungheria vuole mostrare a Bruxelles che ha amici potenti al di fuori dell’Europa.» L’Unione europea, che negli ultimi anni ha finanziato la maggior parte delle opere infrastrutturali in Ungheria con sovvenzioni e non con prestiti, sarà pertanto tenuta in disparte.

Ma un progetto ancora più spettacolare è nelle scatole magiare-cinesi. La Fudan University, al 100° posto nella classifica di Shanghai, ha firmato un protocollo d’intesa nel dicembre 2020 per aprire nel sud della capitale ungherese quello che sarà il primo campus di una grande università cinese in Europa. “Il campus potrebbe essere completato entro il 2024”, ha spiegato il leader del progetto ungherese, Levente Horvath, ai media filogovernativi – non gli è stato permesso di rispondere alle domande di Le Monde. Un gigantesco terreno di 130 ettari sarà così acquistato nel 2021 per 2,3 milioni di euro dal governo per permettere la costruzione di edifici che possono ospitare fino a “5.000-6.000 studenti e 500 insegnanti”.

L’università cinese dovrebbe in particolare assicurare insegnamenti in «economia, relazioni internazionali, medicina e scienze tecniche». «Fudan potrà svolgere un ruolo essenziale nell’internazionalizzazione del sistema educativo ungherese», ha elogiato, al momento della firma del protocollo, il ministro dell’innovazione e delle tecnologie, Laszlo Palkovics, che non ha voluto rispondere a Le Monde. Una dichiarazione che non manca di ironia, mentre il governo ungherese ha spinto negli ultimi anni un’altra università straniera, l’università dell’Europa centrale, fondata e finanziata dal miliardario americano George Soros, nemico di Stato nell’Ungheria di M. Orban, a lasciare Budapest.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore