Advertisement skip to Main Content

Ucraina Economist

Perché l’Ucraina deve vincere. L’editoriale dell’Economist

Un'Ucraina forte e democratica ostacolerebbe l'espansionismo della Russia, perché i suoi confini sarebbero sicuri. L'editoriale del settimanale The Economist

 

Quando Vladimir Putin ha ordinato alle truppe russe di entrare in Ucraina, non era il solo a pensare che la vittoria sarebbe stata rapida. Molti analisti occidentali si aspettavano anche che Kiev, la capitale, cadesse entro 72 ore. Il valore e l’ingegno ucraino hanno smentito queste previsioni. Mentre la guerra entra nella sua sesta settimana, la parte che sta contemplando la vittoria non è la Russia ma l’Ucraina – e sarebbe una vittoria che ridisegnerebbe la mappa della sicurezza europea – scrive The Economist.

Parlando a The Economist a Kiev il 25 marzo, il presidente Volodymyr Zelensky ha spiegato come il potere delle persone è il segreto della resistenza dell’Ucraina e perché la guerra si sta spostando a favore della sua nazione. “Noi crediamo nella vittoria”, ha dichiarato. “Questa è la nostra casa, la nostra terra, la nostra indipendenza. È solo una questione di tempo”.

Il campo di battaglia comincia a raccontare la stessa storia del presidente. Dopo diverse settimane durante le quali l’assalto russo si è arenato, le forze ucraine hanno cominciato a contrattaccare. Il 29 marzo la Russia ha detto che “ridurrà fondamentalmente” la campagna del nord. La sua ritirata potrebbe essere solo tattica, ma la Russia ha in effetti ammesso che, per il momento, non può prendere Kiev.

Eppure gran parte dell’Ucraina rimane in mani russe, compresa la striscia di terra sulla costa meridionale che i russi ora sostengono essere il loro obiettivo da sempre. Una grossa fetta dell’esercito ucraino, nella regione del Donbas, è vulnerabile all’accerchiamento. Nessuno dovrebbe sottovalutare la potenza di fuoco russa. Anche se le sue forze sono esaurite e demoralizzate, possono trincerarsi. La vittoria per l’Ucraina significa mantenere intatte le sue brigate del Donbas e usarle per negare alla Russia una presa sicura sul territorio occupato.

Per questo, ci ha detto Zelensky, l’Occidente deve imporre sanzioni più severe alla Russia e fornire più armi, compresi aerei e carri armati. Le sanzioni esauriscono la capacità della Russia di sostenere una lunga guerra. Le armi aiutano l’Ucraina a riprendersi il territorio. Ma i paesi della Nato si rifiutano di fornirgli ciò che vuole. Dato ciò che è in gioco, sia per l’Occidente che per l’Ucraina, questo tradisce un riprovevole fallimento della visione strategica.

Per l’Ucraina, una vittoria decisiva scoraggerebbe un’altra invasione russa. Più l’Ucraina riuscirà a respingere in modo convincente l’esercito russo, più sarà in grado di resistere ai compromessi che potrebbero avvelenare la pace. La vittoria sarebbe anche la migliore base per lanciare uno stato democratico postbellico meno corrotto dagli oligarchi e dalle infiltrazioni russe.

Il premio per l’Occidente sarebbe quasi altrettanto grande. Non solo l’Ucraina potrebbe rinvigorire la causa della democrazia, ma migliorerebbe anche la sicurezza europea. Durante 300 anni di imperialismo, la Russia è stata ripetutamente in guerra in Europa. A volte, come con la Polonia e la Finlandia, era l’invasore. Altre volte, come con la Germania nazista e la Francia napoleonica, è stata vista come una minaccia letale ed è stata essa stessa vittima di aggressioni.

Un’Ucraina forte e democratica ostacolerebbe l’espansionismo della Russia, perché i suoi confini sarebbero sicuri. Nel breve periodo un dittatore arrabbiato e sconfitto rimarrebbe al Cremlino, ma alla fine la Russia, seguendo l’esempio dell’Ucraina, sarebbe più propensa a risolvere i suoi problemi con riforme interne piuttosto che con avventure all’estero. Così facendo, la NATO diventerebbe di conseguenza meno un salasso per i bilanci e la diplomazia. Gli Stati Uniti sarebbero più liberi di occuparsi della loro crescente rivalità con la Cina.

Ahimè, gran parte dell’Occidente sembra cieco a questa opportunità storica. L’America sta conducendo come necessario, anche se ha posto il veto sull’invio di aerei all’Ucraina. Ma la Germania sta prendendo una visione a breve termine delle sanzioni, bilanciando la pressione dei suoi alleati e dell’opinione pubblica contro la conservazione dei suoi legami commerciali con la Russia, il fornitore di gran parte del suo petrolio e gas naturale. Il presidente francese, Emmanuel Macron, sostiene di parlare per gli alleati occidentali quando sostiene che fornire le armi pesanti di cui l’Ucraina ha bisogno li trasformerebbe in “co-belligeranti”. Zelensky accusa questi paesi di essere miopi o timorosi. Ha ragione.

Forse la Germania dubita che l’Ucraina possa lasciarsi alle spalle il suo passato post-sovietico. È vero che, dopo che le proteste di Maidan hanno instaurato la democrazia nel 2014, il paese non è stato in grado di scrollarsi di dosso la corruzione e l’inerzia politica. E dopo essere stata colpita dall’artiglieria russa, l’economia dell’Ucraina sarà in rovina. Tuttavia, l’UE può contribuire a garantire che questa volta sia diverso, iniziando a lavorare sull’adesione dell’Ucraina proprio ora. Non potrebbe esserci affermazione più grande della missione fondante dell’UE di creare la pace in un continente devastato dalla guerra.

Portare la governance dell’Ucraina in linea con quella dell’UE sarà necessariamente lungo e burocratico. Il rischio è che Bruxelles metta alle strette l’Ucraina, come se l’Europa si degnasse di farla aderire. Invece, l’UE dovrebbe accogliere l’Ucraina con entusiasmo, come l’Europa orientale è stata accolta quando si è scrollata di dosso la dominazione sovietica nei primi anni ’90. Ciò richiede un aiuto generoso per ricostruire l’economia, così come il sostegno politico e la pazienza.

L’altra preoccupazione è quella di Macron: che la Nato provochi la Russia. Dall’inizio di questa guerra, quando ha parlato di “conseguenze… come non ne avete mai viste in tutta la vostra storia”, Putin ha lasciato intendere che il coinvolgimento occidentale potrebbe portare all’uso di armi nucleari. Saggiamente, l’Occidente è stato quindi chiaro sul fatto che la Nato non combatterà contro le forze russe – perché, se lo facesse, la guerra potrebbe andare fuori controllo, con risultati catastrofici.

Tuttavia, fare marcia indietro rispetto alla minaccia nucleare di Putin comporta anche dei rischi. Limitare l’aiuto ucraino aiuterebbe la Russia a imporre una pace instabile – e quindi temporanea – al presidente Zelensky. Premierebbe Putin per le sue minacce, preparando il suo prossimo atto di aggressione atomica. Al contrario, armi e sanzioni più potenti segnerebbero un cambiamento nel grado di aiuto, ma non nel suo tipo. E questa settimana, di fronte al successo ucraino, la Russia ha messo in pausa la campagna nel nord, piuttosto che escalation. Per tutte queste ragioni, la migliore deterrenza è che la Nato si opponga alla velata minaccia di Putin, e chiarisca che un’atrocità nucleare o chimica porterebbe al totale isolamento della Russia.

Il conflitto è imprevedibile. La storia è disseminata di guerre che dovevano essere brevi ma che si sono trascinate per anni. L’Ucraina ha vinto la prima fase di questa semplicemente sopravvivendo. Ora ha bisogno di avanzare, e quindi il presidente Zelensky ha bisogno di un aiuto occidentale raddoppiato. Sarebbe terribile se ciò che si frappone tra una cattiva pace e una buona pace fosse un difetto d’immaginazione nelle capitali europee.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top