skip to Main Content

Inflazione

Tutti i problemi che avrà Biden nel 2024. Report Wsj

Sfide e scenari economici per Biden secondo il Wall Street Journal

 

Robert Gilbert, scrive il Wall Street Journal, è stufo dei prezzi elevati dei generi alimentari e di altri beni di prima necessità e ha perso la speranza che il presidente Biden possa essere d’aiuto.

“Non credo che abbia fatto molto per noi, niente che mi sia davvero utile”, ha detto Gilbert, 65 anni, pensionato che vive con un reddito fisso a Fenton, Montana. Ha votato per Biden nel 2020, ma non pensa che lo sosterrà di nuovo.

Gilbert non è nemmeno un fan di Donald Trump, ma ritiene che l’economia fosse migliore quando Trump era in carica. “Penso che Trump abbia fatto un buon lavoro se solo avesse chiuso la bocca”, ha detto Gilbert, che sta pensando di votare per un candidato terzo l’anno prossimo.

Più della metà del Paese ritiene che le politiche di Biden abbiano danneggiato i propri elettori e quasi altrettanti pensano che le politiche di Trump li abbiano aiutati, un segnale inquietante per il presidente in carica in vista di una probabile rivincita con il suo avversario del 2020.

Per Biden, il risultato di un recente sondaggio del Wall Street Journal offre una spiegazione cruda del perché il sostegno di coloro che hanno contribuito a metterlo in carica stia diminuendo. Illustra anche perché i Democratici sono sempre più preoccupati per le sue prospettive, anche contro un avversario repubblicano impopolare con cui Biden spera di creare un contrasto.

Gli elettori di tutto lo spettro politico indicano l’inflazione e i prezzi elevati come una delle principali lamentele sulla presidenza di Biden, ma alcuni sono anche contrariati dal suo più ampio operato in politica interna ed estera. Molti elettori non sono stati in grado di citare politiche specifiche dell’amministrazione Biden che non hanno gradito, ma hanno invece parlato di un malessere pervasivo nel Paese che hanno detto essere difficile da individuare. Molti hanno detto che stavano pensando di sostenere un’alternativa al leader del partito o di non votare affatto. Nelle interviste con gli elettori, ciò che colpisce è che la frustrazione proviene da tutti i lati della coalizione che ha portato Biden alla Casa Bianca.

Gli elettori liberali sono arrabbiati per l’approccio di Biden alla guerra di Israele a Gaza e lamentano che non abbia fatto abbastanza per attuare le politiche progressiste che ha esposto durante la campagna 2020, tra cui il condono su larga scala dei prestiti agli studenti. Gli elettori centristi vogliono che faccia di più per rendere sicuro il confine, mentre gli elettori di sinistra pensano che le sue politiche sull’immigrazione si siano spostate troppo a destra.

Secondo il sondaggio del Journal, il 45% dei democratici e degli indipendenti di sinistra afferma che le politiche di Biden li hanno danneggiati personalmente o non hanno avuto alcun impatto su di loro. Tra gli elettori in generale, il 53% ha dichiarato che le politiche di Biden li hanno danneggiati e meno di un quarto – il 23% – ha detto di essere stato aiutato dalle sue politiche. Circa il 49% degli elettori ha dichiarato che le politiche di Trump li hanno aiutati personalmente, mentre solo il 37% ha detto che li hanno danneggiati.

Il sondaggista democratico Michael Bocian ha detto che gli elettori “sentono molto parlare di come le cose siano negative per loro dal punto di vista economico e si ricordano che l’inflazione era più bassa nel periodo in cui Trump era presidente”. Ha condotto il sondaggio del Journal tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre insieme al sondaggista repubblicano Tony Fabrizio, che ha definito i risultati “davvero sorprendenti”. Fabrizio lavora per un super PAC di Trump, ovvero uno dei comitati d’azione politica con sole spese indipendenti.

I voti bassi degli elettori sul curriculum di Biden arrivano mentre molti di loro rimangono pessimisti sull’economia nonostante i dati economici relativamente forti.

Durante i quasi tre anni di mandato di Biden, l’inflazione ha raggiunto il 9,1%, il valore più alto in oltre quattro decenni, ma da allora è crollata al 3,1%. Nel frattempo, il mercato del lavoro è rimasto forte durante tutta la sua presidenza, con un tasso di disoccupazione relativamente basso e una crescita dei salari che ha iniziato a superare i prezzi all’inizio di quest’anno. Le azioni hanno toccato i massimi storici dopo che l’allentamento dell’inflazione ha spinto la Federal Reserve, mercoledì, a prolungare la pausa dei rialzi dei tassi d’interesse e a segnalare l’improbabilità di ulteriori aumenti.

Biden ha presieduto una delle agende legislative più ampie degli ultimi decenni, che comprende una legge sulle infrastrutture da circa 1.000 miliardi di dollari, un massiccio pacchetto sul cambiamento climatico, sulle tasse e sulla sanità e una misura multimiliardaria per rafforzare l’industria nazionale dei semiconduttori. Il piano di Biden da 430 miliardi di dollari per eliminare i prestiti agli studenti detenuti da 40 milioni di americani è stato bloccato dalla Corte Suprema.

Il principale risultato legislativo di Trump è stata la più ampia revisione del sistema fiscale statunitense degli ultimi decenni, una misura che ha ridotto l’aliquota fiscale sulle imprese e ha abbassato le imposte sulla maggior parte delle persone fisiche. Ha presieduto all’istituzione di un nuovo accordo commerciale tra Stati Uniti, Canada e Messico, imponendo al contempo tariffe ad altri importanti partner commerciali, in particolare alla Cina. L’amministrazione Trump ha costruito quasi 500 miglia di muro di confine per arginare gli ingressi illegali, anche se gran parte di esso ha sostituito barriere esistenti più corte. Trump ha supervisionato la risposta iniziale degli Stati Uniti alla pandemia di Covid-19, che ha visto il governo federale riversare trilioni nell’economia.

Gli economisti sostengono che la spesa approvata da Trump e Biden abbia ammortizzato l’economia durante i primi mesi della pandemia, accelerandone poi la ripresa. Tuttavia, quando l’economia ha iniziato a riaprire nel 2021, la domanda si è scontrata con la carenza di manodopera e con le strozzature della catena di approvvigionamento, alimentando l’inflazione, aggravata dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, che ha fatto salire bruscamente i prezzi della benzina.

Gabrielle Nixon, 24 anni, che vive fuori Savannah, in Georgia, ha rimproverato a Biden di aver ripreso la costruzione del muro di confine, di non aver mantenuto la promessa di condonare il debito studentesco su larga scala e di non aver fatto di più per proteggere i civili a Gaza. Dopo che la Corte Suprema ha bocciato la proposta di Biden di condonare fino a 20.000 dollari di debito studentesco federale per chi guadagna meno di 125.000 dollari all’anno, l’amministrazione Biden ha proceduto con cancellazioni di prestiti più limitate per milioni di mutuatari.

“Sta alienando la sua base più giovane”, ha detto Nixon, manager di un magazzino di spedizioni che ha votato per Biden nel 2020 e ha detto che probabilmente non voterà per lui nel 2024. Come altri intervistati dal Journal, ha detto che non avrebbe mai sostenuto Trump. Ma sta prendendo in considerazione altri candidati come Cornel West e Claudia De la Cruz, che corre per la presidenza come candidata del Partito per il Socialismo e la Liberazione.

Stephanie Evans, 38 anni, che vive nel sud del Colorado ed  è proprietaria di un’azienda, ha dichiarato che l’ultimo anno è stato particolarmente duro. “Molte persone si sono rese conto delle ingiustizie economiche, inviando denaro all’Ucraina e a Israele. E noi ci sentiamo come i figliastri dimenticati”, ha detto.

Evans, che ha votato per Biden nel 2020, ha detto che non intende votare né per Biden né per Trump nel 2024, aggiungendo che non ritiene che le loro politiche la riguardino in modo significativo. Ha detto che non ha ancora deciso chi sosterrà, ma che si è informata su Marianne Williamson.

Gli alleati del presidente si sono detti fiduciosi di poter conquistare gli elettori negli 11 mesi che precedono le elezioni, sostenendo che il pubblico vedrà il contrasto tra Trump e Biden quando la campagna entrerà nel vivo. Hanno inoltre sottolineato che le posizioni di Biden su sanità, prezzi dei farmaci, aborto e altre questioni sono popolari tra gli elettori.

“Se i media se ne sono dimenticati, siamo felici di ricordare loro i sondaggi e i titoli molto simili che dicevano che il presidente sarebbe stato in difficoltà lo scorso novembre”, ha detto il portavoce della campagna di Biden Kevin Munoz, riferendosi alla forte performance dei Democratici nelle elezioni di midterm. “Si sbagliavano”. Il portavoce della campagna di Trump, Steven Cheung, ha dichiarato: “Gli americani sanno di essere stati meglio con Trump come presidente”.

Biden ha spesso sottolineato la forza del mercato del lavoro come prova che le sue politiche economiche stanno funzionando. Il tasso di disoccupazione è sceso dal 6,3% all’inizio del suo mandato al 3,4% all’inizio del 2023, eguagliando i minimi visti l’ultima volta alla fine degli anni Sessanta. Da allora il tasso di disoccupazione è aumentato, ma rimane contenuto. Il tasso di disoccupazione era del 4,7% all’inizio del mandato di Trump e durante la sua presidenza è sceso ai minimi di molti decenni.

L’inflazione, misurata dall’indice dei prezzi al consumo, è stata per lo più contenuta durante il mandato di Trump. L’inflazione annua è stata in media dell’1,9% circa tra gennaio 2017 e gennaio 2021, e i prezzi al consumo sono aumentati del 7,8% circa in quel periodo. I prezzi al consumo sono aumentati del 17% durante il mandato di Biden, con un’inflazione annuale media del 5,8%.

Il prezzo di un gallone di benzina normale, che influisce pesantemente sulla percezione dell’economia da parte degli americani, è rimasto sostanzialmente invariato durante il mandato di Trump. È aumentato di oltre 1 dollaro dall’inizio della presidenza Biden, anche se è in netto calo rispetto al picco raggiunto dopo l’invasione dell’Ucraina.

Trump beneficia di una presidenza per lo più pre-pandemica, che potrebbe influenzare la valutazione più rosea che gli elettori danno del suo mandato. Secondo il sondaggio, inoltre, gli elettori ritengono che il candidato alla presidenza del GOP per il 2024 sia in grado di gestire meglio molte questioni importanti, tra cui l’economia, l’inflazione, la criminalità, la sicurezza dei confini e la guerra tra Israele e Hamas.

“Può essere borioso a volte, ma se dice che farà qualcosa si può scommettere che la farà”, ha detto Christine Jung, 73 anni, repubblicana e agente del Federal Bureau of Investigation in pensione che vive a Stuart, in Florida. Jung ha votato per Trump nel 2020 e intende sostenerlo di nuovo. “Non sopporto il fatto che il confine sia aperto. I terroristi sono ovunque. Temo per il nostro Paese”.

Anche Melissa Garcia Johnson, 33 anni, di Anchorage, Alaska, ha espresso la sua frustrazione per il fatto che gli sforzi di Biden per cancellare i prestiti studenteschi per la maggior parte dei mutuatari non siano andati avanti.

“Il modo più semplice per dirlo è che non sono una fan di lui e della sua performance”, ha detto Johnson. Lei e suo marito stanno lottando per acquistare una casa. “C’è un problema serio con i tassi di interesse sulle case in questo momento. Ho circa 30 anni e sono ancora in affitto”, ha detto Johnson, una democratica che ha votato per Biden nel 2020 ed è indecisa su come votare l’anno prossimo.

Secondo il sondaggio, la maggior parte dei repubblicani e degli indipendenti di orientamento repubblicano (88%) ritiene che le politiche di Trump li abbiano aiutati. Quasi tre quarti dei democratici e degli indipendenti di orientamento democratico pensano che le politiche di Trump li abbiano danneggiati, ma uno su 10 pensa che li abbiano aiutati.

“Il mio sistema previdenziale è andato a gonfie vele quando c’era quell’uomo, e non è più lo stesso”, ha detto Patricia Searle, 59 anni, di Waverly, Neb, a proposito della presidenza di Trump, anche se le azioni sono aumentate durante il mandato di Biden. Ha votato per Biden nel 2020 e ha detto che probabilmente lo sosterrà di nuovo con riluttanza.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top