Mondo

Tutti i nuovi piani della Cina in Africa (anche sul debito degli Stati africani)

di

Lunedì 3 settembre è iniziato a Pechino il Forum della Cooperazione Cina-Africa. L’articolo di Lorenzo Bernardi per Start Magazine

La guerra commerciale con gli Stati Uniti è appena iniziata e la Cina è pronta a rilanciare uno dei suoi progetti economici più impegnativi: gli investimenti in Africa. Lunedì 3 settembre è iniziato a Pechino il Forum della Cooperazione Cina-Africa. Nella capitale cinese si sono dati appuntamento i leader di oltre 50 Stati africani per il summit triennale nel quale si consolida la partnership fra il gigante asiatico e l’Africa. Come in passato, Xi Jinping annuncerà un corposo piano di investimenti. Quello varato tre anni fa, a Johannesburg, ammontava a 60 miliardi, mentre quest’anno lo stanziamento toccherà i 126 miliardi.

GLI INVESTIMENTI CINESI IN AFRICA

La Cina negli ultimi dieci anni ha avviato una strategia precisa in Africa: investimenti in cambio di risorse. Queste ultime hanno contribuito in maniera sostanziale a fare del Dragone la seconda economia mondiale, mentre gli Stati africani hanno ottenuto in cambio infrastrutture realizzate dalle imprese cinesi, soprattutto strade e ferrovie. Una rete che si inserisce nella Belt and Road, un piano infrastrutturale per collegare, sia via terra che via mare, il Sudest asiatico, il Medio Oriente e l’Europa.

LO SQUILIBRIO COMMERCIALE

Uno dei temi principali in discussione al Forum sarà lo squilibrio della bilancia commerciale. Ad oggi, è pesantemente sbilanciata a favore della Cina, che importa materie prime ed esporta prodotti finiti, con evidente vantaggio economico. Gli Stati africani tenteranno di strappare a Pechino un accordo per una maggior esportazione delle loro imprese manifatturiere in Africa. Qualche esempio ha già segnato la strada: BAIC Group, un’azienda produttrice di auto (controllata dallo Stato), ha annunciato di avviare la produzione di auto elettriche in Sudafrica.

IL PROBLEMA DEL DEBITO

L’Africa comunque è sempre più cinese. Lo dicono i numeri: i commerci fra Pechino e gli Stati africani sono cresciuti nell’ultimo anno del 14%, arrivando a 170 miliardi. Il problema segnalato da molti è lo squilibrio di questa crescita: il debito africano nei confronti della Cina sta crescendo, tanto da porre in dubbio che possa essere ripianato. Secondo molti analisti, questo porterà le nazioni africane a cedere progressivamente i loro asset strategici a Pechino. Bloomberg scrive che ci sarebbe già un piano cinese per la ristrutturazione del debito degli Stati africani.

Si parla già da tempo di “colonialismo cinese”: la presenza del Dragone in Africa è fortissima dal punto di vista economico e comincia ad affermarsi anche sul piano militare e strategico: Pechino ha aperto la sua prima base navale all’estero a Gibuti, nel Corno d’Africa.

LA GUERRA COMMERCIALE CON GLI USA

L’ulteriore spinta degli investimenti cinesi si inserisce in un contesto globale delicato, soprattutto a causa della guerra commerciale in corso con gli Stati Uniti. Nel tentativo di consolidare la superiorità americana, Donald Trump ha imposto dazi su importazioni di acciaio e alluminio, a cui Pechino ha risposto con misure analoghe. I ruoli tradizionali sembrano così essersi invertiti: oggi è la Cina a spingere per “un’economia globale aperta”, come ha dichiarato Xi Jinping a margine di un incontro con il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres. E mentre Pechino cerca nuovi mercati, Washington alza i muri.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati