skip to Main Content

Ti vaccini o perdi il lavoro. Il caso delle esenzioni religiose a New York

J&J Moderna Pfizer

Un giudice federale negli Stati Uniti sta valutando se la normativa sulle vaccinazioni debba accogliere le richieste di esenzioni religiose, dopo i casi di migliaia di persone costrette a scegliere tra fare l’iniezione e mantenere il loro lavoro

 

Migliaia di operatori sanitari di New York sono in un limbo mentre un giudice federale valuta se la normativa statale sulle vaccinazioni debba accogliere le richieste di esenzioni religiose, in un caso che potrebbe orientare politiche simili in altri Stati.

La prescrizione del vaccino di New York si applica a tutte le persone che lavorano negli ospedali e nelle case di cura, e non permette ai dipendenti sanitari di sottoporsi alternativamente a tamponi settimanali. A partire dalla scorsa settimana, le persone sono state costrette a scegliere tra fare l’iniezione e mantenere il loro lavoro. C’erano disposizioni per esenzioni mediche, ma non per esenzioni basate su credenze religiose.

Migliaia di operatori sanitari che hanno rifiutato le vaccinazioni hanno perso il lavoro in tutto lo Stato quando il requisito è entrato in vigore, spingendo gli ospedali a cancellare gli interventi chirurgici non obbligatori e a chiudere sale operatorie e ambulatori. Molte case di cura hanno smesso di ammettere nuovi pazienti – fa sapere il WSJ.

I lavoratori hanno presentato diverse cause il mese scorso per contestare il vincolo prima che entrasse in vigore. Diciassette operatori sanitari rappresentati dalla Thomas More Society, uno studio legale che difende la libertà religiosa, ha detto che essere costretti a fare il vaccino violerebbe il loro credo religioso.

Il 14 settembre, il giudice distrettuale degli Stati Uniti David Hurd a Utica, N.Y., ha emesso un ordine restrittivo, impedendo allo Stato di sanzionare una struttura che ha onorato le richieste di esenzione religiosa. Il giudice Hurd ha detto che avrebbe deciso se convertire l’ordine restrittivo temporaneo in un’ingiunzione entro il 12 ottobre.

Diversi operatori sanitari che hanno cercato esenzioni religiose dall’obbligo del vaccino hanno detto di essere cristiani che credono che il loro corpo sia sacro e che evitano interventi medici. Altri, compresi i querelanti nel caso Utica, hanno detto di essere cristiani che si oppongono all’aborto e non vogliono prendere i vaccini Covid-19 disponibili perché sono stati sviluppati utilizzando tessuto fetale.

Le colture cellulari derivate dal tessuto fetale che è stato abortito – spesso decenni fa – sono usate abitualmente nella ricerca medica, compresa quella per lo sviluppo e la produzione dei vaccini Covid-19 disponibili negli Stati Uniti. Queste hanno anche giocato un ruolo importante nello sviluppo di vaccini contro malattie come la polio, la varicella, l’epatite A e l’herpes zoster.

Un portavoce dei vescovi cattolici romani di New York ha detto che il Vaticano ha determinato che in assenza di vaccini Covid-19 eticamente ineccepibili, è moralmente accettabile ricevere i vaccini Covid-19 esistenti. Il portavoce ha notato che Papa Francesco ha dichiarato: “Credo che moralmente tutti debbano fare il vaccino”.

L’ordine del giudice non ha vincolato datori di lavoro specifici e i sistemi ospedalieri hanno da allora adottato approcci diversi. Alcuni hanno licenziato le persone che hanno cercato un’esenzione religiosa, mentre altri le hanno tenute sul libro paga, spesso chiedendo di eseguire test extra.

Il Dipartimento della Salute dello Stato ha detto mercoledì che 7.019 lavoratori dell’ospedale e 2.934 lavoratori delle case di cura hanno richiesto esenzioni non mediche al mandato. Una portavoce ha rifiutato di commentare ulteriormente, citando la causa in corso.

Anche a Rhode Island, dove non sono previste esenzioni religiose all’obbligo di vaccinazione, è in corso una causa simile. Il 30 settembre, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Mary McElroy ha negato una richiesta di diversi operatori sanitari per impedire al Dipartimento della salute dello Stato di costringere i datori di lavoro a negare esenzioni religiose.

L’ordinanza di New York si applica a più di 665.000 dipendenti di ospedali e case di cura. Quando è entrato in vigore il 27 settembre, il 92% del personale di queste strutture era vaccinato – e i dati statali mostrano che i tassi di vaccinazione tra i lavoratori interessati sono aumentati più velocemente della popolazione generale da quando il mandato è stato annunciato in agosto.

Christopher Ferrara, un avvocato della Thomas More Society, ha detto che lo Stato violerebbe il diritto del Primo Emendamento all’espressione religiosa se permettesse un’esenzione medica, che ha descritto come secolare, senza offrire un’esenzione religiosa comparabile. Ha citato una sentenza della Corte Suprema dell’aprile 2021 che ha temporaneamente impedito le restrizioni legate alla pandemia sulle dimensioni delle riunioni religiose a domicilio in California.

Katherine Franke, professoressa alla Columbia Law School, ha detto che il caso della California è una delle diverse recenti sentenze della Corte Suprema che espandono le protezioni per la libertà religiosa, e si aspetta che i casi che sorgono dai mandati statali sui vaccini possano costituire un precedente nazionale.

Franke ha detto inoltre che i casi mettono in discussione il modo migliore per bilanciare i diversi diritti costituzionali ed evidenziano anche come le preoccupazioni per le minacce alla salute pubblica sono state viste dalla corte come secondarie rispetto alle minacce percepite alla libertà religiosa.

Gli avvocati dello Stato hanno sostenuto che il mandato era coerente con i requisiti di vaccinazione di lunga data per gli operatori sanitari che non consentono esenzioni religiose. La vaccinazione è uno strumento critico usato per combattere la pandemia e le corti federali hanno sostenuto i requisiti di vaccinazione dal 1905 come necessari per promuovere la salute pubblica.

La governatrice di New York Kathy Hochul ha tenuto duro sull’obbligo e ha annunciato martedì che i dipendenti delle strutture statali per i malati mentali e i disabili dello sviluppo si troveranno ad affrontare un requisito simile. Ha anche respinto le richieste di persone che cercano un’esenzione religiosa, osservando che i leader cattolici romani nello Stato sostengono la vaccinazione.

“Dio ha risposto alle nostre preghiere. Ha fatto sì che gli uomini e le donne più intelligenti, gli scienziati, i medici, i ricercatori abbiano inventato un vaccino”, ha detto Hochul il 26 settembre al Christian Cultural Center, una chiesa di Brooklyn.

Javan Galindez, assistente fisioterapista in una clinica del Queens gestita dalla Northwell Health, ha detto di essere un cristiano praticante che cerca rimedi naturali ed esercizio fisico per rimanere in salute. Ha detto che la sua richiesta di esenzione religiosa è stata negata dai supervisori che hanno citato il mandato statale.

Una portavoce di Northwell ha affermato che il sistema ha licenziato 1.400 dipendenti che hanno rifiutato di farsi vaccinare. Non ha detto quanti avevano richiesto un’esenzione religiosa, ma ha raccontato che ogni richiesta è stata coinvolta in un rigoroso processo di revisione.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore