skip to Main Content

Ecco come l’economia americana trotterà. Report Wsj

Medio Oriente Biden Merkel

Gli Stati Uniti sono pronti ad alimentare la ripresa economica globale post Covid-19. L’approfondimento del Wall Street Journal

Gli Stati Uniti potrebbero guidare una potente ripresa economica globale quest’anno, in quanto giocano un ruolo più centrale nella risalita dopo la crisi finanziaria, riflettendo la natura insolita dello shock del Covid-19 e la flessibilità dell’economia americana.

L’economia mondiale dovrebbe crescere di circa il 6% quest’anno, secondo Oxford Economics, il tasso più veloce in quasi mezzo secolo, dato che le campagne di vaccinazione permetteranno di eliminare le restrizioni pandemiche e di far ripartire le imprese.

Per la prima volta dal 2005, gli Stati Uniti dovrebbero quest’anno dare un contributo maggiore alla crescita globale rispetto alla Cina, ha detto la società di ricerca – scrive il WSJ.

Dopo la crisi finanziaria del 2008, la ripresa economica globale è stata alimentata dalla Cina, mentre gli Stati Uniti hanno sperimentato la ripresa più debole dai tempi della Grande Depressione.

Poiché l’economia statunitense è circa un terzo più grande di quella cinese, il suo contributo alla crescita globale sarà più grande di quello della Cina se, come previsto, entrambi cresceranno più o meno allo stesso ritmo quest’anno.

“Gli Stati Uniti giocheranno di nuovo il ruolo di locomotiva globale nel 2021”, ha detto Catherine Mann, capo economista globale di Citibank. Ha aggiunto però che la situazione internazionale tempererà la crescita economica del paese.
L’economia statunitense si è contratta del 3,5% l’anno scorso e dovrebbe crescere di circa il 7% quest’anno, secondo Goldman Sachs. La Cina è cresciuta del 2,3% l’anno scorso e dovrebbe crescere dell’8% quest’anno, ha detto la banca.

Gli economisti di JP Morgan si aspettano che gli Stati Uniti superino il loro tasso di crescita tendenziale pre-crisi entro la metà di quest’anno, mentre la Cina è già tornata alla sua traiettoria pre-pandemia ma non la supererà.

L’Europa e alcuni mercati emergenti rimarranno indietro fino al prossimo anno.

La debole crescita della popolazione e della produttività potrebbe pesare sulla produzione cinese nei prossimi anni, ha detto Joerg Kraemer, capo economista della Commerzbank. I politici di Pechino hanno segnalato che hanno intenzione di ritirare gradualmente le misure di stimolo quest’anno e concentrarsi sul contenimento del debito e sull’evitare una bolla immobiliare.

La resilienza economica degli Stati Uniti riflette il rapido lancio di vaccini Covid-19, un pacchetto di spesa previsto di 1,9 trilioni di dollari, denaro facile dalla Federal Reserve e risparmi repressi. Le famiglie americane sono sedute su 1,8 trilioni di dollari di risparmi in eccesso, secondo Oxford Economics.
Nel frattempo, negli Stati Uniti e altrove, la flessione non è stata caratterizzata dallo scoppio di bolle di asset o dal debito accumulato, a differenza delle precedenti crisi economiche. Questo dovrebbe accelerare la ripresa, dicono gli economisti.

Il commercio globale ha già superato i livelli pre-crisi, poiché le persone bloccate a casa hanno ordinato prodotti online attraverso la pandemia. E la spesa per le attrezzature aziendali è rimbalzata più velocemente che nelle due precedenti riprese economiche, in gran parte grazie al generoso sostegno del governo, secondo JP Morgan.

Il credito bancario alle imprese è cresciuto ad un tasso annualizzato dell’80% al culmine della pandemia l’anno scorso negli Stati Uniti, nella zona euro, in Giappone e nel Regno Unito, ha detto JP Morgan. Questo si confronta con un crollo del 13% del credito bancario durante la crisi finanziaria del 2009.

Le increspature del mercato dalla forte ripresa degli Stati Uniti potrebbero danneggiare le regioni che sono in ritardo, come l’Europa e alcuni mercati emergenti. L’aumento della fiducia degli investitori sta spingendo verso l’alto i costi di prestito degli Stati Uniti e globali e rafforzando il biglietto verde, un grattacapo per i governi che hanno preso in prestito molti dollari.

I funzionari della Banca centrale europea hanno suonato l’allarme sull’aumento dei rendimenti delle obbligazioni. Si riuniranno mercoledì e giovedì per considerare se aumentare le loro misure di emergenza, che includono un programma di acquisto di obbligazioni per 1,85 trilioni di euro, equivalente a 2,2 trilioni di dollari. In tutta Europa, il lancio dei vaccini Covid-19 è stato lento, e i governi non stanno contemplando nuove spese sulla scala degli Stati Uniti, in parte a causa delle preoccupazioni sul debito. Le vendite al dettaglio nell’eurozona sono inaspettatamente crollate di oltre il 6% a gennaio rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, mentre un certo numero di paesi ha esteso le restrizioni di blocco. Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono aumentate del 7,4% nello stesso periodo.

In Germania, più del 7% del personale manifatturiero era in cassa integrazione a febbraio, anche se la produzione è quasi tornata al suo livello pre-crisi, suggerendo che alcuni lavoratori in cassa integrazione potrebbero essere licenziati in futuro.

Kion Group, un produttore di carrelli elevatori e attrezzature per magazzini con sede a Francoforte, ha avuto la sua più grande entrata di ordini di sempre l’anno scorso, nonostante la pandemia, spinta dalla forte domanda di shopping su internet in Nord America e in Europa.

“La Cina non solo è tornata dov’era, ma ha raggiunto livelli record di produzione industriale. Il Nord America, con tutti i soldi messi nel sistema, non è molto indietro. L’Europa è in ritardo”, ha detto Gordon Riske, amministratore delegato di Kion.

Gli investitori globali hanno iniziato a preoccuparsi di una brusca impennata dell’inflazione, che potrebbe derivare da una forte crescita e da strozzature nella catena di approvvigionamento.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore