skip to Main Content

La catastrofe economica della Spagna. Report El Pais

Spagna Elettricità

La pandemia ha messo la Spagna in crisi economica: quello del 2020 è stato il crollo più grande dalla guerra civile, scrive El Pais

L’economia spagnola si è ridotta dell’11% nel 2020, il più grande crollo dalla guerra civile.

Il PIL del quarto trimestre, scrive El Pais, cresce dello 0,4%, secondo l’INE, ma il miglioramento non è sufficiente a compensare i danni causati dalla pandemia

La pandemia ha inferto un colpo all’attività su una scala mai vista negli ultimi tempi. Nel 2020, l’economia è scesa dell’11%, il più grande calo in 85 anni. Bisognerebbe tornare all’inizio della guerra civile per trovare un colpo più grande. In euro il calo della produzione ammonta a circa 130.000 milioni, quasi l’equivalente di quanto costano le pensioni in un anno. Questo è stato finora il conto economico del covid-19, un pedaggio che secondo agenzie come il FMI e la Banca di Spagna ci vorranno almeno tre anni per recuperare. La Spagna soffre ancora una volta una recessione quando le ferite della precedente crisi finanziaria non sono ancora guarite.

Nella serie INE che inizia nel 1970 non c’è nulla di simile. La più grande caduta annuale registrata è quella del 2009, quando il prodotto interno lordo è sceso del 3,8%. Secondo i calcoli dello storico economico Leandro Prados de la Escosura, nel 1936 l’economia crollò del 26,8% a causa della guerra civile. Nel 1868, il crollo fu del 13,3% a causa dello scoppio di una bolla di investimenti ferroviari e di cattivi raccolti. Nel 1896, l’attività crollò del 10% nel mezzo dell’escalation della guerra di Cuba. Nel 1945, la seconda guerra mondiale e l’autarchia hanno inflitto un colpo al PIL dell’8,1%. La crisi del 1929 fece perdere alla Spagna il 4,9% nel 1930. E la Grande Depressione del 1873 causò una contrazione dell’8,9%. “Negli ultimi 170 anni, solo nella guerra civile e nel 1868 ci sono stati cali maggiori”, dice Prados de la Escosura.

Per dare un’idea della grandezza del colpo, nei sei anni di crisi finanziaria, tra il 2008 e il 2013, sono spariti 9,5 punti di PIL. Nella recessione del 1993 dopo le Olimpiadi e l’Expo, 1,1%.

Di tutti i paesi dell’OCSE, la Spagna è stata, insieme al Regno Unito, quella che ha sofferto di più le conseguenze economiche del tentativo di frenare il virus. Le ragioni sono state ben menzionate: una reclusione più lunga e più dura nella prima ondata. Un tessuto produttivo fortemente dipendente da servizi come l’ospitalità e il turismo, che richiedono più interazione sociale. La maggiore abbondanza di PMI, che sono meno capaci di resistere agli alti e bassi. E l’alta percentuale di posti di lavoro temporanei, i cui contratti sono più facilmente rescindibili non appena ci sono turbolenze. Anche una posizione fiscale molto deteriorata che ha fatto sì che il governo non osasse dare più aiuti diretti oltre l’ERTE.

La precedente crisi finanziaria si è verificata perché ha generato squilibri di competitività, debito privato, eccessi nella costruzione e, alla fine, un deficit pubblico che ha dovuto essere corretto. Era impossibile fare ERTE perché c’era una parte dell’occupazione legata alla bolla immobiliare che stava per scomparire. Questa volta si tratta di una crisi esogena con un impatto molto disomogeneo, che ha colpito settori come il turismo che in linea di principio dovrebbero riprendersi una volta ripristinata la normalità. Non hanno problemi di competitività o eccessi da eliminare. Si tratta piuttosto di una contrazione storica dovuta alle misure prese per fermare il virus. Per impedirne la diffusione, gli è stato proibito di produrre, di fornire servizi e quindi di consumare.

Anche se il crollo del PIL è stato brutale, il crollo dei redditi non è stato così forte. I redditi delle famiglie sono diminuiti solo di meno della metà della caduta del PIL grazie al cuscinetto delle ERTE. E questa buona notizia è arrivata a spese del debito pubblico, cosa che lascia l’economia spagnola esposta a problemi futuri se non viene corretta in seguito, come ricordano il FMI, la Banca di Spagna e l’Autorità Fiscale. Un’altra questione è se, come avvertono questi organismi, la durata della pandemia finirà per causare danni più permanenti sotto forma di fallimenti, maggiore indebitamento aziendale, meno investimenti e, quindi, occupazione.

L’INE nota che la spesa delle famiglie crolla dell’8,4% su base annua. Investimento, 14,3%. Esportazioni, 20,6%. E le importazioni, 14,1%. Solo il consumo delle amministrazioni pubbliche sale con un aumento del 7%, un aumento record. Per settori, solo l’agricoltura cresce con un fortissimo 8,7%, le banche, con il 5,4% e la pubblica amministrazione, l’educazione e la salute, con il 3,3%. L’industria ha perso il 4,3%, le costruzioni il 18,2% e i servizi il 9,8%. All’interno di quest’ultimo, il crollo che più ha segnato questa crisi è quello del commercio, trasporto e ospitalità: 20,4%. E appare come la più danneggiata di tutte le attività artistiche e ricreative, con un calo del 31,5%. Le attività professionali e scientifiche hanno reso il 12,9%. “Senza i servizi pubblici e l’agricoltura, il calo del settore privato sarebbe del 14% all’anno”, spiega Maria Jesus Fernandez, analista Funcas.

IL RECUPERO HA PERSO FORZA

Per quanto riguarda la performance dell’economia nel quarto trimestre, la notizia positiva è che, sorprendentemente, la ripresa continua nonostante le restrizioni. Il PIL trimestrale è cresciuto dello 0,4% e ha evitato la caduta subita da Francia e Italia, per esempio, forse grazie a restrizioni più parziali, a differenza del primo confino. E perché anche se una parte dell’economia rimane ibernata, il resto si è adattato e riesce a funzionare riducendo la mobilità. Inoltre, come sottolinea María Jesús Fernández, senza il consumo pubblico, l’attività sarebbe diminuita dello 0,5% invece dell’aumento dello 0,4%.

Tuttavia, la lettura più negativa dei dati di crescita trimestrale è che il forte ritmo di recupero iniziato nel trimestre precedente si sta perdendo. “Le esportazioni del turismo sono crollate di nuovo tra ottobre e dicembre a livelli vicini al confino”, dice Maria Jesus Fernandez. E alla luce delle maggiori restrizioni imposte con l’inizio dell’anno, sembra che tra gennaio e marzo potrebbe ristagnare o addirittura regredire un po’. L’INE ricorda che questi dati sono stati preparati con grande difficoltà e possono essere rivisti quando saranno disponibili maggiori informazioni.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore