Mondo

Che cosa succede al Sole 24 Ore?

di

Sole 24 ore

Il post di Nicola Borzi, giornalista, dal 1992 al 2018 al Sole 24 Ore

 

E così la redazione de Il Sole 24 Ore ha sfiduciato il terzo direttore su quattro in nove anni. A febbraio 2011 Riotta. A ottobre 2016 Napoletano. A novembre 2020 Tamburini.

Nei primi due casi c’ero e ho votato la sfiducia. Fui io personalmente, contro il parere del cdr dell’epoca, a chiedere e far passare in assemblea di redazione il voto sulla fiducia a Riotta. Quanto a Napoletano sapete tutti da chi sono partiti gli esposti.

Tutti e tre sono stati sfiduciati ma per motivazioni diverse, sia chiaro.

Tuttavia i voti di sfiducia, per quanto sintomi di un malessere profondissimo e duraturo, non sono la cura della malattia che da oltre un decennio affligge il giornale di Confindustria.

La malattia è la progressiva perdita di autorevolezza, di credibilità, di professionalità.
Il voto di sfiducia non può risolverla. È solo un atto chirurgico, non una terapia.

Sino a quando la redazione del giornale sarà devastata dalla guerra per bande, dall’assunzione e/o promozione di complici e incapaci – purché fedeli al direttore o al potente confindustriale politico bancario o assicurativo di turno -, dalle genuflessioni, non ne potrà venire mai fuori dalla spirale verso il basso in cui si è avvitata. Anche il voto di sfiducia in un contesto simile assume il mero ruolo tattico di un messaggio alla proprietà che non imposta però un dialogo reale e strategico sui problemi concreti della testata. È una negazione, non una proposta.

Ho visto personalmente troppi cdr usare il richiamo all’indipendenza della redazione solo come paravento per trattare da posizioni di minor debolezza con l’azienda e con la proprietà, per poi continuare a fare gli affari propri e dei propri amici interni ed esterni al giornale come se nulla fosse.

Questo non assolve Riotta Napoletano o Tamburini dai loro errori, differenti e diversamente gravi.

Ma non assolve nemmeno chi al Sole crede che basti sfiduciare un direttore perché una testata che continua a perdere copie possa recuperare credibilità tra i lettori. Serve ben altro, ma occorre pagare un prezzo di indipendenza che sinora non si è voluto pagare.

Chi credeva che bastasse l’hashtag #Solenuovo non lo ha voluto capire quattro anni fa e continua a non volerlo capire oggi.

 

Post pubblicato sul profilo Facebook di Nicola Borzi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati