skip to Main Content

Salvini, Lampedusa e l’immigrazione

Draghi

A Bruxelles cominciano a capire che Lampedusa non è più un’isola: è il primo territorio d’Europa? Il taccuino di Federico Guiglia

 

Negli ultimi tre anni gli sbarchi in Italia sono quasi triplicati nel periodo che va dal 1° gennaio al 4 agosto: dai 14.832 nel 2020 ai 42.464 dell’anno corrente, fonte ministero dell’Interno.

Sono dati incontrovertibili, eppure si prestano a una opposta interpretazione: l’incapacità di contenere gli arrivi, e perciò il rischio dell’insicurezza. Oppure la possibilità di governare un fenomeno in forte, ma non allarmante crescita per un popolo di 60 milioni di italiani, e perciò la strategia della gestione con buonsenso.

Tra l’uno e l’altra, fra la paura e la previdenza, certo è che l’immigrazione fa già parte della campagna elettorale. Anche simbolicamente, come testimonia il viaggio di Matteo Salvini a Lampedusa, dove il centro di accoglienza e identificazione degli immigrati è in perenne difficoltà, e il leader della Lega s’è rifugiato nell’amarcord: “Con me al Viminale c’erano meno morti e meno sbarchi, meno reati e meno problemi”. L’ex ministro sogna di tornare a occuparsi del tema e di affidare a “un Figliuolo o un Bertolaso”, cioè a un commissario, la gestione dell’immigrazione.

Anche Giorgia Meloni, la più accreditata candidata del centrodestra a Palazzo Chigi, rilancia l’idea di un “blocco navale con missione europea” per fermare i barconi dalla Libia e chiede di distinguere il diritto del rifugiato “da chi è invece immigrato irregolare”. Interpellato sulla questione, pure il premier Mario Draghi non s’è tirato indietro: “Credo che il governo abbia lavorato bene sui migranti”.

Punti di vista diversi su un tema che guerra, pandemia e Piano di ripresa avevano cancellato dall’agenda politica, ma che, a prescindere dall’approccio già elettorale del Salvini lampedusano, tutti i partiti farebbero bene a indicare come affrontare nei loro programmi.

Se i dati degli sbarchi si prestano a contrapposte letture, non può esserci divisione sul dovere di richiamare tutta l’Unione europea al dramma umano che si consuma nel Mediterraneo. E forse rispetto agli anni della cinica indifferenza e dell’Italia lasciata sola, ora ci sono segnali incoraggianti e solidali. Il “muro di Bruxelles” si sta sgretolando. Da quelle parti cominciano a capire che Lampedusa non è più un’isola: è il primo territorio d’Europa. Né può esserci distinzione fra politica del rigore e della compassione. Controllo e accoglienza non si escludono a vicenda, ma sono due rovesci della stessa medaglia.

(Pubblicato su L’Arena di Verona e Bresciaoggi)

www.federicoguiglia.com

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore