skip to Main Content

Falsi partiti e candidati clonati: come il Cremlino “gestisce” la democrazia in Russia. Report Nyt

Putin

Le autorità russe hanno usato una varietà di tattiche ingannevoli per cercare di produrre una grande vittoria nelle elezioni parlamentari di questo fine settimana. Ecco come lo fanno, secondo il New York Times

La Russia mette in piedi le elezioni locali e nazionali come un meccanismo ad orologeria in conformità con la sua costituzione post-sovietica, ma i risultati sono quasi sempre gli stessi: vittorie schiaccianti per il presidente Vladimir V. Putin, i politici e i partiti a lui fedeli. Afferma il New York Times.

Nelle elezioni parlamentari che iniziano venerdì e durano fino a domenica, non c’è dubbio che il suo partito Russia Unita vincerà. Per il Cremlino, che spera di mobilitare il sostegno per le politiche del governo e rafforzare la sua legittimità, il trucco è quello di vincere facilmente mantenendo la plausibilità di un risultato contestato.

In tale cornice, ci sono diversi modi in cui il Cremlino cerca di creare l’illusione di una scelta democratica mentre si assicura di uscirne vincitore.

CANDIDATI DUPLICATI

Tra i candidati che gli elettori sceglieranno in un distretto di San Pietroburgo ci sono tre uomini chiamati Boris Vishnevsky, solo uno dei quali è il vero politico dell’opposizione.

Registrare più candidati con nomi uguali o simili a quelli di un candidato dell’opposizione è una tattica elettorale russa collaudata. Candidati con nomi identici o simili sono registrati in 24 delle 225 gare monodistrettuali nelle elezioni di questa settimana – circa il 10% di tutte le gare, ha riferito il quotidiano Kommersant.

La Russia non ha affatto il monopolio di questo stratagemma: è stato usato in una corsa al Senato dello Stato della Florida nel 2020 – con successo, almeno fino a quando la truffa è stata scoperta.

Nel caso dei multipli Boris Vishnevskys, i sosia hanno anche assunto l’aspetto del vero candidato dell’opposizione, con le stesse barbe, capelli radi e semplici camicie abbottonate.

“Questa è una manipolazione politica”, ha dichiarato in un’intervista telefonica il vero signor Vishnevsky, un politico di carriera e membro del partito politico Yabloko. Ha detto che gli altri hanno cambiato legalmente i loro nomi quest’anno e hanno probabilmente imitato il suo aspetto con il trucco o con fotografie alterate digitalmente.

FALSI PARTITI POLITICI

A differenza di altri paesi autoritari come l’Arabia Saudita e la Cina, la Russia ha un sistema politico multipartitico che è stato radicato quando Putin è salito al potere nel 1999.

Per far fronte a questo, il Cremlino ha colpito con due strategie: falsi partiti politici e diversi partiti quasi indipendenti che chiama “opposizione sistemica”.

Dopo che il leader dell’opposizione Aleksei A. Navalny è stato avvelenato in un tentativo di assassinio un anno fa, è spuntato un partito che mirava a fare appello ai giovani professionisti scontenti che formano la sua base di sostegno. Il partito, chiamato Nuovo Popolo, imita molti dei suoi messaggi anticorruzione, ma sostiene la continuazione del governo di Putin.

I partiti che compongono l’opposizione sistemica sono più consolidati e duraturi dei veri e propri falsi. Questo raggruppamento, emerso a metà degli anni 2000 sotto quella che è stata chiamata “democrazia gestita”, include il Partito Comunista e il Partito Liberale Democratico nazionalista. Partecipano alle elezioni apparentemente come gruppi di opposizione, ma una volta eletti votano in sintonia con il partito Russia Unita, creando un Parlamento di gomma.

Fino all’anno scorso, questi partiti coesistevano con l’opposizione “non sistemica” che il signor Navalny guida, e chiedevano la rimozione di Putin dal potere. Ma nell’ultimo anno, in previsione delle prossime elezioni, il governo ha dato un giro di vite all’opposizione legittima, mandando la maggior parte dei suoi leader, compreso Navalny, in prigione o in esilio.

CANCELLARE I NOMI

Se i metodi più sottili non sono sufficienti, c’è lo strumento contundente di eliminare i candidati dalla scheda elettorale.

Quest’estate, le autorità hanno escluso la maggior parte dei candidati – 163 su 174 – che avevano chiesto di candidarsi al Parlamento come indipendenti. Li hanno accusati di cose come tenere conti bancari all’estero o falsificare le firme necessarie per entrare nella scheda elettorale.

Le leggi che permettono tali pratiche abusive si sono espanse nel corso degli anni, a partire dal ritorno di Putin alla presidenza nel 2012 dopo una pausa di quattro anni come primo ministro.

Una legge che permette la designazione di gruppi non governativi come “che svolgono la funzione di un agente straniero” è stata approvata nel 2012 e poi ampliata nel 2017 per coprire le organizzazioni dei media. La sua applicazione quest’estate ha schiacciato i punti di informazione indipendenti come Meduza, Proyekt e la televisione Dozhd. Un emendamento del 2015 alla legge aveva permesso ai gruppi di essere designati “organizzazioni indesiderabili“, con ulteriori restrizioni.

Quest’anno, Putin ha ampliato la severa legislazione antiestremismo della Russia, inizialmente promulgata come misure antiterrorismo, per applicarla alle figure politiche dell’opposizione nell’organizzazione del signor Navalny.

‘WALKING-AROUND MONEY’

Seguendo una pratica, un tempo diffusa negli Stati Uniti, di comprare la lealtà degli elettori offrendo “camminare intorno ai soldi“, il governo russo offre tipicamente pagamenti una tantum a soldati, lavoratori del settore pubblico e pensionati poche settimane prima delle elezioni.

Quest’anno, i membri dei servizi di sicurezza hanno ricevuto 15.000 rubli, circa 205 dollari, e i pensionati e i genitori di bambini in età scolastica 10.000 rubli. La serie di ordini presidenziali dietro di loro, firmati in luglio e agosto, ha indicato i pagamenti in settembre – alla vigilia del voto.

I pagamenti sono stati glorificati nella pubblicità della campagna pro-governativa. Uno spot, narrato dalla fidanzata di un soldato, dice: “Dopo che il nostro presidente ha firmato un decreto sui pagamenti una tantum a soldati, cadetti e agenti di polizia, mi sento sicura del mio futuro”.

VOTI NON COSÌ SEGRETI

La Russia permette il voto online, e numerose aziende hanno organizzato il voto dei dipendenti su computer allestiti dai dipartimenti delle risorse umane.

I critici dicono che questo intimidisce gli elettori rendendo potenzialmente note le loro scelte ai loro capi.

REGOLAMENTARE INTERNET

Quest’estate, le autorità hanno vietato circa quattro dozzine di siti web affiliati al movimento di Navalny che promuovevano la sua guida al voto per le elezioni. La strategia, che lui chiama “voto intelligente“, prevede essenzialmente che gli elettori dell’opposizione si coalizzino intorno al più forte candidato anti-Kremin in ogni gara.

Sono emersi anche approcci più sottili. Recentemente, in quello che i detrattori definiscono uno sforzo per ostacolare la capacità dei russi di trovare la guida elettorale di Navalny attraverso le ricerche su internet, una società nel sud della Russia che vende lana ha registrato “smart voting” come marchio commerciale.

Ha poi citato in giudizio Google e Yandex, un motore di ricerca russo, accusandoli di aver violato i suoi diritti di marchio e chiedendo loro di bloccare i siti che mostrano le guide al voto di Navalny. Un tribunale russo ha rapidamente deciso in favore della società.

Yandex si è conformato, ma Google no.

CONTROMOSSE DELL’OPPOSIZIONE

Un gioco del gatto e del topo ad alta posta è nato quando l’opposizione “non sistemica” ha cercato di sovvertire le tattiche del governo.

I candidati dell’opposizione che sono in prigione o ai quali è proibito da sentenze del tribunale di partecipare a eventi pubblici sono apparsi invece come ritagli di cartone a grandezza naturale. Un candidato incarcerato, Andrei Pivovarov, ha corso interamente come una sagoma di cartone appoggiata nel suo ufficio elettorale nella città meridionale di Krasnodar.

Il gruppo di Navalny ha affermato che si aspetta che la sua strategia di “voto intelligente” vinca un seggio in Parlamento per almeno un politico dell’opposizione, e forse fino a 20.

Dal 2016, nessun membro dell’opposizione “non sistemica” ha servito nell’organo da 450 posti.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore