skip to Main Content

Romania

Perché in Romania gli agricoltori arano le proteste

In Romania, agricoltori e camionisti protestano contro l'aumento dei prezzi dell'energia. L'articolo del quotidiano francese Le Monde.

Il governo ha aumentato le tasse all’inizio di gennaio, provocando un’impennata dei prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari di base. Le proteste si stanno diffondendo nella maggior parte delle principali città del Paese. Scrive Le Monde.

LE PROTESTE DEI GLI AGRICOLTORI IN ROMANIA

L’uomo scende dal suo trattore e inizia una lezione di aritmetica. “Tre litri di latte valgono un litro d’acqua”, dice Vasile Barnea, uno delle centinaia di agricoltori che dal 9 gennaio bloccano la città di Afumati, 15 chilometri a nord-est di Bucarest. “Andiamo al supermercato, vi faccio vedere in che razza di Paese viviamo”, insiste.

Sugli scaffali, le bottiglie di latte hanno un prezzo medio dell’equivalente di 2 euro. Compriamo un litro di latte dal contadino per circa 0,25 centesimi di euro”, calcola Vasile Barnea, contando sulle dita. Uno, due, tre, sono 0,75 euro per 3 litri di latte. Andiamo a prendere una bottiglia d’acqua. Ed ecco che con 3 litri di latte si compra un litro d’acqua. In Romania è così e ne abbiamo abbastanza. Il governo deve agire, i ministri dovrebbero fare il loro lavoro e proteggerci, ma aumentano le tasse e ci prendono in giro.

Anche Alin Furdui, un amico di Vasile, si è unito alla manifestazione spontanea degli agricoltori. È arrivato con un camion per rafforzare la protesta. Vasile ha ragione”, spiega. Lavoravo in Spagna, dove un litro di latte costa la metà che in Romania. Qui è più caro che in Europa occidentale, ma il salario medio è inferiore ai mille euro. In Occidente è più economico perché gli agricoltori occidentali ricevono sussidi molto più alti. È ingiusto e il governo non fa nulla per aiutarci”.

LA NUOVA POLITICA FISCALE DEL GOVERNO

Inizialmente le autorità hanno ignorato il malcontento degli agricoltori, che hanno accusato il governo di aver aumentato le tasse all’inizio di gennaio. La nuova politica fiscale ha portato a un aumento del prezzo dell’energia e della benzina, che si è riflesso nell’aumento del prezzo dei prodotti alimentari di base. Le manifestazioni si sono moltiplicate e il movimento di protesta si è esteso alla maggior parte delle principali città.

6% DI DEFICIT DI BILANCIO

Questi agricoltori non sono agricoltori, sono istigatori di proteste”, ha dichiarato il ministro dell’Agricoltura Florin Barbu martedì 16 gennaio. Le loro richieste sono assurde. L’atteggiamento ostile delle autorità non ha fatto altro che aumentare il malcontento degli agricoltori e dei camionisti, che hanno bloccato diverse vie d’accesso ai confini con i Paesi vicini – Ucraina, Bulgaria, Ungheria e Serbia. Giovedì il Ministro dell’Agricoltura ha ricevuto una delegazione di agricoltori e si è scusato per le sue affermazioni.

Ma il problema della Romania va oltre l’agricoltura. Governato da una coalizione di socialdemocratici e liberali, il Paese deve far fronte a un deficit di bilancio del 6%, che la Commissione europea vorrebbe vedere ridotto. Nonostante un’economia in crescita, il Paese continua ad accumulare debiti, mentre aumenta il numero dei dipendenti pubblici, i cui stipendi sono più alti di quelli del settore privato. In Romania lavorano solo gli idioti come noi”, dice Alin. I più intelligenti vengono assunti dallo Stato, che li paga il doppio del nostro stipendio per far finta di lavorare.

CARENZA DI MANODOPERA

La Romania ha più di 1,3 milioni di dipendenti pubblici, il cui stipendio medio si aggira intorno ai mille euro, un terzo in più rispetto al salario medio del settore privato. Il problema non è che i dipendenti pubblici sono pagati bene”, spiega Cristina Savu, direttrice di una società di reclutamento, “è che non fanno molto in cambio del loro stipendio”. Il divario di reddito tra il settore pubblico e quello privato ha incoraggiato molti rumeni a cercare un lavoro meglio retribuito in Europa occidentale, creando una carenza di manodopera nel Paese. Più di quattro milioni di rumeni sono andati a lavorare, soprattutto in Italia, Spagna, Francia e Belgio.

Eppure la Romania ha registrato una crescita del 2,2% nel 2023, grazie agli investimenti delle aziende occidentali che hanno chiuso le porte dei loro stabilimenti in Russia e Ucraina per trasferirli in Romania. Non vogliamo lasciare il nostro Paese”, afferma Vasile Barnea. Voglio che i miei figli rimangano qui. Questo Paese ha tutte le carte in regola per fare bene. Gli unici che ci impediscono di farlo sono i nostri governi. Ma ci ascolteranno, soprattutto perché questo è un anno di elezioni”. Una promessa che lascia presagire un anno ricco di eventi.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

Back To Top