skip to Main Content

Quali armi ha ricevuto l’Ucraina e di quante ne ha bisogno? Report Ft

Armi Ucraina

Armi: che cosa ha ricevuto finora davvero l’Ucraina? Ecco l’approfondimento del Financial Times

 

Alti funzionari ucraini hanno descritto senza mezzi termini ciò di cui hanno bisogno per prevalere sul campo di battaglia, parlando in vista di una riunione dei ministri della Difesa occidentali che si terrà mercoledì e che Kiev spera possa accelerare la consegna di aiuti militari. Scrive il Financial Times.

Mykhailo Podolyak, uno dei principali consiglieri del Presidente Volodymyr Zelensky, ha stilato un’audace lista della spesa per far fronte alle principali carenze di equipaggiamento e respingere le forze russe che stanno bombardando i soldati ucraini con pesanti sbarramenti di artiglieria nella regione orientale del Donbas.

“Per essere chiari: per porre fine alla guerra abbiamo bisogno della parità di armi pesanti”, ha detto Podolyak lunedì, descrivendo nel dettaglio cosa significava in un elenco twittato che comprendeva 1.000 obici da 155 mm, 300 sistemi di razzi a lancio multiplo e 500 carri armati.

I Paesi occidentali hanno promesso abbondanti aiuti militari e umanitari da quando Mosca ha lanciato l’assalto all’Ucraina, oltre 100 giorni fa. Tuttavia, molto meno di questi fondi impegnati sono stati spesi in attrezzature militari, mentre i problemi logistici e di addestramento fanno sì che il materiale di valore ancora inferiore sia arrivato in prima linea in Ucraina.

“Da mesi ormai gli Stati Uniti e gli altri alleati conoscono la situazione”, ha dichiarato Andriy Zagorodnyuk, ex ministro della Difesa ucraino che consiglia il governo in materia di sicurezza, riferendosi al fatto che le forze di Kiev non hanno un’assistenza sufficiente per prevalere. “Spero sinceramente che mercoledì si sappia qualcosa”.

In occasione del primo round dei cosiddetti colloqui sulla difesa in formato Ramstein, tenutosi ad aprile in una base aerea statunitense in Germania, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha promesso che i Paesi occidentali “continueranno a muovere cielo e terra” per fornire all’Ucraina armi per difendersi. Un nuovo ciclo di colloqui per il coordinamento delle forniture di armi si terrà mercoledì a Bruxelles, a margine della riunione dei ministri della Difesa della NATO.

Tuttavia, i combattenti ucraini sono ora a corto di munizioni di base come i proiettili d’artiglieria. Le scorte di proiettili da 152 mm utilizzate nell’artiglieria di epoca sovietica sono quasi esaurite e l’Ucraina è costretta a fare affidamento su equipaggiamenti da 155 mm di produzione nazionale.

L’Ucraina ha ora un’ampia disponibilità di proiettili da 155 mm, ha dichiarato venerdì scorso il ministro della Difesa Oleksii Reznikov, ma non dispone di artiglieria sufficiente per spararli.

Podolyak stima che l’Ucraina abbia bisogno di 1.000 obici da 155 mm – lanciatori di artiglieria a lungo raggio – per sconfiggere le forze russe. Tuttavia, l’Occidente ha fornito o si è impegnato a fornire solo circa 250 obici, secondo Oryx, un’autorevole organizzazione di intelligence open-source che tiene traccia delle perdite sul campo e delle forniture.

Domenica il comandante in capo dell’Ucraina, il generale Valerii Zaluzhnyi, ha implorato in una telefonata con il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti degli Stati Uniti, una maggiore e più rapida fornitura di aiuti militari. “Nonostante tutto, continuiamo a mantenere le nostre posizioni”, ha detto al suo omologo statunitense, ribadendo la necessità di Kiev di avere “più sistemi di artiglieria di calibro 155 mm nel più breve tempo possibile”.

Una disparità simile esiste anche per altre armi pesanti, come carri armati e sistemi di lancio di razzi multipli, che hanno una gittata maggiore rispetto all’artiglieria convenzionale. All’inizio di questo mese gli Stati Uniti e il Regno Unito si sono impegnati a fornire una manciata di MRL avanzati.

“L’uso sapiente dell’artiglieria da parte degli ucraini ha permesso loro di tenere sotto controllo i russi”, ha dichiarato un consigliere occidentale per la difesa. “Stanno dimostrando grande ingegno nell’integrare nuove tecnologie civili”, come il sistema satellitare Starlink di Elon Musk, per consentire le operazioni sul campo di battaglia.

Ma ha aggiunto: “I loro problemi di approvvigionamento di armi e munizioni sono gravi”.

L’Ucraina afferma che il tasso di perdite è salito a 200 soldati uccisi in azione in alcuni giorni. Se si considerano anche i feriti o i dispersi in azione, il bilancio giornaliero potrebbe raggiungere le 800 unità.

Rochan, una società di consulenza militare, ha scritto nel suo rapporto giornaliero sul conflitto di ritenere che la trasmissione da parte dell’Ucraina di un tasso di perdite così allarmante, insieme alle sue richieste di maggiori forniture militari, sia stata concepita “per costringere l’Occidente ad accelerare le consegne di equipaggiamenti militari e munizioni”.

I funzionari ucraini si oppongono all’idea che l’Ucraina stia perdendo. “Non stiamo affatto andando male”, ha detto Zagorodnyuk. “Stiamo tenendo [i russi] nel [Donbas] con un rapporto di equipaggiamento di almeno 10 a 1… non possono ancora muoversi e stanno perdendo anche persone”.

Tuttavia, funzionari della difesa e analisti concordano sul fatto che l’Ucraina ha bisogno di più armi e di più tempo per addestrare i riservisti se vuole sostenere la lotta.

Tra le difficoltà che l’Ucraina deve affrontare, ha dichiarato Michael Kofman, analista capo della Russia presso il think tank CNA negli Stati Uniti, ci sono i problemi di approvvigionamento dei Paesi occidentali, la riluttanza di alcuni Paesi a fornire armi e il tempo necessario per consegnare le armi al fronte e per far sì che i combattenti ucraini imparino a usarle.

“Sono state promesse molte attrezzature all’Ucraina e se ne vedono parecchie sul campo di battaglia”, ha detto Kofman a un podcast di War on the Rocks. Ma ci sono anche notevoli difficoltà nell’assimilazione e nell’utilizzo. Per esempio, la manutenzione è un problema reale nel sostenere questo equipaggiamento”.

Gli analisti hanno aggiunto che tali questioni potrebbero contribuire a far credere a Mosca di poter vincere la guerra. Le divergenze occidentali sugli aiuti militari e i progressi russi nel Donbas basati sulla “forza bruta e [accettando] perdite elevate” tra le proprie truppe, rafforzano questa impressione, ha detto il consigliere per la difesa.

L’Occidente sta inoltre lottando per far fronte a una crisi del costo della vita, con molti Paesi europei che stanno assorbendo un numero elevato di rifugiati ucraini. La Russia ha inflitto all’Occidente un tale dolore economico, attraverso l’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari, “che i leader occidentali stanno valutando come convincerla a consentire l’esportazione del grano ucraino – una preziosa leva di potere”, ha detto il consigliere.

“Non è ancora successo nulla di sufficientemente spiacevole da dissuaderlo [Vladimir Putin] dall’idea che la Russia possa vincere”, ha aggiunto il consigliere.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore