Mondo

Un percorso multimediale per gli Internati Militari Italiani

di

8 settembre 1943: l’annuncio dell’Armistizio lascia senza istruzioni i nostri soldati, che si ritrovano allo sbando; più di 650.000 sono fatti prigionieri dall’ex alleato tedesco e, in seguito al rifiuto di collaborare, vengono avviati verso i lager, dove acquisiscono lo status di IMI-Internati Militari Italiani. L’obiettivo dei nazisti è sfruttarli come forza lavoro. Durante la prigionia conducono una vita durissima a causa di fame, freddo, fatica e pessime condizioni igieniche e circa 50mila di loro muoiono in prigionia. Nell’Italia del dopoguerra i sopravvissuti sono accolti con indifferenza, imbarazzo, diffidenza e ostilità; gli ex IMI, in risposta, adottano spesso il silenzio e la rimozione. Solo nel 2006 la Repubblica italiana ha assegnato loro la Medaglia d’Onore.

Oggi è stato inaugurato a Roma il nuovo percorso multimediale del Museo “Vite di IMI. Percorsi dal fronte di guerra ai lager tedeschi 1943-1945”, ideato e realizzato dall’ANRP (Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, nata con l’obiettivo di recuperare e conservare la verità storica e il patrimonio morale dei reduci e riconosciuta Ente Morale nel 1949) presso la propria sede di via Labicana 15/A, in un’area di pertinenza del Ministero della Difesa.
La cerimonia è avvenuta alla presenza tra gli altri dell’Ambasciatrice tedesca Susanne Marianne Wasum Rainer, di Luciano Zani, ordinario di Storia contemporanea alla Sapienza Università di Roma, e Lutz Klinkhammer, vicedirettore dell’Istituto Storico Germanico di Roma. E ha visto gli interventi di Enzo Orlanducci, Presidente dell’ANRP, e Michele Montagano, classe 1921, reduce dai campi e presidente vicario dell’Associazione.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’azione, stabilita nel 2009 dai Governi italiano e tedesco, di istituire una Commissione congiunta di storici e un Luogo della memoria in gemellaggio nelle due capitali, al fine di perseguire una comune cultura “del passato di guerra italo-tedesco e in particolare del destino degli IMI”. In questa nuova veste del Museo romano, le recenti tecnologie digitali si vanno ad affiancare a cimeli, oggetti, scritti e testimonianze originali degli internati già conservate nel museo, per documentare e rievocare questa tragica vicenda internazionale con ancor maggior impatto sensoriale.

Le principali innovazioni, realizzate grazie al finanziamento del Fondo italo-tedesco per il futuro, comprendono la riproduzione di un portellone di un treno, simbolico inizio del percorso degli IMI verso i campi di concentramento, una cartina con cornici digitali a illustrare i vari fronti di cattura, una mappa interattiva predisposta alla ricerca per nominativo, totem di approfondimento touch-screen, nuove proiezioni video e l’allestimento della sala degli “oggetti parlanti”, dotati di sensori per l’avviamento automatico di specifici filmati. Completano l’esposizione una sala conferenze e il “cortile della memoria”, componendo così un polo culturale e uno spazio-laboratorio ideale per visite guidate, seminari, attività di ricerca ed esposizioni.

Il Museo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00, martedì e giovedì anche dalle 16.00 alle 18.30. L’ingresso è libero. Per informazioni e prenotazioni visite: tel. 06/7004253, e-mail anrpita@tin.it.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati