Mondo

Perché l’America di Trump sbuffa per le coccole Italia-Vaticano sulla Cina

di

Iraq trump

Il commento dell’analista Francesco Galietti, fondatore di Policy Sonary, a latere della missione di Mike Pence a Roma

 

Mike Pence non avrebbe potuto scegliere momento migliore per la sua missione a Roma. A poca distanza dalla penisola italiana, la contesa per la Libia ha visto democrazie euro-occidentali lasciare il campo ad attori eurasiatici. Le prime si sono rivelate divise, litigiose e oltremodo riluttanti all’uso della forza, mentre i secondi non hanno smarrito l’atavismo del sangue.

Per un verso, viene messo in discussione il tradizionale ruolo italiano di proconsole americano nel Mediterraneo, cerniera tra Europa, Africa e Medio Oriente. Quanto può valere un guardiaconfini non disarmato ma pacifista? Tale è infatti la condizione dell’Italia, che si dichiara indisposta a ricorrere alla forza.

Il Pierino di Prokofiev, alle prese con il lupo, sarà pur stato armato solo di un innocuo fucile a tappi, ma era di gran lunga più pugnace dell’Italia odierna. Agli occhi di Washington, siamo ormai dediti a una forma di veganesimo geopolitico e smaniosi di strapparci i canini, vestigia del nostro passato da carnivoro.

Inoltre gli eventi di queste settimane descrivono plasticamente la dinamica espansiva dell’Eurasia, che si proietta sul continente africano, traslocandovi le proprie contraddizioni. A nord, con Turchia e Russia, e a Sud, con la Cina. La Turchia, membro eurasiatico e sui generis della Nato, giostra con diabolica abilità. Non è chiaro se per gli Usa la cifra geopolitica di Ankara faccia ancora premio sui levantinismi di Erdogan, principale sostenitore della Fratellanza Musulmana assieme al Qatar e fachiro capace di mesmerizzare le capitali europee a partire da Berlino.

Pur carica di incognite e calcolate ambiguità, la Turchia è contraddistinta da innegabile volontà di potenza. Ha autocoscienza di impero. Con Pechino, capofila del blocco eurasiatico, non tratta da potenza subalterna.

Tutto il contrario dell’Italia, che, a partire dal suo massimo vertice istituzionale impregnato di cattolicesimo di sinistra, asseconda il «pivot to China» del Vaticano.

(Estratto di un articolo pubblicato su Italia Oggi)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati