Mondo

Perché la Stampa di Giannini è ruvida con Conte

di

prima repubblica

Che cosa ha scritto il direttore del quotidiano La Stampa, Massimo Giannini

Ancora due parole, o poco più, a proposito delle prestazioni di Marcello Sorgi sulla Stampa come avvocato di Giuseppe Conte in questa drammatica emergenza virale, ripetute oggi nel suo “taccuino” di quinta pagina, dopo l’editoriale di ieri. Ripetute per riconoscere al presidente del Consiglio il merito di essere “tornato pienamente sul ponte di comando progettando misure più drastiche ed efficaci su tutto il territorio nazionale”. Che “dovrebbero sostituirsi al Carnevale delle singole Regioni e dei governatori”, specie di quelli esaltati dai voti che li hanno recentemente confermati al loro posto, a cominciare naturalmente dal campano Vincenzo De Luca.

L’unico dubbio, un po’ retorico, rimasto al mio amico Marcello è se Conte nei giorni scorsi fosse stato “scalzato dal suo posto” o si sia adesso “semplicemente alzato per far sentire la sua mancanza” nelle ore diurne e notturne della studiata assenza.

Tornato col suo dubbio in quinta pagina, Marcello si sarà letto questa mattina, o già durante la notte, l’editoriale di prima pagina scritto dal direttore Massimo Giannini dopo tre settimane di ricovero per covid al Policlinico Gemelli di Rona, dove è rimasta ancora la madre. Alla quale naturalmente auguro di uscire pure lei quanto prima.

In debito con Giannini per il magistrale racconto della sua esperienza di malato, e ora di convalescente, fra lo stile del cronista e quello del romanziere, alla grande, lo sono ancora di più per la franchezza dell’analisi politica della situazione giù difficile che aveva lasciato nel momento del ricovero ma nel frattempo aggravatasi di pari passo con la pandemia.

“Non tornano – ha scritto il direttore della Stampa – i conti del governo, che continua a rivendicare ciò che ha fatto di fronte alla prima ondata, ma ad autoassolversi su ciò che non ha fatto di fronte alla seconda”. Non è vero, è verissimo. Ma ancora, dopo avere fatto le pulci a vari ministri, chiamandoli per nome, Giannini ha scritto di Conte che ha “il massimo rispetto, ma di fronte ai numeri di questa emergenza lo stillicidio dei Dpcm a cascata e la strategia dei piccoli passi (e possibilmente uno indietro rispetto agli enti locali) non servono più a niente”.

“Da lui -ha aggiunto Giannini senza fargli sconti di sorta- ci aspettiamo atti di governo, chiari e inequivoci, severi e all’altezza della sfida atroce che ci opprime, non prediche inutili e consigli da buon padre di famiglia”.

Meglio e di più non avrebbe potuto scrivere l’appena scampato, fortunatamente, alla trappola del covid.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati