skip to Main Content

Perché il Commonwealth avrà un futuro incerto senza Elisabetta II

Elisabetta Commonwealth

Negli ultimi anni, il carisma di Elisabetta II, una regina anziana e amabile, aveva agito come una sorta di diga per contenere un malessere latente in alcuni Stati del Commonwealth. Ma ciò che è stato tollerato con lei potrebbe essere diverso con il nuovo re. L’articolo di El País

 

Prometteva di essere una visita reale idilliaca, ma si è rivelata un incubo diplomatico. Il principe William e sua moglie Kate – si legge su El País – si sono recati nei Caraibi lo scorso marzo per rafforzare i legami della monarchia britannica con gli Stati del Commonwealth che si stavano allontanando dalla potenza coloniale. È stato un fallimento.

In Belize, sono stati costretti a cancellare una visita a una piantagione di cacao dopo che un gruppo di attivisti non ha permesso loro di atterrare sulla loro terra per protestare contro le violazioni dei diritti dell’epoca coloniale. In seguito, in Giamaica, la coppia è finita sotto tiro quando è stata pubblicata la loro immagine che li ritraeva mentre salutavano una folla di bambini neri accalcati intorno a un recinto di filo spinato. Un giro nella jeep della Regina del 1962 ha infine risvegliato i più oscuri fantasmi coloniali.

Tutto strideva in quel viaggio ai Caraibi in occasione del 70° giubileo della Regina. Tuttavia è servito soprattutto come termometro di uno stato d’animo percepito come in subbuglio in alcuni territori del Commonwealth, dove la morte della regina Elisabetta II minaccia di alimentare il dibattito sul futuro di certi Stati membri.

Durante il regno di Elisabetta II, il Commonwealth è passato da 7 a 56 membri. In totale, 2,5 miliardi di persone – più di un terzo della popolazione mondiale – sono sotto l’ombrello di un’organizzazione priva di potere reale o di sovranità condivisa, ma che funge da espressione istituzionale del complesso rapporto della Gran Bretagna con le sue ex colonie. Il re appare come capo di Stato nella sua versione più formale in 14 di questi Paesi, tra cui Canada, Australia, Belize, Giamaica, Nuova Zelanda e Papua Nuova Guinea. Ben 36 degli Stati membri del Commonwealth sono repubbliche e gli altri hanno altri monarchi.

La morte di Elisabetta II potrebbe dare nuovo impulso al repubblicanesimo in alcuni di questi 14 Paesi. Il primo a parlare dopo la morte della regina è stato il primo ministro di Antigua e Barbuda, Gaston Browne, che ha confermato l’intenzione di indire un referendum e ha affermato che dichiarare la repubblica “non è un atto di ostilità […] è il passo finale per completare il cerchio dell’indipendenza, per garantire che siamo una nazione veramente sovrana”, ha detto lo scorso fine settimana. Barbados si è già proclamata repubblica l’anno scorso staccandosi dalla corona britannica, mentre Giamaica, Antigua e Barbuda e Belize hanno in programma di indire referendum.

La defunta regina si è impegnata molto per mantenere le relazioni con i Paesi del Commonwealth, dedicando a essi un terzo dei suoi viaggi all’estero. Ma il ruolo della regina non è ereditario e solo nel 2018 i Paesi del Commonwealth hanno deciso a Windsor che l’attuale re Carlo III avrebbe assunto la guida dell’organizzazione alla morte della regina.

“La morte della regina segna la rottura definitiva con la Gran Bretagna imperiale”, titolava la rivista britannica New Statesman, alludendo alla nuova era che si sta aprendo nel Regno Unito e che necessariamente si riverbera in quei Paesi sui quali un tempo esercitava il potere imperiale. Negli ultimi anni, il carisma di Elisabetta II, una regina anziana e amabile, aveva agito come una sorta di diga per contenere un malessere latente, ma ciò che è stato tollerato con lei potrebbe essere diverso con il nuovo re, perché il rispetto personale per la regina non è necessariamente ereditario.

I tempi sono diversi e anche le sensibilità. “L’umore sta cambiando”, sostiene Philip Murphy, storico dell’Università di Londra ed ex direttore dell’Institute of Commonwealth Studies. “Il colonialismo è stato l’elefante nella stanza. C’è molta più consapevolezza dell’eredità della schiavitù e del colonialismo. C’è una nuova generazione di attivisti che parla della brutalità del colonialismo e chiede risarcimenti per la schiavitù nei Caraibi, e questo contribuisce a creare un clima favorevole al movimento repubblicano”, avverte. E aggiunge: “Ai repubblicani non sembra logico che nel XXI secolo il capo di Stato di un Paese viva a Londra e sia un monarca britannico. Ma questo non deve influire sulle relazioni con il Commonwealth”.

Murphy ricorda che il cambiamento è già iniziato, soprattutto nei Caraibi, e che sta avvenendo in modo tranquillo, quasi naturale. Ne è una prova la presenza del principe di Galles, l’attuale re, a Barbados il giorno della proclamazione della Repubblica lo scorso anno. “La vostra è una storia di cui ogni barbadiano, giovane e anziano, può essere orgoglioso, ispirato da ciò che è venuto prima e fiducioso in ciò che verrà dopo. […] Siete i custodi della vostra eredità e i costanti artigiani del vostro destino”, ha detto, lasciando intendere l’accettazione di una realtà inevitabile. La rassicurazione ha anche a che fare con il fatto che diventare una repubblica non significa lasciare il Commonwealth. Ad esempio, quando Barbados è diventata una repubblica, ha deciso di rimanere parte del Commonwealth. Ma anche perché, al di là dell’aspetto simbolico, il potere reale dell’organizzazione è limitato. “Il Commonwealth non ha un record impressionante di risultati negli ultimi 30 anni. Si tratta di una rete diplomatica marginale, particolarmente utile per i Paesi piccoli, ma che ha in parte perso la sua ragion d’essere”, sostiene Murphy.

Tuttavia, il potere dei simboli non deve essere sottovalutato. L’identità e la lotta sotterranea che attraversa alcuni Paesi del Commonwealth potrebbero aprire profonde crepe nell’organizzazione. Da qui lo sforzo consapevole, a partire dagli anni ’90, di presentarsi come un’unione di valori comuni piuttosto che di una storia condivisa e di concentrarsi su questioni come il cambiamento climatico e i diritti umani.

L’effetto a catena ha raggiunto anche l’Australia, dove la morte della regina ha contribuito a dare nuovo slancio al dibattito. Cindy McCreery, storica dell’Università di Sydney specializzata nella famiglia reale britannica, spiega in un’intervista che al momento non è previsto un referendum in Australia. Questo almeno durante il primo mandato dell’attuale primo ministro, Anthony Albanese, che però ha recentemente nominato un ministro per supervisionare la transizione verso la Repubblica. Adam Bandt, leader dei Verdi australiani, si è affrettato a chiedere un cambiamento in seguito agli eventi verificatisi nel Regno Unito. “Dobbiamo diventare una repubblica”, ha twittato dopo la morte della regina. Albanese, nel frattempo, è stato costretto a difendere il giorno di lutto ufficiale e i giorni festivi decretati nel suo Paese per la morte di Elisabetta II di fronte alle proteste di negozianti e operatori sanitari.

Ma una cosa è se il dibattito è diventato più scomodo e un’altra è se c’è il serio rischio di una spaccatura del Commonwealth. McCreery è più ottimista sul fatto che in qualche modo le questioni che preoccupano molti dei piccoli Stati del Commonwealth, come il cambiamento climatico, rientrino proprio nelle priorità di Carlo III. “Il Commonwealth è una piattaforma che permette ai Paesi di parlare tra loro e sarà proprio lì che il re avrà più spazio che nel suo Paese per affrontare questi temi”, conclude McCreery.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore