skip to Main Content

Pandora Papers, i ricconi e la ricchezza occultata. Report Ft

Pandora Papers

Che cosa ha scritto il Financial Times sui Pandora Papers

 

La ricchezza nascosta di centinaia di persone facoltose e potenti in tutto il mondo è stata rivelata in una delle più grandi fughe di informazioni finanziarie. Scrive il Financial Times.

Le transazioni finanziarie di decine di leader mondiali, dal re Abdullah di Giordania all’ex primo ministro britannico Tony Blair, sono state descritte in dettaglio nelle rivelazioni, che hanno mostrato come le persone più ricche del mondo usano paradisi fiscali offshore per conservare e spostare il loro denaro.

I documenti, trapelati all’International Consortium of Investigative Journalists e condivisi con una serie di giornali – il Financial Times non era tra questi – sono stati soprannominati i “Pandora Papers”. Provengono da 14 organizzazioni offshore e contengono più dati dei Panama Papers, venuti alla luce nel 2016 dallo studio legale Mossack Fonseca.

Secondo i media, i documenti mostrano come il re Abdullah II abbia comprato segretamente proprietà per un valore di più di 100 milioni di dollari a Londra, Washington e Malibu, in California.

Il re avrebbe usato una rete di conti offshore per comprare tre proprietà adiacenti a Malibu per quasi 70 milioni di dollari tra il 2014 e il 2017. La seconda, ha dichiarato il giornale, si compone di sette camere da letto, nove bagni, una palestra, un cinema e una piscina.

Gli Stati Uniti hanno fornito più di 1,5 miliardi di dollari in aiuti alla Giordania nel 2020 – anche se gli avvocati del re hanno riferito ai giornalisti che Abdullah II non ha usufruito né degli aiuti né del denaro pubblico.

Tony e Cherie Blair, nel frattempo, sono diventati proprietari di un ufficio da 6,5 milioni di sterline a Marylebone nel 2017 comprando una società delle Isole Vergini britanniche di proprietà di Zayed bin Rashid Alzayani, un ministro del Bahrein. La transazione ha fatto risparmiare loro una cifra dichiarata di 312.000 sterline in tasse di proprietà.

Cherie Blair ha dichiarato al Guardian che non c’era “niente di insolito o subdolo in tutto questo”, aggiungendo che non conosceva l’identità dei venditori prima di acquistare la proprietà.

Secondo i documenti, una donna russa che avrebbe avuto una relazione con il presidente Vladimir Putin, a poche settimane dal parto, è diventata proprietaria di un appartamento di lusso a Monte Carlo nel 2003. La proprietà, che costava 3,6 milioni di euro e comprendeva due posti auto e l’uso di una piscina, è stato acquistato utilizzando una società nelle Isole Vergini britanniche.

Né il Cremlino né la donna, Svetlana Krivonogikh, hanno risposto alle richieste di commento da parte dei media.

Ilham Aliyev, presidente dell’Azerbaigian da 13 anni, è stato anche lui citato nei documenti, che hanno riferito nel dettaglio come una rete di società offshore legate alla sua famiglia e ai suoi associati ha trattato circa 400 milioni di sterline di proprietà nel Regno Unito. La famiglia ha comprato 17 proprietà, tra cui un blocco di uffici da 33 milioni di sterline a Londra per il figlio undicenne del presidente.

No comment anche da parte della famiglia Aliyev.

Altri hanno dimostrato di possedere società offshore come il primo ministro della Repubblica Ceca, Andrej Babis, in corsa per la rielezione proprio questa settimana. L’ICIJ ha affermato che Babis ha speso 22 milioni di dollari attraverso società di comodo per una proprietà tentacolare nota come Chateau Bigaud nel sud della Francia.

Babis si è rifiutato di rispondere alle domande sull’acquisto poste da un reporter della BBC.

Secondo l’ICIJ, più di 330 politici e alti funzionari sono stati nominati nei documenti – compresi 35 capi di governo.

I dati provenivano da 14 fornitori di servizi offshore con sede a Panama, Seychelles, Hong Kong, Isole Vergini britanniche, Belize, Cipro, Svizzera ed Emirati Arabi.

I documenti includevano anche informazioni sui trust in un certo numero di Stati americani – tra cui South Dakota, Florida e Delaware – che sono diventati luoghi sempre più popolari per i miliardari che cercano di depositare la loro ricchezza.

Il South Dakota permette non solo di eludere le tasse mettendo i soldi nei fondi fiduciari, ma anche di rimanere nascosti da quasi tutti – compreso l’eventuale beneficiario. Secondo il Dipartimento del lavoro e della regolamentazione dello Stato, i fondi fiduciari del South Dakota avevano un patrimonio di più di 367 miliardi di dollari alla fine dell’anno scorso.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore