skip to Main Content

Pandemia o Ucraina, è sempre infodemia?

Infodemia

L’analisi di Marco Ferrazzoli, docente di Teoria e tecnica della comunicazione della conoscenza presso l’Università di Roma Tor Vergata 

Un confronto tra la pandemia di Covid-19 e la situazione in Ucraina potrebbe apparire un mero esercizio retorico, ma può anche suggerire qualche spunto utile a riflettere su dinamiche che stanno pesantemente caratterizzando la nostra vita. Entrambe, infatti, sono vissute nell’immaginario collettivo come crisi improvvise, cioè come rotture di continuità, quando invece rimandano a processi in atto da molto tempo.

Nel caso delle pandemie, quella da Sars-Cov-2 non è stata che l’ultima di una serie con episodi quasi ciclici, in massima parte ignorati dal mondo “occidentale” poiché si erano limitati a lambirci, provocando effetti di contagio e decessi relativamente contenuti, per esempio nei casi di Ebola e Mers. L’“asiatica” del 1957 venne addirittura definita la “gentile influenza”. Sars e influenza “aviaria”, nel 2003, hanno invece sortito delle psicosi persino eccessive rispetto al reale pericolo, mentre l’Aids è stata oggetto di una narrazione con toni molto diversi: dallo stigma del “castigo” per drogati e omosessuali fino all’empatico e pluripremiato film “Philadelphia”.

Anche le tensioni internazionali hanno avuto un riverbero nei nostri atteggiamenti differenziato e non sempre proporzionato alla rilevanza o alla distanza geografica. La crisi del Donbass è figlia di un contenzioso russo-ucraino che data per lo meno dal 2014, che ha investito anche la Crimea e che a sua volta discende dalla politica espansionista sovietica. Del quale, probabilmente, nella nostra memoria resta solo il vago ricordo della perestroika di Michail Gorbaciov e della “caduta del muro” a Berlino. Se adesso prestiamo a quest’area un’attenzione maggiore è forse a causa delle indirette implicazioni sulla crisi energetica di cui famiglie, imprese e trasporti pagano il salatissimo conto. Così come, nel caso delle “primavere arabe” che hanno agitato il Nordafrica tra 2010 e 2012, ci eravamo preoccupati per le conseguenze sui flussi migratori mediterranei. Se questo è comprensibile, si spiega però meno la disattenzione che abbiamo sempre prestato alle rotte migratorie balcaniche e continentali, oppure alla contesa ispano-marocchina.

Covid-19 e contesa tra Russia e Ucraina ci sono apparse delle “novità” per smemoratezza, per l’errata impressione che guerre e pandemie siano retaggi del passato storico, per ignoranza verso la scienza e la politica estera. Nel ‘900 si sono avvicendate le generazioni che avevano vissuto la Spagnola e la poliomielite, i due conflitti mondiali, la “guerra fredda”. Per questo la sensibilità verso queste conflitti e contagi, così come per la “fame nel mondo”, era tanto diffusa. Con il tempo, però, si è progressivamente rafforzata la nostra presunzione di essere esenti da queste grandi sciagure, in quanto fortunati appartenenti alla minoranza più benestante del pianeta.

A questo equivoco che le “progressive sorti” potessero debellare dal nostro orizzonte personale e planetario certe calamità ha concorso forse anche un fraintendimento narrativo. La trasmissione letteraria e saggistica ha progressivamente storicizzato e metaforizzato conflitti e malattie, ingenerando un’illusoria vaccinazione culturale, anziché avvertirci del loro pericolo sempre attuale. In sostanza, che la percezione per certe tragedie oggi sia meno viva è inevitabile, ma è profondamente errata l’idea che esse sorgano dal nulla, avvalorata dall’immediato sovraccarico comunicativo con cui ci vengono proposte: si pensi all’onnipresenza del Coronavirus sui vecchi e nuovi media, da oltre due anni, e a quella molto più recente della crisi in Donbass. Questa tendenza al “tormentone” riguarda un po’ tutti i fatti di cronaca, dal Festival di Sanremo all’elezione del Presidente della Repubblica, e determina, data anche la maggiore disponibilità di reti informative, quella che viene definita “infodemia”.

In un libro che abbiamo scritto con Giovanni Maga analizziamo l’overload informativo relativo a Covid-19, che la stessa Oms ha chiesto di considerare unitamente agli aspetti sanitari con i quali concorre. Ma le nostre valutazioni sulle crisi sanitarie possono essere probabilmente trasferite a quelle in politica estera, nel senso che entrambe queste aree della realtà richiedono ormai una cittadinanza più “consapevole”. Le moderne società globali si caratterizzano soprattutto come società della comunicazione e gestire i loro flussi informativi è molto difficile. Quest’evoluzione richiede un adattamento non banale, la capacità di discriminare l’autorevolezza delle fonti e la conoscenza basilare di ambiti, come la ricerca scientifica e la geo-politica, che non possiamo più ignorare, poiché la loro incidenza è ormai pervasiva. Lo sforzo dev’essere pertanto comune: gli operatori dei media hanno il dovere di gerarchizzare e inquadrare meglio le notizie, i destinatari finali quello di seguire un’alfabetizzazione permanente che cominci con la formazione scolastica, gli esperti e i ricercatori quello di aiutare il sistema a uscire dalla logica dell’“emergenza”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore