Mondo

Perché il prezzo del palladio è esploso?

di

Palladio

Il palladio è considerato oggi il più pregiato dei quattro metalli preziosi principali, con una rarità che ha portato i prezzi a un livello record.

Il palladio è considerato oggi il più pregiato dei quattro metalli preziosi principali, con una rarità che ha portato i prezzi a un livello record. Ma perché è così importante? È un componente chiave dei dispositivi di controllo dell’inquinamento per auto e camion, e per questo motivo il suo prezzo è raddoppiato in poco più di un anno, rendendolo più caro dell’oro, secondo la ricostruzione che ne ha fatto Bloomberg.

CHE COS’È IL PALLADIO?

“È un materiale bianco brillante, uno dei sei metalli del gruppo del platino (insieme a rutenio, rodio, osmio, iridio e lo stesso platino). Circa l’85% del palladio finisce nei sistemi di scarico delle automobili, dove aiuta a trasformare gli inquinanti tossici in anidride carbonica e vapore acqueo meno dannosi. Viene utilizzato anche in elettronica, odontoiatria e gioielleria. Il metallo viene estratto principalmente in Russia e Sud Africa e viene ottenuto principalmente come prodotto secondario da operazioni che si concentrano su altri metalli, come il platino o il nichel”, sottolinea Bloomberg.

PERCHÉ È SEMPRE PIÙ COSTOSO?

“L’offerta non risponde alla crescente domanda – spiega -. L’uso è in costante aumento in quanto i governi, specialmente quello cinese, stanno inasprendo sempre di più le regole per combattere l’inquinamento causato dai veicoli, costringendo le case automobilistiche ad aumentare la quantità di metallo prezioso che utilizzano. In Europa, i consumatori hanno acquistato meno auto diesel, che per lo più usano il platino, e invece hanno scelto veicoli alimentati a benzina, che usano il palladio, a seguito delle rivelazioni che i costruttori di auto diesel hanno tradito i test sulle emissioni”.

PERCHÉ L’OFFERTA È COSÌ LIMITATA?

“Lo status del palladio come sottoprodotto dell’estrazione del platino o del nichel significa che la produzione tende a ritardare gli aumenti di prezzo. Infatti, si prevede che la quantità prodotta sarà inferiore alla domanda per l’ottavo anno consecutivo nel 2019. Questo contribuirà a far salire i prezzi a livelli record successivamente. Nonostante alcuni metalli siano più preziosi, il palladio è stato scambiato con valori sopra l’oro per la maggior parte di quest’anno”, ha evidenziato Bloomberg.

GLI SPECULATORI STANNO FACENDO SALIRE IL PREZZO?

“In parte – scrive il quotidiano -. Dall’agosto 2018, gli hedge fund hanno aumentato le scommesse che i prezzi aumenteranno. Tuttavia, il palladio spot viene scambiato con un premio che suggerisce che i produttori si stiano preparando per la fornitura”.

CHI SONO I VINCITORI E I VINTI?

“Mentre la russa MMC Norilsk Nickel PJSC è il più grande produttore di palladio, l’incremento dei prezzi è una buona notizia soprattutto per i minatori sudafricani di platino, che lo scavano insieme al metallo primario e hanno a che fare con i prezzi del platino che si aggirano intorno ai minimi del decennio. D’altra parte, le case automobilistiche devono pagare di più per avere il palladio e potrebbero alla fine trasferire l’aumento ai consumatori”, ha osservato Bloomberg.

IL PALLADIO È DI SOLITO COSÌ VOLATILE?

“Sì, e non solo il palladio. I metalli preziosi utilizzati in piccole quantità dall’industria automobilistica hanno una storia di picchi di prezzo quando la domanda supera l’offerta. Nel decennio successivo al 1998, il platino ha registrato un’impennata di oltre il 500% in quanto la scarsità ha attirato l’attenzione degli speculatori. In un periodo simile, il rodio ha raggiunto oltre il 4.000% prima che i produttori di automobili trovassero il modo di utilizzarne meno”.

LE CASE AUTOMOBILISTICHE POSSONO UTILIZZARE UN’ALTERNATIVA?

“E’ vero che l’aumento del palladio rispetto al platino potrebbe indurre alcune case automobilistiche a lavorare sulla sostituzione – sottolinea Bloomberg -. Tuttavia, non si sa quando avverrà il cambiamento. La ricerca sull’uso del platino dimostra che sono necessari progressi tecnologici prima che si possa eguagliare le prestazioni dei catalizzatori esistenti a base di palladio, secondo Johnson Matthey Plc, che produce i dispositivi. Gli analisti hanno detto che potrebbero volerci fino a 18 mesi”.

COME SI INSERISCONO LE AUTO ELETTRICHE?

“Le auto elettriche non consumano carburante, non hanno tubi di scarico e non usano il palladio. Eppure, la maggior parte degli analisti ritiene che l’elettrificazione della maggior parte della flotta automobilistica mondiale sia un’attività che si protrarrà per molti anni. Nel frattempo, l’uso del palladio nei veicoli ibridi sarà una fonte crescente di domanda”, ha concluso Bloomberg.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati