Advertisement
skip to Main Content

L’ossessione della Cina per raggiungere “zero casi Covid”

Zero Casi Covid Cina

Le severe restrizioni a cui ricorre la Cina per ambire a “zero casi Covid”, scrive il Financial Times, non solo sono eccessive ma rischiano di dimostrarsi anche inutili e dannose. Ecco perché

 

L’indicazione del governo di accumulare cibo è raramente un segno che tutto va bene. Questo, tuttavia, è il messaggio che il ministero del Commercio cinese ha inviato la scorsa settimana, anche se non c’è un problema di fondo di approvvigionamento alimentare e il numero di contagi non è allarmante. La direttiva mostra, invece, la crescente tensione causata dalla ricerca cinese di raggiungere l’obiettivo “zero casi Covid” e la necessità di una via d’uscita nei pochi paesi che ancora lo perseguono – scrive il FT.

Apparentemente, le famiglie hanno bisogno di una scorta di cibo in modo da poter far fronte all’imposizione di un blocco totale, se i casi di Covid-19 dovessero aumentare. Le restrizioni a cui ricorre la Cina per fermare del tutto le catene di trasmissione del virus sono diventate sempre più severe. Recentemente ha chiuso decine di migliaia di visitatori all’interno di Disneyland Shanghai per test di massa dopo aver scoperto un caso legato al parco a tema il giorno prima.

Situazioni di stress simile sono visibili anche in altre nazioni che ancora aspirano allo scenario “zero casi Covid”, come Hong Kong e Taiwan, che mantengono i loro confini quasi blindati, con lunghe quarantene, anche se i rivali regionali come Singapore, Corea del Sud e Giappone si aprono. La Nuova Zelanda – a lungo un punto di riferimento per questo tipo di strategia – ha iniziato ad abbandonare tale politica a favore della convivenza con il virus.

Durante gran parte del 2020 e 2021, il modello “zero casi Covid” è stato un trionfo per i paesi che lo hanno abbracciato. Non solo sono stati in grado di mantenere le morti da Covid a livelli minimi, guadagnando tempo per le vaccinazioni, ma la vita è potuta andare avanti normalmente senza paura del virus. Si è dimostrata una buona politica per la salute e per l’economia.

Ma ora non è più così, per due motivi. In primo luogo, il resto del mondo non ha eliminato il Covid, e finché rimane anche un solo caso di una malattia infettiva, in qualsiasi parte del mondo, può sempre tornare. “Zero casi Covid” per sempre significa quindi chiusura delle frontiere per sempre. In secondo luogo, l’emergere della variante Delta, più contagiosa, significa che solo chiusure estreme possono eliminare la malattia e i vaccini non possono più fornire una soluzione totale.

I parametri della variante Delta sono implacabili. Diverse stime suggeriscono che, senza contromisure, la variante ha un numero di riproduzione di base, una misura di quanti nuovi casi ogni infezione causerà, di almeno cinque. Ciò implica che anche con un vaccino perfettamente efficace, l’80% della popolazione deve essere vaccinata per raggiungere la cosiddetta immunità di gregge, uno stato in cui la malattia non può più diffondersi.

La Cina è vicina a quel livello di vaccinazione – un altro successo politico per Pechino – ma nessuno dei vaccini anti Covid è totalmente efficace e i vaccini cinesi fatti in casa sembrano essere tra i meno potenti.

La linea di fondo è semplicemente che l’eliminazione del Covid non è possibile. Anche con un vaccino efficace, la variante Delta è comunque troppo infettiva e troppo radicata nel mondo. Non importa quante volte un paese elimini la malattia, essa tornerà e continuerà a tornare.

In questa fase, quindi, le chiusure delle frontiere e le chiusure draconiane semplicemente rimandano il momento in cui il Covid diventerà inevitabilmente endemico in una popolazione, limitando la libertà dei cittadini. Tali restrizioni non possono impedire la sua diffusione per sempre. Comprare tempo aveva senso durante l’attesa dei vaccini. Ora, però, comprare tempo non serve a niente.

Le politiche “zero casi Covid” sono spesso popolari. L’assenza di Covid è, dopo tutto, uno desiderio condivisibile. Ma una spinta continua per questo modello aumenta la paura del virus, riducendo al contempo la motivazione per ottenere un vaccino, poiché se il virus viene eliminato non ce ne sarà bisogno.

Solo mesi fa, i paesi “zero casi Covid” hanno ottenuto lodi per il loro successo politico. Ora possono vincere il plauso per l’abilità con cui se lo lasciano alle spalle.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore