skip to Main Content

Perché non esiste un ordine mondiale liberale. L’analisi di Applebaum

Ordine Mondiale

Mentre l’Occidente viveva felice nell’illusione del “Mai più”, la Russia lavorava per potenziare le sue forze armate e la sua macchina di propaganda. L’approfondimento di Anne Applebaum sull’Atlantic

Nel febbraio 1994, nella grande sala da ballo del municipio di Amburgo, in Germania, il presidente dell’Estonia tenne un discorso straordinario. In piedi davanti a un pubblico in abito da sera, Lennart Meri ha lodato i valori del mondo democratico a cui l’Estonia aspirava allora ad aderire. “La libertà di ogni individuo, la libertà dell’economia e del commercio, così come la libertà della mente, della cultura e della scienza, sono inseparabilmente interconnesse”, ha detto ai cittadini di Amburgo. “Essi formano il prerequisito di una democrazia vitale”. Il suo paese, avendo riconquistato l’indipendenza dall’Unione Sovietica tre anni prima, credeva in questi valori: “Il popolo estone non ha mai abbandonato la sua fede in questa libertà durante i decenni di oppressione totalitaria”.

Ma Meri era anche andato a consegnare un avvertimento: la libertà in Estonia, e in Europa, potrebbe presto essere minacciata. Il presidente russo Boris Eltsin e i circoli intorno a lui stavano tornando al linguaggio dell’imperialismo, parlando della Russia come primus inter pares – il primo tra uguali – dell’ex impero sovietico. Nel 1994, Mosca ribolliva già con il linguaggio del risentimento, dell’aggressione e della nostalgia imperiale; lo stato russo stava sviluppando una visione illiberale del mondo, e già allora si preparava ad imporla. Meri ha invitato il mondo democratico a reagire: l’Occidente dovrebbe “rendere enfaticamente chiaro alla leadership russa che un’altra espansione imperialista non avrà alcuna possibilità”.

A questo punto, il vicesindaco di San Pietroburgo, Vladimir Putin, si è alzato ed è uscito dalla sala – scrive Anne Applebaum su The Atlantic.

Le paure di Meri erano a quel tempo condivise in tutte le nazioni precedentemente prigioniere dell’Europa centrale e orientale, ed erano abbastanza forti da convincere i governi di Estonia, Polonia e altrove a fare una campagna per l’ammissione alla NATO. Ebbero successo perché nessuno a Washington, Londra o Berlino credeva che i nuovi membri fossero importanti. L’Unione Sovietica non c’era più, il vicesindaco di San Pietroburgo non era una persona importante e l’Estonia non avrebbe mai avuto bisogno di essere difesa. Ecco perché né Bill Clinton né George W. Bush hanno fatto molti tentativi per armare o rinforzare i nuovi membri della NATO. Solo nel 2014 l’amministrazione Obama ha finalmente collocato un piccolo numero di truppe americane nella regione, in gran parte nel tentativo di rassicurare gli alleati dopo la prima invasione russa in Ucraina.

Nessun’altra parte del mondo occidentale ha sentito alcuna minaccia. Per 30 anni, le compagnie petrolifere e del gas occidentali si sono ammassate in Russia, associandosi con gli oligarchi russi che avevano apertamente rubato i beni che controllavano. Anche le istituzioni finanziarie occidentali hanno fatto affari lucrativi in Russia, istituendo sistemi per permettere a quegli stessi cleptocrati russi di esportare il loro denaro rubato e tenerlo parcheggiato, in modo anonimo, in proprietà e banche occidentali. Ci siamo convinti che non c’era nulla di male nell’arricchire i dittatori e i loro compari. Il commercio, immaginavamo, avrebbe trasformato i nostri partner commerciali. La ricchezza avrebbe portato il liberalismo. Il capitalismo avrebbe portato la democrazia e la democrazia avrebbe portato la pace.

Dopo tutto, era già successo prima. Dopo il cataclisma del 1939-45, gli europei avevano effettivamente abbandonato collettivamente le guerre di conquista imperiale e territoriale. Avevano smesso di sognare di eliminarsi a vicenda. Invece, il continente che era stato la fonte delle due peggiori guerre che il mondo avesse mai conosciuto ha creato l’Unione Europea, un’organizzazione progettata per trovare soluzioni negoziate ai conflitti e promuovere la cooperazione, il commercio e gli scambi. A causa della metamorfosi dell’Europa – e specialmente a causa della straordinaria trasformazione della Germania da dittatura nazista a motore dell’integrazione e della prosperità del continente – gli europei e gli americani credevano di aver creato un insieme di regole che avrebbero preservato la pace non solo nei loro continenti, ma alla fine nel mondo intero.

Questo ordine mondiale liberale si basava sul mantra “Mai più”. Mai più ci sarebbe stato un genocidio. Mai più grandi nazioni avrebbero cancellato nazioni più piccole dalla mappa. Mai più saremmo stati ingannati da dittatori che usavano il linguaggio dell’omicidio di massa. Almeno in Europa, avremmo saputo come reagire quando lo avremmo sentito.

Ma mentre noi vivevamo felicemente nell’illusione che “Mai più” significasse qualcosa di reale, i leader della Russia, proprietari del più grande arsenale nucleare del mondo, stavano ricostruendo un esercito e una macchina di propaganda progettati per facilitare l’omicidio di massa, così come uno stato mafioso controllato da un piccolo numero di uomini e che non assomigliava affatto al capitalismo occidentale. Per molto tempo – troppo a lungo – i custodi dell’ordine mondiale liberale hanno rifiutato di capire questi cambiamenti. Hanno distolto lo sguardo quando la Russia ha “pacificato” la Cecenia uccidendo decine di migliaia di persone. Quando la Russia ha bombardato scuole e ospedali in Siria, i leader occidentali hanno deciso che quello non era un loro problema. Quando la Russia ha invaso l’Ucraina la prima volta, hanno trovato ragioni per non preoccuparsi. Sicuramente Putin sarebbe stato soddisfatto dall’annessione della Crimea. Quando la Russia ha invaso l’Ucraina la seconda volta, occupando parte del Donbas, erano sicuri che sarebbe stato abbastanza sensibile da fermarsi.

E quando i russi, arricchitisi grazie alla cleptocrazia che abbiamo facilitato, hanno comprato politici occidentali, finanziato movimenti estremisti di estrema destra e condotto campagne di disinformazione durante le elezioni democratiche americane ed europee, i leader americani ed europei si sono ancora rifiutati di prenderli sul serio. Erano solo alcuni post su Facebook; e allora? Non credevamo di essere in guerra con la Russia. Credevamo, invece, di essere al sicuro e liberi, protetti da trattati, da garanzie di confine e dalle norme e regole dell’ordine mondiale liberale.

Con la terza e più brutale invasione dell’Ucraina, la vacuità di queste convinzioni è stata rivelata. Il presidente russo ha apertamente negato l’esistenza di uno stato ucraino legittimo: “Russi e Ucraini”, disse, “erano un solo popolo, un unico insieme”. Il suo esercito ha preso di mira i civili, gli ospedali e le scuole. La sua politica mirava a creare rifugiati per destabilizzare l’Europa occidentale. “Mai più” si è rivelato uno slogan vuoto mentre un piano genocida prendeva forma davanti ai nostri occhi, proprio lungo il confine orientale dell’Unione Europea. Altre autocrazie ci guardano per vedere cosa faremo, perché la Russia non è l’unica nazione al mondo che brama il territorio dei suoi vicini, che cerca di distruggere intere popolazioni, che non si fa scrupoli ad usare la violenza di massa. La Corea del Nord può attaccare la Corea del Sud in qualsiasi momento, e ha armi nucleari che possono colpire il Giappone. La Cina cerca di eliminare gli uiguri come gruppo etnico distinto e ha disegni imperiali su Taiwan.

Non possiamo riportare l’orologio al 1994, per vedere cosa sarebbe successo se avessimo ascoltato l’avvertimento di Lennart Meri. Ma possiamo affrontare il futuro con onestà. Possiamo indicare le sfide e prepararci ad affrontarle.

Non esiste un ordine mondiale liberale naturale, e non ci sono regole senza qualcuno che le faccia rispettare. A meno che le democrazie non si difendano insieme, le forze dell’autocrazia le distruggeranno. Sto usando la parola forze, al plurale, deliberatamente. Molti politici americani preferirebbero comprensibilmente concentrarsi sulla competizione a lungo termine con la Cina. Ma finché la Russia è governata da Putin, anche la Russia è in guerra con noi. Così come la Bielorussia, la Corea del Nord, il Venezuela, l’Iran, il Nicaragua, l’Ungheria e potenzialmente molti altri. Potremmo non voler competere con loro, o persino preoccuparci molto di loro. Ma a loro importa di noi. Capiscono che il linguaggio della democrazia, della lotta alla corruzione e della giustizia è pericoloso per la loro forma di potere autocratico e sanno che quel linguaggio ha origine nel mondo democratico, il nostro mondo.

Questa lotta non è teorica. Richiede eserciti, strategie, armi e piani a lungo termine. Richiede una cooperazione alleata molto più stretta, non solo in Europa ma nel Pacifico, in Africa e in America Latina. La NATO non può più operare come se un giorno le fosse richiesto di difendersi; ha bisogno di iniziare a operare come durante la guerra fredda, partendo dal presupposto che un’invasione potrebbe avvenire in qualsiasi momento. La decisione della Germania di aumentare la spesa per la difesa di 100 miliardi di euro è un buon inizio, così come la dichiarazione della Danimarca che anche lei aumenterà la spesa per la difesa. Ma un coordinamento militare e di intelligence più profondo potrebbe richiedere nuove istituzioni – forse una legione europea volontaria, collegata all’Unione Europea, o un’alleanza baltica che includa Svezia e Finlandia – e un pensiero diverso su dove e come investire nella difesa europea e del Pacifico.

Se non abbiamo mezzi per trasmettere i nostri messaggi al mondo autocratico, allora nessuno li ascolterà. Così come dopo l’11 settembre abbiamo messo insieme il Dipartimento della Sicurezza Nazionale da agenzie disparate, ora abbiamo bisogno di riunire le parti disparate del governo degli Stati Uniti che pensano alla comunicazione, non per fare propaganda ma per raggiungere più persone nel mondo con informazioni migliori e per impedire alle autocrazie di distorcere questa conoscenza. Perché non abbiamo costruito una stazione televisiva in lingua russa per competere con la propaganda di Putin? Perché non possiamo produrre più programmi in mandarino o in uiguro? Le nostre emittenti in lingua straniera – Radio Free Europe/Radio Liberty, Radio Free Asia, Radio Martí a Cuba – hanno bisogno non solo di soldi per la programmazione ma di un grande investimento nella ricerca. Sappiamo molto poco del pubblico russo – cosa leggono, cosa potrebbero essere desiderosi di imparare.

Anche i finanziamenti per l’educazione e la cultura devono essere ripensati. Non dovrebbe esserci un’università in lingua russa, a Vilnius o a Varsavia, per ospitare tutti gli intellettuali e i pensatori che hanno appena lasciato Mosca? Non dovremmo spendere di più per l’istruzione in arabo, hindi, persiano? Molto di ciò che passa per diplomazia culturale funziona con il pilota automatico. I programmi dovrebbero essere rifatti per un’epoca diversa, una in cui, anche se il mondo è più conoscibile che mai, le dittature cercano di nascondere questa conoscenza ai loro cittadini.

Il commercio con gli autocrati promuove l’autocrazia, non la democrazia. Il Congresso ha fatto alcuni progressi negli ultimi mesi nella lotta contro la cleptocrazia globale, e l’amministrazione Biden ha fatto bene a mettere la lotta alla corruzione al centro della sua strategia politica. Ma possiamo andare molto oltre, perché non c’è ragione che qualsiasi azienda, proprietà o trust sia tenuto anonimo. Ogni stato americano, e ogni paese democratico, dovrebbe immediatamente rendere trasparente ogni proprietà. I paradisi fiscali dovrebbero essere illegali. Le uniche persone che hanno bisogno di tenere segrete le loro case, i loro affari e il loro reddito sono i truffatori e gli evasori fiscali.

Abbiamo bisogno di un cambiamento drammatico e profondo nel nostro consumo di energia, e non solo a causa del cambiamento climatico. I miliardi di dollari che abbiamo inviato a Russia, Iran, Venezuela e Arabia Saudita hanno promosso alcuni dei peggiori e più corrotti dittatori del mondo. La transizione dal petrolio e dal gas ad altre fonti di energia deve avvenire con molta più velocità e decisione. Ogni dollaro speso per il petrolio russo aiuta a finanziare l’artiglieria che spara sui civili ucraini.

Prendete sul serio la democrazia. Insegnatela, discutetela, miglioratela, difendetela. Forse non c’è un ordine mondiale liberale naturale, ma ci sono società liberali, paesi aperti e liberi che offrono alle persone una migliore possibilità di vivere una vita utile rispetto alle dittature chiuse. Non sono certo perfette; la nostra ha profondi difetti, profonde divisioni, terribili cicatrici storiche. Ma questa è una ragione in più per difenderli e proteggerli. Poche di esse sono esistite nel corso della storia umana; molte sono esistite per un certo periodo e poi sono fallite. Possono essere distrutte dall’esterno, ma anche dall’interno, da divisioni e demagoghi.

Forse, all’indomani di questa crisi, possiamo imparare qualcosa dagli ucraini. Da decenni combattiamo una guerra culturale tra valori liberali da una parte e forme muscolari di patriottismo dall’altra. Gli ucraini ci stanno mostrando un modo per avere entrambi. Appena sono iniziati gli attacchi, hanno superato le loro numerose divisioni politiche, che non sono meno aspre delle nostre, e hanno preso le armi per combattere per la loro sovranità e la loro democrazia. Hanno dimostrato che è possibile essere un patriota e un credente in una società aperta, che una democrazia può essere più forte e più feroce dei suoi avversari. Proprio perché non esiste un ordine mondiale liberale, nessuna norma e nessuna regola, dobbiamo lottare ferocemente per i valori e le speranze del liberalismo se vogliamo che le nostre società aperte continuino ad esistere.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore