skip to Main Content

Nutri-score: la bagarre europea sulle etichette dei prodotti alimentari vista dall’Economist

Nutri-score

Nutri-Score e Cancer Plan: l’Italia al centro del dibattito sull’etichettatura dei prodotti alimentari. L’approfondimento del settimanale The Economist

 

Il trattato di Versailles, firmato nel 1919, è solitamente ricordato per le umilianti punizioni che ha inflitto alla Germania. Ma sfogliando le pagine dell’accordo che pose fine alla prima guerra mondiale, appare un obiettivo meno noto delle potenze alleate: la protezione dello champagne.

L’articolo 275 assicurava che mai più i palati francesi avrebbero dovuto subire l’infamia di assaggiare uve coltivate in Germania spacciate per bollicine galliche.

Tra i diplomatici e gli storici il trattato non è considerato uno dei momenti migliori dell’Europa, dato il suo ruolo nello scatenare la successiva guerra mondiale. I contadini coccolati sono forse gli unici che lo ricordano con maggior affetto.

Un secolo dopo, il cibo rimane la materia dell’alta politica in Europa. Quest’anno ricorre il 60° anniversario della Politica Agricola Comune dell’Ue, che riesce ancora a monopolizzare un terzo del bilancio del gruppo. Gli accordi commerciali voluti da alcuni stati membri vengono abitualmente annullati per proteggere gli agricoltori di altri (di solito la Francia).

Ora una nuova lotta intestina sta attanagliando il continente. La Commissione europea di Bruxelles proporrà quest’anno delle regole che imporranno di esporre le qualità nutrizionali di tutti gli alimenti sulla parte anteriore delle loro confezioni. L’idea è quella di informare gli acquirenti su ciò che li fa ingrassare. Ma la misura, sostenuta dai nutrizionisti, è attaccata dai suoi oppositori come un assalto allo stile di vita europeo – scrive The Economist.

Quasi tutto il cibo venduto in Europa ha dovuto divulgare le sue qualità nutrizionali (o la loro mancanza) dal 2016. Ma l’assillo non va oltre. Le informazioni si trovano sul retro della confezione, scritte in una dimensione di carattere solitamente riservata ai punti più fini dei contratti di assicurazione.

Nel 2017 gli scienziati alimentari francesi hanno sviluppato un sistema che ha distillato quei dati difficili da leggere in un semplice “Nutri-Score”. Un’etichetta standard posizionata dove i consumatori possono vederla fornirebbe gradi codificati a colori da un’accettabile A a un’esecrabile E.

I funzionari della sanità pubblica e i gruppi di consumatori lodano la semplicità del Nutri-Score e hanno spinto per un suo uso più ampio. Sostenuto dalle autorità in Francia, Germania e Spagna, tra gli altri, il sistema è stato adottato volontariamente da molti rivenditori. La Commissione pensa che qualcosa di simile dovrebbe essere obbligatorio in tutta l’Ue.

La spinta sensata per allontanare i consumatori dal cibo malsano si è imbattuta in un problema inerente a qualsiasi regolamento progettato per 27 paesi: ciò che è sostenuto dalla maggior parte dei paesi finisce per sollevare gli strali di alcuni. In questo caso il problema è l’Italia.

Il Nutri-Score non è amico di molti prodotti della cucina italiana. Un pasto a base di prosciutto, gorgonzola e tiramisù si rivela essere completamente all’estremità sbagliata dello spettro. Anche l’olio d’oliva, l’elisir al cuore della famosa dieta mediterranea del paese, riceve solo una luce ambrata dal sistema di classificazione.

Per gli italiani, sempre attenti alla possibilità che i condiscendenti nordici li stiano tenendo ad uno standard irragionevole, questa è una provocazione sufficiente. Come può il loro cibo essere cattivo quando l’Italia ha tra i più bassi tassi di obesità negli adulti del mondo ricco?

La politica ha contribuito a trasformare la questione in una questione di orgoglio nazionale a Roma. I populisti inveiscono contro quello che chiamano un sistema insensato cucinato da tecnocrati privi di gusto e di anima.

Matteo Salvini del partito di estrema destra, la Lega, respinge il Nutri-Score come adatto solo agli accoliti senza gioia del vino senza alcol, della carne finta e degli insetti commestibili. Altri scorgono una minaccia per l’agricoltura italiana, progettata per beneficiare le multinazionali.

Mario Draghi, primo ministro italiano ed ex capo della Banca centrale europea, è lui stesso un tecnocrate. Eppure, per tenere insieme la sua fragile coalizione, ha dovuto fare commenti denigratori sul Nutri-Score.

Una rozza operazione di lobbying, completa di siti web sospetti che imitano le agenzie di salute pubblica, è spuntata in opposizione al Nutri-Score. Contrasta il terribile voto dato al parmigiano (E) con il voto di passaggio della Coca Cola Zero (B).

Come possono due terzi dei prodotti serviti dalla catena di fast food KFC non essere classificati peggio della mozzarella? Lo sforzo di classificazione del cibo è dipinto come una manovra per minare i prodotti agricoli tradizionali: è molto più facile cambiare la ricetta dei Coco Pops (la cui formula è stata recentemente modificata per ottenere una B) che il salame (una E secca).

I sostenitori del Nutri-Score fanno notare che anche i produttori di alimenti trasformati hanno fatto pressioni contro un’etichettatura più rigida (anche se alcuni ora la appoggiano, come Kellogg’s, che produce i Coco Pops).

Serge Hercberg, un accademico che ha contribuito a ideare lo schema, lo descrive come una misura di salute ovvia. Trovare confronti distorti è facile, ma gli alimenti dovrebbero essere confrontati con alternative nella stessa categoria: non si può sostituire una lattina di Coca Cola con una tazza di olio d’oliva (che, nota, ha un punteggio migliore del burro).

L’Italia ha un problema di obesità infantile e la dieta mediterranea che difende originariamente includeva più frutta e verdura di quanto i produttori di prosciutto crudo vogliano ammettere. “Anche se gli alimenti sono tradizionali, non significa che facciano bene”, ha detto Hercberg. Per quanto riguarda KFC, le parti del suo menu che ottengono un buon punteggio – un contorno – sono salutari.

La lamentela italiana ha preso piede. Gli agricoltori in Francia e oltre si preoccupano che i punteggi negativi per i loro prodotti possano ridurre le vendite. I ministeri dell’agricoltura sono stati spinti a ridurre il Nutri-Score anche dove è già stato adottato. La proposta di creare una categoria speciale per l’alcol (una F nera) viene usata per galvanizzare più oppositori.

L’Italia ha sviluppato uno schema alternativo di etichettatura così confuso che sembra mirato a rendere la salubrità di un alimento completamente inconoscibile. E i governi nazionali avranno un sacco di opportunità per svuotare le proposte della Commissione, come hanno fatto quando la questione dell’etichettatura degli alimenti si è presentata l’ultima volta una decina di anni fa.

Ma non dovrebbero farlo. Al netto del rumoroso disaccordo, i fan e i detrattori del Nutri-Score non sono così distanti. Gli italiani sono magri, nonostante tutto quel pecorino e quel gelato, perché sanno che questi piaceri vanno goduti con moderazione. Il professor Hercberg e altri dicono più o meno la stessa cosa: tutto va bene, se si regolano le quantità. Anche un bicchiere di vino italiano, forse. Salute!

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore