skip to Main Content

Scimmie

Attenzione, il Niger si avvicina a Russia e Iran. Report Wsj

Ora che anche il Niger, ex partner affidabile degli Stati Uniti, vira verso Russia e Iran, l'asse anti-Occidente si rafforza e la regione africana del Sahel è l'ultimo fronte caldo che potrebbe esplodere. L'articolo del Wall Street Journal

 

Mentre l’influenza dell’Occidente e soprattutto degli Stati Uniti si ritira nel mondo, il disordine e i nemici dell’America ne riempiono il vuoto. L’ultimo fronte che potrebbe esplodere è la regione africana del Sahel, dove la giunta al potere in Niger ha posto fine alla cooperazione militare con gli Stati Uniti – scrive il Wall Street Journal.

LA ROTTURA TRA STATI UNITI E NIGER

Il portavoce della giunta Amadou Abdramane ha dichiarato sabato che il Niger sta annullando il suo accordo sullo status delle forze armate con gli Stati Uniti “con effetto immediato”. Ciò esporrebbe il personale statunitense a maggiori rischi legali se continuasse a operare in Niger. Il vicesegretario stampa del Pentagono, Sabrina Singh, ha dichiarato lunedì che gli Stati Uniti stanno “lavorando attraverso i canali diplomatici per cercare di ottenere chiarimenti”.

Prima del colpo di Stato dello scorso luglio, il Niger era un partner affidabile degli Stati Uniti in un contesto difficile. Nella regione operano Boko Haram e affiliati dello Stato Islamico e di Al Qaeda, e il Niger ha ospitato la seconda più grande presenza militare statunitense nel continente dopo Gibuti. Circa 1.000 soldati statunitensi erano presenti a giugno 2023, e una base di droni statunitensi da 110 milioni di dollari ad Agadez è stata un avamposto chiave contro i jihadisti nel nord Africa, anche in Libia e Algeria.

LA REAZIONE DI UE E USA

L’Unione europea ha sospeso la cooperazione di sicurezza e il sostegno finanziario dopo il colpo di stato. Gli Stati Uniti hanno interrotto alcuni aiuti allo sviluppo, benefici commerciali e cooperazione in materia di sicurezza, pur mantenendo la loro presenza militare in Niger e continuando a condurre operazioni di intelligence, sorveglianza e ricognizione. La Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas), un’unione politica ed economica regionale, ha inizialmente imposto sanzioni al Niger, uno dei Paesi più poveri del mondo, facendo salire i prezzi.

IL PERICOLOSO AVVICINAMENTO A RUSSIA E IRAN

Un rischio di questo approccio punitivo era quello di creare opportunità per i regimi canaglia del mondo. Da allora, alti funzionari della giunta nigerina sono volati a Teheran e a Mosca.

Il Wall Street Journal ha riportato lunedì che i funzionari statunitensi hanno lanciato l’allarme su un possibile accordo per dare all’Iran l’accesso alle abbondanti riserve di uranio del Niger. Il ministero della Difesa russo a gennaio ha elogiato “la crescita della cooperazione bilaterale militare e tecnico-militare” e “le crescenti relazioni Russia-Niger nel settore della difesa”. Il Niger ha anche approfondito le sue relazioni con il Burkina Faso e il Mali, due vicini con stretti legami con Mosca.

PROBLEMI SU PROBLEMI

Il Niger ha già espulso circa 1.500 soldati francesi, ha revocato una legge del 2015 volta a frenare la migrazione verso l’Europa, ha posto fine alla cooperazione in materia di sicurezza interna con l’Unione europea e ha annullato una prevista missione di cooperazione militare dell’Ue contro il terrorismo. Ciò rende particolarmente importante che la Francia mantenga una presenza altrove nell’Africa settentrionale e centrale, come tradizionalmente fa.

I problemi in Africa si stanno accumulando da tempo, con l’espansione delle basi cinesi e il gruppo russo Wagner che offre sicurezza a pagamento. Ora l’Iran sta facendo un’offerta per l’uranio. L’asse anti-occidentale sta giocando per dominare il continente e le sue risorse. Se l’amministrazione Biden ha una strategia per contrastare tutto questo, non è evidente.

Biden lancia un allarme retorico sul crescente disordine del mondo, ma si rifiuta di porre gli Stati Uniti su un piano adeguato a questa nuova era di conflitto globale che dovrebbe mobilitare le risorse militari e segrete per contrastarlo.

Altri problemi sono in arrivo.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top