Mondo

Nave Alex, ecco comuni, province e regioni che tramite Banca Etica finanziano Mediterranea Saving Humans

di

Chi è, che cosa fa e chi finanzia la Ong Mediterranea Saving Humans della Nave Alex al centro di una diatriba sui migranti con il governo italiano

 

E’ scontro aperto fra le Ong ed il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, sui salvataggi di migranti in mare e la destinazione finale delle imbarcazioni che li dovrebbero trasferire in un “porto sicuro”.

La banchina del porto di Lampedusa è occupata dal veliero Alex della Ong Mediterranea Saving Humans che ha a bordo, ancora, i 41 migranti salvati giovedì scorso in acque libiche. Sulla banchina, sono schierate le forze dell’ordine.

“Lo sviluppo del progetto – spiegano da Mediterranea – non sarebbe stato possibile senza il sostegno iniziale delle organizzazioni della società civile italiana e delle singole persone che hanno creduto nell’operazione con contributi a fondo perduto per 98.115 euro e prestiti solidali infruttiferi per 115.000 euro, raccolti tra il luglio e l’agosto 2018″ Un peso importante per poter trasferire il progetto dalla carta alla realtà l’ha avuto Banca Etica, che “a fronte di una obiettiva valutazione del progetto stesso e della disponibilità dei garanti” ha concesso nel settembre 2018 una linea di credito di 465.000 euro“.

ECCO NATURA E OBIETTIVI DI MEDITERRANEA

Ecco le informazioni che la Ong Mediterranea Saving Humans ha messo in rete:

“Dal 4 ottobre 2018 in poi sono stati invece oltre 5.000 donatori ad apportare (al 25 marzo 2019) 518.533 euro ai diversi canali di crowdfunding. Deve anche essere considerato che numerose tra queste donazioni arrivano da soggetti collettivi (associazioni, parrocchie, centri sociali etc.), che le hanno raccolte in occasione di iniziative pubbliche con centinaia di persone partecipanti.

Tuttavia, anche nella prospettiva della prosecuzione delle missioni (a partire già prossime e per tutto l’anno 2019), le significative entrate così raccolte restano per il momento leggermente inferiori alle uscite, complessivamente 1.225.333 euro al 25 marzo scorso. Innanzitutto per i costi legati alla ricerca, individuazione e acquisto della nave “Mare Jonio” (oltre 360.000 euro). Poi per la necessità di adattare questo rimorchiatore, varato nel 1972, alle attuali normative in materia di navigazione e alle prescrizioni via via richiesteci dalle Autorità Marittime italiane, con lavori di cantiere che nel 2018 sono costati 163.589 euro e nel 2019 già 125.145 euro. Abbiamo poi voluto dotare la nave dei più moderni sistemi di comunicazione (radiotrasmittenti e internet) e di ricognizione a mare (radar ad esempio) per quasi 70.000 euro. Il tutto porta le spese complessive di gestione dei primi sei mesi di navigazione e attività a 554.605 euro, inclusi rifornimenti di carburante per 90.641 euro, stipendi del personale marittimo imbarcato per 81.177 euro, noleggi d’imbarcazioni appoggio per 82.312 euro”.

La Mediterranea sottolinea dunque che “decisiva per la sua realizzazione è stata la scelta di Banca Etica”.

I soci di Banca Etica “sono migliaia di cittadini e organizzazioni che condividono i valori e lo statuto della Banca e ne sottoscrivono quote azionarie. I soci sono i proprietari della Banca, la quale, grazie a loro, è un istituto cooperativo indipendente dalla politica e dai grandi gruppi economico-finanziari”, si legge sul sito della Banca.

CHE COSA FA BANCA ETICA

Banca Etica – si legge sempre sul sito – “è un’impresa partecipata da soci e socie che ne condividono il rischio e ne promuovono la crescita attraverso esercizi di governance diffusa e di rielaborazione culturale condivisa.

I NUMERI DI BANCA ETICA

A fine 2018 i soci di Banca Etica erano 42.516 (977 in più rispetto a fine 2017) ed erano rappresentati al 16% da persone giuridiche e al 84% da persone fisiche.

IL CAPITALE SOCIALE DI BANCA ETICA

Il capitale sociale di Banca Etica al 31 dicembre 2018 ammonta a 69.946.537,50 euro, registrando un incremento del 6,59% rispetto al 2017.

LA NATURA DI BANCA ETICA

Banca Etica è un’impresa partecipata da soci e socie che ne condividono il rischio e ne promuovono la crescita attraverso esercizi di governance diffusa e di rielaborazione culturale condivisa”.

ENTI LOCALI SOCI

Tra i soci di Banca Etica ci sono anche 248 Enti Pubblici che rappresentano l’ 1,6% del capitale sociale: 222 Comuni 21 Province e 5 Regioni.

SOCI SPAGNOLI

Nel 2018 si sono uniti alla compagine sociale 248 Soci spagnoli con 2.870 azioni, corrispondenti a 150.675 euro. A fine anno i soci spagnoli sono 2.848 con 61.311 azioni, per un capitale sociale pari a 3.218.827,50 euro.

SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI

A fine 2018 si registrano 56.116 azioni sottoscritte da nuovi soci per un valore nominale di 2.946.090 euro; nel 2017 il dato ammontava a 65.906 azioni per un valore di 3.460.065 euro.

Tra i soci di Banca Etica – come detto – ci sono 222 comuni, 21 province e 5 Regioni (Lazio, Emilia Romagna, Calabria, Piemonte e Toscana). Ecco l’elenco completo

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati