Advertisement
skip to Main Content

Perché la Nato sposterà l’attenzione sulla Cina. Report Ft

Nato Cina

Il segretario generale della Nato, Stoltenberg, rivela un significativo ampliamento degli obiettivi dell’alleanza per includere Pechino. L’approfondimento del Financial Times

Contrastare la minaccia alla sicurezza derivante dall’ascesa della Cina sarà una parte importante della logica futura della Nato, ha detto il capo dell’alleanza, segnando un significativo ripensamento degli obiettivi del gruppo occidentale che riflette il perno geostrategico degli Stati Uniti in Asia. Scrive il Financial Times.

In un’intervista al Financial Times, il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha affermato che mentre la Cina non è un “avversario”, sta avendo un impatto sulla sicurezza europea attraverso le sue capacità informatiche, le nuove tecnologie e i missili a lungo raggio. Come difendere gli alleati della Nato da queste minacce sarà “accuratamente” affrontato nella nuova dottrina dell’alleanza per il prossimo decennio, ha detto.

L’alleanza militare ha trascorso decenni concentrandosi sul contrastare la Russia e, dal 2001, il terrorismo. La nuova attenzione sulla Cina arriva nel mezzo di un deciso spostamento dell’orientamento geopolitico degli Stati Uniti dall’Europa verso un conflitto egemonico con Pechino.

“La Nato è un’alleanza tra Nord America ed Europa. Ma questa regione deve affrontare sfide globali: terrorismo, cyber ma anche l’ascesa della Cina. Quindi, quando si tratta di rafforzare la nostra difesa collettiva, si tratta anche di come affrontare l’ascesa della Cina”, ha detto Stoltenberg. “Quello che possiamo prevedere è che l’ascesa della Cina avrà un impatto sulla nostra sicurezza. Lo ha già fatto”.

La Nato adotterà il suo nuovo concetto strategico in un summit la prossima estate, che delineerà lo scopo dell’alleanza per i prossimi 10 anni. La versione attuale, adottata nel 2010, non menziona la Cina.

La Nato sta cercando una nuova direzione dopo la fine del suo dispiegamento ventennale in Afghanistan, mentre sono in corso discussioni sul futuro della presenza militare statunitense in Europa.

Stoltenberg, l’ex primo ministro norvegese che si dimetterà l’anno prossimo dopo quasi otto anni al timone, ha detto che gli alleati della Nato cercheranno di “ridimensionare” le attività al di fuori dei loro confini e “aumentare” la loro capacità di difesa interna per resistere meglio alle minacce esterne.

La Cina si sta avvicinando a noi. . . Li vediamo nell’Artico. Li vediamo nel cyber spazio. Li vediamo investire pesantemente nelle infrastrutture critiche dei nostri paesi.

“E naturalmente hanno sempre più armi ad alto raggio che possono raggiungere tutti i paesi alleati della Nato. Stanno costruendo molti, molti silos per missili intercontinentali a lungo raggio”, ha detto.

La Cina ha testato un missile ipersonico con capacità nucleare nel mese di agosto, il FT lo ha riportato durante il fine settimana, dimostrando un’avanzata capacità di armi a lungo raggio che ha sorpreso l’intelligence statunitense e ha sottolineato il rapido progresso militare che Pechino ha fatto sulle armi di nuova generazione.

Ma qualsiasi suggerimento di uno spostamento dalla deterrenza dell’aggressione russa incontrerebbe le proteste degli stati membri dell’Europa orientale che vedono Mosca come una minaccia esistenziale e l’alleanza come loro unico garante di sicurezza.

Stoltenberg ha aggiunto che la Russia e la Cina non dovrebbero essere viste come minacce separate. “Prima di tutto la Cina e la Russia lavorano strettamente insieme”, ha detto. “In secondo luogo, quando investiamo di più nella tecnologia… questo riguarda entrambi”.

“Questa idea di distinguere così tanto tra Cina, Russia, Asia-Pacifico o Europa – è un unico grande ambiente di sicurezza e dobbiamo affrontarlo tutti insieme. Quello che facciamo sulla prontezza, sulla tecnologia, sul cyber, sulla resilienza è importante per tutte queste minacce. Non si mette un’etichetta”, ha aggiunto.

Stoltenberg ha detto che il ritiro affrettato delle forze Nato dall’Afghanistan in agosto è stata “una scelta ovvia” dopo la decisione degli Stati Uniti di lasciare il paese. Ha detto che mentre i militari europei avrebbero potuto rimanere senza il sostegno degli Stati Uniti, i leader politici non potevano giustificare una presenza continua.

“Era in parte un aspetto militare: le capacità. Ma penso che fondamentalmente più importante era l’aspetto politico: siamo andati in Afghanistan dopo un attacco agli Stati Uniti”, ha detto. “Militarmente sarebbe stato possibile [rimanere]. Ma politicamente, lo considero assolutamente irrealistico… questo è stato il motivo principale”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore