skip to Main Content

Ecco come Merkel e Macron vogliono azzoppare le banche italiane

Banche Unico Gruppo Bancario

L’approfondimento di Francesco Ninfole, giornalista di Mf/Milano Finanza, sugli effetti in campo bancario dell’intesa tra Francia e Germania

L’intesa di Meseberg tra Germania e Francia presenta molte insidie per l’Italia. Una delle più rilevanti riguarda le banche.

GLI OBIETTIVI DI MERKEL E MACRON SULLE BANCHE

La cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron vogliono introdurre un «obiettivo» di riduzione dei crediti deteriorati lordi al 5% e di quelli netti al 2,5% dei prestiti totali (gli istituti italiani sono rispettivamente all’11 e al 6%).

L’ASSENZA DEI TITOLI ILLIQUIDI

Nessun riferimento invece ai titoli illiquidi: non è certo un caso, considerando che in Europa il 75% degli attivi di livello 2 e 3 (in tutto 3.600 miliardi) sono nelle banche di Germania e Francia.

IL PIANO VERO DI FRANCIA E GERMANIA

Il piano Merkel-Macron ha mostrato il vero volto: l’obiettivo è sì rafforzare l’Eurozona, ma solo a patto di non danneggiare gli interessi nazionali. Per l’Italia il rischio è quello di essere messa all’angolo, come nel 2014 con il bail-in.

LA VERA POSTA IN GIOCO

La posta in gioco è altrettanto alta: potrebbe nascere un’Unione bancaria nella quale saranno condivisi solo i rischi dei gruppi tedeschi e francesi.

I TIMORI DELL’ITALIA

Perciò il governo Conte e i partiti di maggioranza dovrebbero guardare con estrema attenzione le proposte sulle banche e intervenire su quelle più squilibrate cercando l’appoggio di altri Stati. In tal senso le prossime riunioni di Ecofin e Consiglio Europeo saranno appuntamenti importanti.

LE QUESTIONI TECNICHE

Alla riduzione di npl, da misurare nel 2020 assieme ai cuscinetti Mrel, sarebbero vincolati i progressi sull’Unione bancaria e l’avvio prima del 2024 del backstop comune per il fondo di risoluzione.

L’OSSESSIONE NORD-EUROPEA PER GLI NPL

Le soglie franco-tedesche sui deteriorati rispecchiano l’ossessione nordeuropea secondo cui l’unico indice di rischiosità per una banca sono i crediti deteriorati. Ma questa posizione non ha fondamento economico.

LE VERE QUESTIONI

Di certo non potrebbe essere considerata pericolosa una banca con npl ratio netto al 3% ma con capitale abbondante. Inoltre il rapporto npl/crediti totali ha molti difetti: in particolare quello di poter essere aggirato aumentando il denominatore, cioè i prestiti, anche in modo sconsiderato.

QUESTIONE DI SOGLIA

Una banca vicina alla soglia del 2,5% potrebbe iniziare a finanziare chiunque pur di non finire sotto il faro dei mercati. L’alternativa sarebbe agire sul numeratore vendendo npl in minusvalenza e indebolendo la banca. Gli incentivi sarebbero sbagliati perché avrebbero l’effetto di rendere più vulnerabile il settore finanziario: il contrario di quanto si vuole ottenere.

IL CONFLITTO DI INTERESSE DI FRANCIA E GERMANIA

Il punto più clamoroso è che Merkel e Macron, in forte conflitto di interesse per i bilanci delle banche nazionali, non hanno detto nulla invece sugli attivi illiquidi, che valgono 6.800 miliardi di euro tra attività e passività, 12 volte i crediti deteriorati netti.

LA QUESTIONI DEI TITOLI DI LIVELLO 2 E 3

Non tutti i titoli di livello 2 e 3 (L2/L3) sono rischiosi: a volte si tratta di derivati semplici che le grandi aziende sottoscrivono per proteggersi su cambi o tassi. Ma in molti casi si tratta di attivi opachi, i cui rischi sono sconosciuti.

LE ANALISI DI BANCA D’ITALIA E BCE

La Banca d’Italia ha pubblicato un’analisi approfondita a dicembre su questi titoli. A febbraio anche il presidente Bce Mario Draghi ha ricordato che, quando si parla di pericoli bancari, «ci sono gli npl ma ci sono anche gli asset di livello 2 e 3. I primi sono un’eredità della recessione, i secondi della crisi finanziaria: entrambi devono essere affrontati».

CHE COSA DICE IL VERTICE DELLA BCE

Invece il vertice della Vigilanza Bce (la francese Danièle Nouy e la tedesca Sabine Lautenschaleger) ha spesso buttato acqua sul fuoco sui rischi di L2 e L3, orientando l’attenzione della vigilanza e dei mercati su npl e titoli di Stato. A quattro anni dalla nascita, con colpevole ritardo, anche la Vigilanza Bce ha dovuto avviare un’indagine sui titoli illiquidi della tedesca Deutsche Bank  e delle francesi Bnp Paribas  e SocGen : segno che i titoli illiquidi vanno guardati in dettaglio.

LE QUESTIONI CONTROVERSE

Anche perché oggi, in assenza di un prezzo di mercato, gli istituti decidono il valore degli asset di livello 2 e 3 con modelli interni. Inoltre tendono a classificare i titoli in modo soft, come L2 e non come L3. Basta un piccolo stress di mercato, su una ristretta fetta di questi attivi, per provocare danni sistemici come quelli osservati con i subprime.

LE DIMENTICANZE DEL TESTO DI MESEBERG

Nel testo di Meseberg però non se ne fa cenno. Il pericolo dei titoli illiquidi, che oggi è quasi tutto sulle spalle di Germania e Francia, potrebbe essere condiviso tra Paesi nell’Unione bancaria. Il governo italiano è disposto ad accettarlo? Il rischio è doverlo fare a causa della debolezza sui conti oppure per ottenere in cambio concessioni sul deficit con cui realizzare promesse elettorali in una logica di breve termine

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore