Mondo

Facebook, Apple e Amazon stanno tornando a Manhattan

di

manhattan

Come Facebook, Apple ed Amazon provano a ripopolare Manhattan. Tutti i dettagli

Facebook ha appena affittato un numero sufficiente di nuovi uffici a Manhattan per quasi triplicare la sua attuale forza lavoro locale, tra cui uno degli edifici più rappresentativi della città, l’ex complesso di 107 anni dell’ex ufficio postale principale vicino alla Pennsylvania Station.

Apple, che ha aperto il suo primo ufficio a New York un decennio fa, si sta espandendo in un altro edificio di Manhattan. E Google e Amazon stanno mettendo insieme i campus aziendali della città più velocemente che in qualsiasi altra parte del mondo. Amazon ha pagato circa 1 miliardo di dollari a marzo per l’iconico edificio di Lord & Taylor sulla Fifth Avenue – scrive il NYT.

Nonostante una pandemia che ha devastato New York,  e sollevato questioni fondamentali sul suo futuro, le quattro società note collettivamente come Big Tech stanno tutte espandendo significativamente la loro presenza in città, dandogli un voto di fiducia di cui c’è un disperato bisogno.
Con il timore che il virus possa aumentare di nuovo nei mesi più freddi, molte aziende sono alle prese con il come, quando e anche se gli impiegati torneranno negli edifici di Manhattan. E i giganti della tecnologia non hanno ancora riportato i loro lavoratori.
Anche così, i giganti non solo sono andati avanti con i precedenti piani di crescita, ma hanno anche aumentato il loro ritmo di assunzione e di acquisizione di uffici durante la pandemia.

L’abbraccio dell’industria a New York arriva nonostante l’accoglienza tumultuosa che Amazon ha ricevuto l’anno scorso quando ha proposto di costruire un quartier generale tentacolare nel Queens. Amazon ha abbandonato i progetti di fronte all’opposizione politica e comunitaria, ma ora ha acquisito più di 2 milioni di metri quadrati di uffici per i lavoratori delle imprese, oltre a magazzini da Staten Island a Queens fino al Bronx.

Dopo l’acquisto dell’edificio Lord & Taylor, Amazon ha annunciato in agosto che alla fine 2.000 dipendenti vi avrebbero lavorato, aumentando della metà la sua attuale forza lavoro tecnologica di 4.000 unità.

Amazon ha ora otto uffici a New York, la maggior parte dei quali sono raggruppati a Midtown. La società si è recentemente espansa fuori Manhattan, affittando spazi sul lungomare di Brooklyn per il suo team di Amazon Music.

Anche con l’espansione di Big Tech, la città continua ad affrontare una sfida fondamentale: la maggior parte degli uffici sono stati abbandonati da marzo, devastando l’economia locale e l’indotto di transito, negozi, ristoranti e altre attività commerciali che dipendono dai lavoratori.

Molte persone non vogliono tornare negli uffici fino a quando non ci sarà un vaccino. Anche dopo, ci si chiede sempre più spesso se la pandemia abbia fondamentalmente offuscato il fascino delle torri di uffici di Midtown e Lower Manhattan.
Collettivamente, Amazon, Google, Facebook e Apple hanno assunto finora più di 2.600 dipendenti in città quest’anno, portando il loro totale di occupazione a più di 22.000 persone. Solo Facebook ha aggiunto 1.100 lavoratori per portare la sua attuale forza lavoro a 4.000.

Apple, Amazon e Facebook hanno divorato più di 1,6 milioni di metri quadrati di uffici dall’inizio dell’anno, la maggior parte dei quali è stata affittata o acquistata durante la pandemia. Prima della pandemia, Google ha aggiunto circa 149 mila metri quadrati di uffici come parte di un campus aziendale che sorge lungo il fiume Hudson a Manhattan.

Le aziende ora hanno abbastanza spazio per assumere altri 15.000 dipendenti. Quando questi lavoratori arriveranno nei nuovi uffici rimane incerto; tutte e quattro le aziende hanno permesso ai loro dipendenti di lavorare a distanza e alcune, tra cui Facebook, prevedono un futuro in cui fino alla metà dei dipendenti lavorerà da casa.
In larga misura, le aziende scommettono anche che i dipendenti attuali e futuri saranno desiderosi di tornare in luoghi di lavoro condivisi che promuovono la spontaneità e la collaborazione.

“Il grande vantaggio è che New York sarà sempre un polo tecnologico”, ha detto William Floyd, direttore degli affari esterni degli uffici di Google a New York, che ha circa 9.000 dipendenti, di cui più della metà ingegneri.

Google ha l’obiettivo di dare lavoro a 14.000 persone in città nei prossimi anni, rispettando l’impegno assunto nel 2018 di raddoppiare la sua forza lavoro a New York. L’azienda ha messo insieme un considerevole campus aziendale nel quartiere di Chelsea a Manhattan e nei dintorni, che comprende diverse proprietà in costruzione.
Il settore tecnologico si è insediato per la prima volta a New York più di vent’anni fa, un piccolo attore nell’ombra delle tradizionali industrie della città, come la finanza, i media, il settore immobiliare e l’assistenza sanitaria. Google ha aperto il suo primo avamposto fuori dalla California, un ufficio vendite a Manhattan con un dipendente solitario, nel 2000.

Ma negli ultimi anni, New York è sbocciata in un vero e proprio hub tecnologico, un rivale della East Coast della Silicon Valley che è diventato una seconda casa per i colossi della tecnologia, ma ha anche dato vita a migliaia di start-up.
Le aziende più grandi hanno creato un corridoio tecnologico nel West Side di Manhattan, che si estende da West 34th Street a Midtown a sud fino alla zona del World Trade Center nella Lower Manhattan.

L’attenzione delle aziende tecnologiche di New York si è spostata dai reparti marketing e vendite ai team che rispecchiano quelli della Silicon Valley. Hanno assunto ingegneri e sviluppatori da università locali e regionali e hanno ricoperto alcuni ruoli con i dipendenti della West Coast che vogliono trasferirsi a New York.

Per ogni azienda Big Tech della città, ci sono numerose aziende più piccole ma ancora importanti, tra cui Salesforce, LinkedIn, Spotify e ZocDoc. Microsoft, un altro gigante della tecnologia, ha una modesta presenza negli uffici vicino a Times Square.
Prima della pandemia, il settore tecnologico della città occupava 150.100 persone. La maggior parte dei nuovi posti di lavoro erano in settori come il software, l’elaborazione dei dati e l’editoria su Internet.
Il ritmo delle assunzioni dovrebbe continuare a salire.

Facebook ha dichiarato di aver affittato 730.000 piedi quadri del vecchio ufficio postale, il Farley Building.

Dietro l’angolo del Farley Building, Apple ha firmato un contratto d’affitto per 220.000 piedi quadri al 11 Penn Plaza, una torre Art Deco del 1923 vicino al Madison Square Garden.
Prima dell’accordo, Apple, che ha detto molto poco sui suoi progetti in città, non si era espansa oltre un edificio per uffici sulla Fifth Avenue nel quartiere di Flatiron in cui si era trasferita nel 2011.

Anche le aziende tecnologiche più piccole hanno continuato ad aumentare i loro stipendi proprio durante lo scoppio dell’epidemia.
MongoDB, una piattaforma di database cloud la cui sede centrale si trova a Midtown Manhattan, ha assunto 97 dipendenti dall’inizio della pandemia, portando la sua forza lavoro totale in città a 551 unità.

L’azienda, i cui prodotti sono utilizzati da Verizon, eBay e Adobe tra le altre aziende, ha più di 2.100 dipendenti in tutto il mondo e sta creando un modello di lavoro ibrido per far lavorare i dipendenti in remoto alcuni giorni e in ufficio su altri.
Uno dei nuovi assunti dell’azienda, Farah Wahab, ha iniziato ad agosto come product marketing manager dopo aver lavorato per cinque anni presso aziende tecnologiche a San Francisco.
“Amo San Francisco, ma può sembrare un po’ come una bolla tecno-centrica isolata dal mondo reale”, ha detto la signora Wahab, 32 anni. “Stare in mezzo a diversi settori e tipi di persone, così come un maggiore accesso al mercato, era importante per me sia personalmente che professionalmente”.

Kia D. Floyd, responsabile delle politiche pubbliche di Facebook per le regioni dell’est e del Midwest, ha sottolineato che l’azienda si è insediata a New York poco prima della grande recessione del 2008, un altro difficile periodo di incertezza in città.
“La gente è fuggita dalla città allora e non pensava che sarebbe tornata”, ha detto la signora Floyd. “Ma la città ha grinta, resistenza e diversità, e sarà sempre fonte di ispirazione per aziende come la nostra”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati