skip to Main Content

Coste

Tutti i piani grandiosi di Macron per le coste francesi. Report Le Monde

In un discorso pronunciato martedì a Nantes, Macron ha esposto le sue ambizioni per l'utilizzo delle coste della Francia e ha invitato il pubblico a partecipare al dibattito. L'articolo di Le Monde.

Come sarà il litorale francese tra venti o trent’anni? Dove saranno ubicate le nuove attività turistiche, le aree di conservazione della natura, le zone militari e le zone di estrazione della sabbia marina? Martedì 28 novembre, in un discorso alla conferenza delle Assises économiques de la mer a Nantes, Emmanuel Macron ha invitato i francesi a partecipare a questo dibattito.

Questa fase di democrazia partecipativa, intitolata “La mer en débat” (“Il mare in discussione”), si svolgerà nell’ambito del grande processo di consultazione che si è aperto il 20 novembre sotto l’egida della Commission nationale du débat public (“Commissione nazionale del dibattito pubblico”) e che durerà fino alla fine di aprile 2024. “I mari e gli oceani sono il luogo in cui si costruisce parte del nostro futuro e abbiamo davanti a noi un’agenda per i prossimi decenni”, ha dichiarato il Capo dello Stato a Nantes.

Ufficialmente, questa consultazione, divisa in quattro parti – una per ogni litorale della Francia continentale – ha lo scopo di esaminare la coabitazione, e persino la sovrapposizione, di molteplici attività sulla costa: turismo, porti, rotte marittime, pesca, cantieristica, aree riservate alla conservazione della natura, zone militari, estrazione di materiali, ecc.

Il capo di Stato ha annunciato di contare sulle tasse generate da questi parchi energetici come leva finanziaria per la modernizzazione dell’industria della pesca. Se il progetto procederà con la rapidità sperata dal governo, 700 milioni di euro potrebbero essere investiti nella transizione del settore verso pratiche più sostenibili e imbarcazioni che emettono meno gas serra. Nonostante questo annuncio, Emmanuel Macron ha comunque promesso a Nantes che prorogherà gli aiuti per il carburante da pesca di 20 centesimi al litro fino a giugno 2024.

Gravi carenze

Per contribuire alla carbon neutrality del Paese entro il 2050, una cinquantina di parchi eolici dovranno produrre 40 GW entro questa data. Il Capo dello Stato ha menzionato un bando di gara per la produzione di 10 GW a partire dal 2035. Dove saranno installati? La risposta è attesa per la fine del 2024 sotto forma di mappa, dopo il processo di consultazione. La posta in gioco è alta, perché la legge del 10 marzo sull’accelerazione della produzione di energie rinnovabili consente di “mettere in comune i dibattiti pubblici”. Ciò significa che non ci saranno più discussioni pubbliche locali su ogni parco eolico. Una volta terminato questo dibattito, si potrà adottare una pianificazione per i prossimi dieci anni.

Quattro associazioni per la tutela della natura hanno già espresso la loro preoccupazione. Il 20 novembre Sea Shepherd France, Gardez les capes, Défense des milieux aquatiques e Wild Legal hanno inviato una lettera al Ministro francese per la Transizione Ecologica e la Coesione Territoriale, preludio di un probabile ricorso al Tribunale Amministrativo di Parigi, chiedendo una moratoria in nome della conservazione della biodiversità, in particolare quella degli uccelli marini. Vogliono denunciare le “gravi carenze individuate dagli scienziati nella strategia di impiego di questa fonte di energia sulle nostre coste”. “È il nostro modo di prendere posizione nel dibattito pubblico che sta per iniziare”, osserva Marine Calmet, presidente di Wild Legal.

Le discussioni che si svolgeranno sul campo nell’arco di quattro mesi hanno l’obiettivo di fornire un quadro operativo per la strategia nazionale per il mare e le coste 2030, che sarà pubblicata a breve per decreto. Presentata come “una visione integrata dell’interfaccia terra-mare”, la strategia definisce una serie di importanti linee guida, anche per i territori d’oltremare, in particolare per quanto riguarda la protezione degli ambienti naturali, la prevenzione dei rischi, la cosiddetta economia “blu”, l’ambizione di una Francia a zero emissioni di carbonio entro il 2050 e gli impegni di Parigi sulla scena internazionale per la protezione dell’ambiente, in particolare contro lo sfruttamento dei minerali sui fondali marini.

Proteggere lo smeriglio delle Baleari

Un altro tema importante di questo esercizio di pianificazione è quello delle ambizioni ambientali della Francia, che potrebbe anche rendere più vivaci le discussioni. Nel preambolo della strategia nazionale si legge che essa deve “consentire il raggiungimento di un buono stato ecologico delle acque marine riducendo le pressioni esercitate su di esse” e “consolidando le prestazioni della sua rete di aree marine efficacemente protette”. L’obiettivo è di porre il 10% della superficie marittima francese sotto una forte protezione entro il 2030, con un “contributo ambizioso ed equilibrato da parte di ogni costa e bacino d’oltremare”.

La questione è dove localizzare queste AMP. Le AMP più protette sono aree in cui “le attività umane che possono compromettere la conservazione dei valori ecologici sono assenti, evitate, eliminate o fortemente limitate su base permanente”, come afferma la strategia. Quali di queste attività saranno vietate? La strategia non lo specifica, ma indica l’obiettivo del governo, che è quello di raggiungere il 5% di aree altamente protette (ZPF) nella Francia continentale entro il 2027: l’1% nel Mare del Nord-Canale Orientale, il 3% nella Manica Occidentale-Atlantico Settentrionale, il 3% nell’Atlantico Meridionale e il 5% nel Mediterraneo.

Per il momento, queste ZPF sono praticamente inesistenti, come dimostrano le mappe pubblicate per “La mer en débat” (Il mare in discussione) – per questo evento viene pubblicata una serie di indicatori normalmente non accessibili.

Si scopre, ad esempio, che la Bretagna settentrionale, ricca di plancton, “ospita una percentuale molto significativa della popolazione mondiale del falco delle Baleari (la specie di uccello marino più minacciata in Europa)”, oltre a un centinaio di foche. Sono stati identificati come potenziali ZPS otto siti che coprono 27 chilometri quadrati (cioè lo 0,02% della costa in questione). Il primo è la baia di Saint-Brieuc, la stessa che viene regolarmente sommersa dalle maree di alghe verdi.

Siamo felici che questi documenti strategici vengano presentati al pubblico, è una grande novità”, afferma Gauthier Carle, a nome del Comité France océan, un organismo che riunisce una trentina di ONG e fondazioni impegnate nella tutela della biodiversità e che è stato consultato durante la preparazione di questo esercizio di pianificazione. Ma ci sono delle lacune e il settore della piccola pesca non è nemmeno menzionato”.

In breve, il comitato critica i documenti perché rimangono vaghi ed evitano alcune questioni spinose, come il notevole impatto degli scarichi agricoli sulla qualità delle acque costiere. “La strategia nazionale, che dovrebbe fornire una visione coerente per il futuro, non ha tenuto sufficientemente conto del contesto dei cambiamenti climatici, dell’erosione costiera e della necessità di riportare gli ecosistemi in buono stato ecologico”, afferma Gauthier Carle. Il documento non dice, ad esempio, se le turbine eoliche possono essere collocate in aree protette. I partecipanti al dibattito avranno l’opportunità di porre questa domanda.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top