skip to Main Content

Milei

La motosega di Milei in Argentina si è già inceppata? Report Wsj

Dossier Milei in Argentina. Sogna di essere un pilota nella tempesta ma per ora, in meno di due mesi di governo, l'inflazione è alle stelle e le proteste aumentano. L'approfondimento del Wall Street Journa

 

Il nuovo presidente argentino, Javier Milei, afferma di voler portare una rivoluzione del libero mercato nell’economia del Paese, da tempo in difficoltà, tagliando migliaia di posti di lavoro statali e riducendo le normative su tutto, dalle procedure di divorzio al prezzo del latte.

Ma dopo meno di due mesi alla guida della terza economia dell’America Latina, l’autodefinitosi anarco-capitalista sta già affrontando gli oppositori nelle strade e nel Congresso, dove alcune delle sue revisioni sono già state bloccate. Il suo tasso di inflazione è ora il più alto al mondo, superando persino quello del Venezuela. Scrive il Wall Street Journal.

IL POPOLO PROTESTA MA MILEI TIRA DRITTO

In un’intervista rilasciata al Wsj, Milei ha dichiarato che non avrebbe rinunciato alla promessa fatta in campagna elettorale di dare una scossa all’economia controllata dallo Stato, nonostante l’acuto dolore economico che ciò comporterà nel breve periodo.

“Non c’è un piano B”, ha detto Milei martedì alla Casa Rosada, il palazzo presidenziale nel centro di Buenos Aires. “Non c’è spazio per i sentimenti, per le emozioni. Non posso permettermi questo lusso. Ci sono 47 milioni di persone che aspettano risposte”.

Parlando un giorno prima che migliaia di persone riempissero le strade e interrompessero i viaggi aerei per protestare contro le sue revisioni, Milei ha affermato che le misure stanno già mostrando segni di successo.

COSA HA FATTO MILEI NEI PRIMI DUE MESI

L’inflazione argentina, pari al 211%, è vicina a raggiungere il suo picco, ha detto, prevedendo che “in due anni avremo terminato l’inflazione, di sicuro”. La banca centrale ha aggiunto 5 miliardi di dollari nell’ultimo mese alle sue riserve di valuta estera, ormai esaurite.

Ha iniziato a sciogliere i regolamenti che da tempo soffocavano le imprese, tra cui i controlli sui prezzi dei prodotti alimentari e le restrizioni sull’affitto di appartamenti che avevano creato carenza di alloggi. Ha decretato centinaia di cambiamenti e ha presentato al Congresso una legge omnibus per ridurre il ruolo dello Stato nell’economia.

“Questo rappresenta solo un quarto delle riforme che stiamo proponendo, e una volta approvate queste leggi, siamo disposti a spingere per altre”, ha detto.

Molti argentini attendono con ansia di vedere se un leader senza esperienza di governo e con una personalità eccentrica – Milei è noto tanto per il suo stravagante bouffant quanto per la sua devozione a un capitalismo crudo e senza vincoli – possa davvero risollevare le sorti di un Paese che per decenni è passato da una crisi finanziaria all’altra. L’Argentina è andata in default sul suo debito sovrano per 9 volte.

L’OPPOSIZIONE DEI PERONISTI

Libertario, salito alla ribalta come opinionista televisivo di grido, Milei deve affrontare una serie di ostacoli. Il suo partito “Avanti la Libertà” detiene solo il 15% dei seggi nella camera bassa della legislatura nazionale e il 10% al Senato.

Nelle strade, deve affrontare i potenti sindacati alleati con i peronisti, il cui movimento nazionalista è stato fondato dall’ufficiale populista dell’esercito Juan Perón negli anni Quaranta. Il movimento sostiene un ruolo importante dello Stato nell’economia e ha governato l’Argentina per circa la metà degli ultimi 80 anni. Il predecessore di Milei era un peronista.

Mostrare miglioramenti all’economia è essenziale se Milei vuole evitare il tipo di caos che si è verificato durante la crisi finanziaria argentina del 2001-02, che ha portato a un avvicendamento di cinque presidenti in due settimane e a rivolte che hanno causato più di 30 morti. Milei ha previsto che avrebbe superato le proteste e altri tentativi di far deragliare il cambiamento.

“Se lo avessi considerato un ostacolo, non avrebbe avuto senso per me intervenire per apportare i cambiamenti”, ha dichiarato.

GLI EFFETTI DEL MILEI-PENSIERO

Finora, le cose sono peggiorate su alcuni fronti, cosa che Milei aveva avvertito sarebbe accaduta prima che il suo governo registrasse dei miglioramenti.

Dopo una svalutazione di oltre il 50% del peso il mese scorso, l’inflazione è salita ulteriormente. Il divario tra il tasso di cambio ufficiale e quello del mercato nero utilizzato dalla maggior parte degli argentini ha ricominciato ad aumentare. Ciò solleva la possibilità di un’altra svalutazione, che secondo gli economisti farebbe salire ulteriormente l’inflazione.

A dicembre, un tribunale ha emesso un’ingiunzione contro le iniziative volte a ridurre l’influenza dei sindacati e a rendere più facile per le aziende licenziare i lavoratori. Gli attivisti si impegnano a perseguitare i legislatori che voteranno a favore delle misure.

Il Congresso ha bloccato l’approvazione della legge omnibus di Milei, costringendo il governo a scartare alcune proposte fiscali per contribuire al pareggio di bilancio. Il suo piano di chiusura della banca centrale, che sotto il governo peronista stampava denaro a volontà, incontra la dura opposizione dell’establishment politico.

“La gente non può più sostenere tutto questo”, ha detto Amanda Gutiérrez, che lavora in una tipografia e ha smesso di comprare carne di manzo, un prodotto di base argentino. La 53enne, che ha protestato fuori dal Congresso contro le iniziative di Milei, ha detto che il suo stipendio non copre più le spese. “Le sue teorie economiche non possono essere applicate”, ha detto. “Sono arretrate”.

MILEI (PER ORA) RESTA POPOLARE

Milei rimane popolare, con il 58% dei consensi, secondo il sondaggio locale Poliarquía. Un sondaggio di Opinaia ha mostrato che il 70% degli argentini sostiene i suoi piani di taglio della spesa pubblica in un Paese abituato a generosi sussidi per i trasporti e l’elettricità.

Tuttavia, il suo sostegno è sceso di 9 punti percentuali tra dicembre e gennaio, secondo un sondaggio di Poliarquía, mentre i prezzi del carburante sono raddoppiati e il costo dei generi alimentari è salito del 30%. Secondo gli analisti politici, il sostegno potrebbe erodersi ulteriormente. L’Institute of International Finance, un’associazione di società finanziarie globali, prevede che l’economia si contrarrà del 7,8% nel primo trimestre e che l’inflazione annuale salirà a circa il 300% entro la metà dell’anno.

“La popolazione è stata così traumatizzata dalle calamità economiche dell’ultimo governo che per ora sembra disposta ad assecondare la corsa”, ha dichiarato Benjamin Gedan, direttore del programma per l’America Latina presso il Wilson Center, un think tank di Washington. “Ma c’è un numero straordinario di mine da superare”.

SULLE TRACCE DI MACRI

Seduto su una sedia dorata nell’ornato ufficio presidenziale, Milei, 53 anni, ha liquidato come “sciocchezze” le preoccupazioni sulla sua capacità di attuare il programma. Ha detto che riuscirà dove i predecessori hanno fallito perché è un economista “iperortodosso e libertario”.

“Sono ancora un outsider”, ha detto Milei. “Il modo in cui interpreto il mio mandato è come un lavoro. Mi è stato affidato il compito di mettere ordine nell’economia”.

Milei ha sottolineato che il suo gabinetto comprende funzionari esperti che hanno servito nell’amministrazione 2015-2019 di Mauricio Macri, un uomo d’affari di centro-destra che ha cercato di ridurre gradualmente la spesa per evitare le proteste. L’approccio è fallito dopo aver perso l’accesso ai mercati finanziari globali, costringendo l’Argentina ad accollarsi un prestito del Fondo Monetario Internazionale di 44 miliardi di dollari.

BASTERÀ L’OTTIMISMO?

Milei si è detto convinto che il Congresso approverà le sue misure e ha affermato che i legislatori che si oppongono al suo programma pagheranno alle elezioni di midterm del 2025. Se i legislatori non collaboreranno, ha detto, “li esporremo alla società, li mostreremo come nemici di una società libera, nemici del progresso”.

Alcuni venti di coda potrebbero aiutare Milei: un forte raccolto di grano previsto per quest’anno e un nuovo gasdotto per il gas naturale che si pensa possa ridurre i costi dell’energia.

I suoi avversari sono allo sbando dopo che l’amministrazione peronista del presidente Alberto Fernández ha lasciato l’incarico a dicembre. Durante il suo mandato quadriennale, l’inflazione è salita alle stelle dal 50% e la povertà è al 42% dal 35%, secondo il Centro di Ricerca Finanziaria dell’Università Torcuato Di Tella.

ALLEATO CON L’OCCIDENTE…

Milei ha dichiarato di vedere l’Occidente come alleato naturale dell’Argentina, dopo che i suoi predecessori di sinistra si erano sempre più schierati con i rivali statunitensi, dalla Russia alla Cina al Venezuela. I Paesi modello di Milei vanno dall’Irlanda all’Australia e alla Nuova Zelanda.

Ha dichiarato di ispirarsi al profeta biblico Mosè e a Margaret Thatcher, una visione sorprendente per un argentino alla luce della guerra del 1982 per le isole Falkland tra la Gran Bretagna e la giunta militare che governava l’Argentina. Milei ha dichiarato che lui e il ministro degli Esteri britannico David Cameron avranno “un rapporto adulto” per discutere delle differenze territoriali.

“L’Argentina deve tornare in Occidente, ma allo stesso tempo deve far notare all’Occidente che si è allontanata dal percorso, proprio come ho fatto io al World Economic Forum”, ha detto Milei, riferendosi a un discorso tenuto all’inizio del mese a Davos, in Svizzera, che ha ricevuto gli elogi di Elon Musk e dell’ex presidente Donald Trump.

…MA IN QUALCHE CASO ANCHE CON I COMUNISTI

“Lo Stato è una macchina coercitiva per rubare risorse al settore privato”, ha detto. “Pertanto, non vedrei mai lo Stato come una soluzione a qualcosa, ma come la fonte stessa del problema”.

Anche se ha deciso che l’Argentina non accetterà l’invito a far parte del gruppo dei Brics, che comprende Cina e Russia, Milei sembra fare marcia indietro rispetto agli attacchi che ha rivolto ad alcuni governi e personaggi pubblici durante la sua campagna elettorale. Ha negato di aver “fatto saltare” i legami con la Cina, uno dei principali partner commerciali dell’Argentina.

“È vero che non mi alleerò con i comunisti”, ha detto Milei di Pechino. “Ma bisogna separare le questioni geopolitiche da quelle commerciali”.

LA CONVERSIONE ALL’EBRAISMO

Milei, che dovrebbe visitare Israele a febbraio, ha dichiarato che esiste la possibilità di convertirsi all’ebraismo, anche se ha detto che rispettare lo Shabbat il sabato potrebbe essere in conflitto con il suo carico di lavoro. “È qualcosa che ha a che fare con la mia vita spirituale e con la grande quantità di conoscenza che traggo dallo studio, ad esempio, della Torah”, ha detto.

INVESTIMENTI E PRIVATIZZAZIONI

Milei ha affermato che l’Argentina ha bisogno di investimenti stranieri per garantire una ripresa più rapida dell’economia.

“Più investimenti garantiamo e più bassi sono i tassi di interesse, più la recessione sarà morbida e la ripresa molto più veloce”, ha detto. “Dobbiamo fare un grande sforzo di comunicazione per far capire loro che questa volta facciamo sul serio, che questa volta è davvero diversa”.

Milei ha dichiarato che porterà avanti i piani di privatizzazione delle aziende statali. “Tutto ciò che posso vendere per primo, lo venderò subito”, ha detto.

Ha aggiunto che la vendita della quota di maggioranza dell’Argentina nella compagnia energetica statale YPF, espropriata nel 2012, non è più una priorità perché “comporterebbe una grande perdita di valore per gli argentini”.

MILEI COME PELLEGRINI

Milei ha paragonato le sfide che deve affrontare a quelle di un leader del XIX secolo, Carlos Pellegrini. Quando Pellegrini salì alla presidenza nel 1890, l’Argentina stava affrontando una grave crisi finanziaria. Pellegrini varò misure economiche che inizialmente danneggiarono gli argentini comuni ma che, col tempo, portarono il Paese sulla strada di una forte crescita.

“Fu insultato da tutto il popolo”, ha detto Milei. “Ma oggi la storia argentina lo ricorda come un pilota delle tempeste”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top