Mondo

La Germania coccola i campioni nazionali. Inchiesta Bloomberg

di

Germania Covid-19 Bce

Tutte le manovre economiche anti Covid in Germania secondo un approfondimento di Bloomberg

 

Ogni tanto, in questo anno straordinario, è bene fermarsi a guardare con stupore quanto è già cambiato, e quanto velocemente. Prendete la Germania. Nell’ultimo decennio, la maggior parte del mondo, ha rimproverato quei tirchi tedeschi di superare il loro feticcio del bilancio e di spendere, spendere, spendere, spendere. Poi arriva una pandemia, e all’improvviso – scrive Bloomberg –  fanno proprio quello che chiediamo. E come. Comprese le ultime misure di liquidità supplementari e le misure accessorie di liquidità come le garanzie, il pacchetto di stimolo della Germania per mitigare il colpo economico di Covid-19 ammonta a più di 1,3 trilioni di euro (1,47 trilioni di dollari). E’ di gran lunga il più grande in Europa e addirittura più alto dell’America, in rapporto al prodotto interno lordo. Complimenti al Cancelliere Angela Merkel. Non c’è dubbio che questo “bazooka”, come lo chiama il ministro delle Finanze tedesco, è necessario e buono. Né i tedeschi hanno del tutto torto a gongolare sul fatto che la loro ritrovata munificenza è possibile solo grazie alla loro precedente parsimonia, per la quale sono stati tanto rimproverati. Nonostante la sua attuale vastità, la Germania prevede di uscire dalla crisi con un debito pari “solo” all’80% del Pil, in aumento rispetto al 60% circa.

Ma ovunque vengano somministrati farmaci in dosi massicce e improvvise, c’è il rischio di spiacevoli effetti collaterali. In Germania, e in Europa in generale, uno di questi potrebbe essere un cambiamento duraturo nella filosofia di governo, che passa dalle politiche favorevoli al mercato all’interventismo statale. Questo non deve necessariamente finire nella pianificazione centrale. Ma anche fare un passo avanti significherebbe comprare il sollievo oggi al prezzo della miseria domani.

Lo Zeitgeist ha iniziato a cambiare prima di Covid-19. Più di un anno fa, il ministro dell’economia della Merkel, Peter Altmaier, ha redatto una “Strategia industriale nazionale 2030”. In essa, ha proposto di intervenire massicciamente nell’economia per viziare i “campioni” aziendali nazionali – con leggi antitrust più permissive, partecipazioni azionarie del governo e così via. Come giustificazione, Altmaier ha citato una Cina mercantilista ed economicamente rapace. Per il sostegno intellettuale e politico, si è appoggiato alla Francia. L’idea di Altmaier, sembrava all’inizio, era morta all’arrivo. Il suo marchio di “dirigismo” potrebbe essere esattamente quello che ci si aspetta dai francesi. Ma è del tutto estraneo alla tradizione tedesca del dopoguerra di “ordoliberalismo” del laissez-faire.

Le lobby commerciali hanno fallito, così come il Mittelstand delle medie imprese a conduzione familiare, che spesso eccellono nelle loro nicchie, ma non verrebbero incoronati come campioni. Un think tank ha persino messo in guardia contro “il ritorno del nazionalismo economico in Germania”. Lo scorso autunno, Altmaier ha ammorbidito con discrezione i suoi piani, poi li ha accantonati. Ma a marzo, come parte del loro stimolo coronavirus, Altmaier e Merkel hanno ritirato i piani con altrettanta discrezione. Era tutto lì, in bella vista: un fondo di 100 miliardi di euro per acquistare partecipazioni in aziende e regole per bloccare alcune acquisizioni estere. Aiuti di Stato qui, una gamba in alto. Il salvataggio più grande, a 9 miliardi di euro, è quello della Deutsche Lufthansa AG, ma la lista degli altri è lunga e in crescita. Presumibilmente, questi sono tutti ormai i “campioni” della Germania. Per essere sicuri, c’è molto da lodare nel modo in cui la Merkel è intervenuta finora.

Il suo pacchetto di recupero è probabilmente il più verde del mondo. Il denaro confluirà nei veicoli elettrici e nelle energie rinnovabili. In contrasto con lo stimolo del 2008, questo non sta dando alla gente “soldi per i clunkers” con i motori a combustione. E i tedeschi sembrano pronti a finanziare qualsiasi cosa con la parola “digitale”. Ma c’è una differenza tra l’elogio della Merkel per aver tratto il meglio da una situazione infelice e l’avallo della logica di fondo di lasciare che il Leviatano stanzi il capitale. Le argomentazioni contro il capitalismo di Stato non sono cambiate da quando le ho elencate nella lontana era pre-moderna – cioè questo gennaio.In primo luogo, i governi tendono a confondere le dimensioni di una società con la forza. In secondo luogo, sono di solito peggiori degli investitori privati nell’individuare i vincitori, e sempre peggiori nel tirare fuori i soldi dai perdenti. Terzo, trasformano l’economia in una grande competizione di lobby per le imprese, che alla fine danneggia i contribuenti e i consumatori. Poiché l’attuale cambiamento di paradigma dal mercato allo stato è paneuropeo, inoltre, ci sono anche nuovi problemi con la politica industriale che aumenteranno la tensione all’interno dell’Unione Europea.

Una delle premesse del mercato unico dell’UE è che gli aiuti da parte degli Stati membri alle “loro” imprese in genere non sono consentiti, perché distorcerebbero la concorrenza. Questo è cambiato. In questi giorni, a causa della pandemia, la Commissione europea fluttua attraverso gli aiuti di Stato, di solito nell’arco di poche ore. Ma non tutti gli Stati membri hanno portafogli o linee di credito di dimensioni simili. La Spagna, ad esempio, ha sofferto più della Germania a causa dell’epidemia, eppure non può permettersi di sostenere le sue aziende quasi altrettanto. Così circa la metà di tutti gli aiuti di Stato nell’UE durante la crisi va ad un solo paese: la Germania. Come un think tank nota con un eufemismo, questo porterà non solo a divergenze ancora maggiori, ma anche “a scontri all’interno dell’UE”. Nulla di tutto ciò vuole negare la necessità di un deciso stimolo fiscale per salvare la vita del paziente, che in questo caso è l’economia tedesca ed europea. Ma come ogni medico saggio, i leader europei, e soprattutto la Merkel, devono fare in modo che il trattamento al pronto soccorso non si trasformi in una terapia cronica. Lo stimolo, in questo senso, è come gli oppioidi: Necessari per il sollievo in caso di emergenza, che creano dipendenza e sono rovinosi se continuano.

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati